Castello di Gerenzago

Gerenzago (PV)

Indirizzo: Via del Castello (Fuori dal centro abitato, in posizione dominante) - Gerenzago (PV)

Tipologia generale: architettura fortificata

Tipologia specifica: castello

Configurazione strutturale: Ha pianta quadrilatera con cortile centrale con strutture sporgenti negli angoli nord ed ovest. Si articola su 2 piani (piano terreno e primo piano) con strutture di orizzontamento costituite da solai in legno. Il piano seminterrato Ŕ costituito da 2 ambienti coperti da volte a botte posti a metÓ dell'ala nord e da un terzo coperto da volta a vela posto al fianco dell'androne. L'ingresso Ŕ situato nell'ala est sporgente rispetto al quadrilatero. Il cortile interno ha pavimentazione a mattoni posti di coltello. L'accesso al primo piano avviene tramite una scala a rampa unica collocata in adiacenza della facciata ovest del cortile che porta a un ballatoio che corre lungo la facciata nord con parapetto in legno. Le coperture a falda hanno struttura in legno e manto in coppi.

Epoca di costruzione: sec. XV

Descrizione

Il castello, che Ŕ ubicato a sud del paese, Ŕ destinato ad abitazioni e fa parte oggi di un complesso di edifici agricoli. Nel suo insieme, nonostante lo stato di degrado, presenta, con buona evidenza, i caratteri del fortilizio rurale di pianura: un edificio a impianto quadrangolare, con cortile interno che ancora conserva (forse) la originaria pavimentazione in mattoni e su di una parete del quale, al piano superiore, si sviluppa un lungo balcone continuo munito da balaustre in legno. Le facciate sono, perlomeno attualmente, in mattoni a vista. In corrispondenza dell'unico ingresso, posto sulla fronte sud orientale, sono ancora visibili le tracce, malamente murate, dell'incasso dei bolzoni del ponte levatoio e della forcella della ponticella levatoia che gli si apriva a lato. Il suo stato di manutenzione Ŕ mediocre, ma proprio in considerazione del particolare interesse del suo organismo castellano, tutt'altro che frequente in zona, un restauro sarebbe auspicabile.

Notizie storiche

La localitÓ rientrava, nel medioevo, tra i feudi dell'abbazia pavese di San Pietro in Ciel d'Oro, situazione che condivideva con la vicina Lardirago. Si trattava di proprietÓ di alto valore, poste com'erano all'interno della fertile pianura agricola attraversata dal Lambro e dall'Olona. Fu perci˛ naturale che si sentisse la necessitÓ di costruirvi una fortificazione. Il castello Ŕ, presumibilmente, di origine trecentesca (la vera, grande etÓ dell'incastellamento della campagna pavese). Venne tuttavia ampiamente trasformato in epoca successiva, nel Seicento.

Uso attuale: intero bene: non utilizzato

Uso storico: intero bene: residenza

Condizione giuridica: proprietÓ privata

Riferimenti bibliografici

Zanaboni G., Castelli pavesi. Gerenzago, 1959

Merlo M., Pavia 1971, pp. 92-94

Zanaboni G., Pavia 1987, pp. 77-84

Conti F./ Hybsch V./ Vincenti A., Novara 1990, p. 131

Malgrassi A. L./ Manara R., La campagna Sottana del Principato di Pavia: dimore di proprietÓ nobiliare nel Settecento, 2000

Credits

Compilatore: Albani, Francesca (2002); Mittermair, Martin (2002); Tolomelli, Davide (2002)

Compilazione testi: Conti, Flavio

Responsabile scientifico testi: Conti, Flavio

Ultima modifica scheda: 14/10/2016

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)