Casa Cattaneo

Cernobbio (CO)

Indirizzo: Via Regina, 41(P), 41/a (Nel centro abitato, distinguibile dal contesto) - Cernobbio (CO)

Tipologia generale: architettura per la residenza, il terziario e i servizi

Tipologia specifica: casa

Configurazione strutturale: Edificio di forma rettangolare, su griglia di pilastri in calcestruzzo armato e muratura di tamponamento in laterizio; solai in latero-cemento; copertura piana.

Epoca di costruzione: 1938 - 1939

Autori: Cattaneo, Cesare, progetto

Descrizione

L'edificio occupa interamente un lotto rettangolare all'interno del nucleo storico di Cernobbio; affacciato alla strada Regina, nel punto in cui si allarga nella piazza centrale, è addossato sul retro ad una casa preesistente.
Con lati di 15 metri in fronte e 12 metri in profondità, è sviluppato su quattro livelli, più il piano cantinato. Le opere murarie, eseguite dall'Impresa Mondelli di Cernobbio, sono costituite da una struttura mista di cemento armato, verso strada, e di muratura in mattoni pieni verso il retrostante edificio.
Il piano terreno, completamente vetrato, è adibito ad attività commerciale; dopo anni di manomissioni, è stato recentemente riportato alle originarie condizioni.
Mediante un passaggio coperto si accede alla scala che conduce ai piani; questa particolare soluzione, che attraversa la casa da una facciata all'altra, garantisce la ventilazione trasversale ed estende lo sviluppo delle vetrine del negozio, il cui ingresso risulta così protetto.
I tre piani superiori sono destinati a residenza, con un appartamento per piano, rispettivamente di cinque locali al primo e secondo livello, di quattro al terzo; quest'ultimo piano è arretrato e gode di un'ampia terrazza, delimitata da un parapetto in muratura di pilastri e travature, con la parte frontale in grigliato metallico destinato alla formazione di una schermatura di verde rampicante per garantire un adeguato riparo dal sole.
L'opera è caratterizzata da forti accenti plastici, derivati da incastri di elementi architettonici e dalla presenza di ampie e non convenzionali finestrature.
Una attenta analisi dell'architettura e delle sue specifiche componenti rivela l'estrema attenzione e cura tesa a far coincidere ogni scelta espressiva con il particolare costruttivo, ogni segno grafico con la sua trasposizione nella realtà delle situazioni d'uso. Alcuni dettagli sono particolarmente significativi: come la scelta dell'intonaco in cemento e frammenti di marmo, più durevole e più affidabile delle consuete tinteggiature bianche care al razionalismo, o l'estrema cura posta nel disegno e nella realizzazione dei serramenti scorrevoli, eseguiti dalla ditta Colombo & Clerici di Como, dove l'architetto prevede sistemi di protezione, facilita la pulitura mediante speciali accorgimenti, studia i metodi di oscuramento e di isolamento acustico senza rinunciare all'idea di una casa moderna "aperta all'aria e alla luce".
Un intervento di ristrutturazione del 1999 ha coinvolto il secondo ed il terzo livello dello stabile, al fine di accorpare i due originari appartamenti in una sola unità.
Negli ambienti al primo piano dell'edificio è oggi sistemato l'Archivio Cattaneo.

Notizie storiche

Casa d'affitto di contenuta dimensione affacciata alla strada Regina, asse principale che attraversa il centro storico di Cernobbio, l'edificio è forse la più conosciuta ed apprezzata fra le architetture di Cesare Cattaneo.
Essendo committente la stessa famiglia Cattaneo, il progetto rappresentò per l'architetto una fortunata occasione professionale, attraverso la quale sperimentare e mettere in pratica l'intensa attività di ricerca, maturata negli anni precedenti, senza "dover soggiacere alla volontà tirannica dei clienti".
La costruzione dell'edificio, avvenuta nel corso della campagna autarchica e in un periodo di eccezionale tensione della vita europea, ha imposto una riduzione dell'impiego dei metalli e l'eliminazione di materiali il cui impiego è stato reso quasi impossibile dalle condizioni del mercato edilizio. Dal programma costruttivo è stata esclusa ogni soluzione che avrebbe oltrepassato i limiti di costo, abituali in una casa d'affitto destinata al ceto borghese; ad esempio, ogni materiale pregiato ed ogni congegno azionato a motore. Il tono generale è perciò su un livello intermedio tra la costruzione popolare e la costruzione di lusso.
Cattaneo aveva una spiccata attitudine alla ricerca teorica e si muoveva sul terreno molto concreto dell'architettura, sia nella fase di progetto, sia nella fase di esecuzione. Valgano, a titolo di esempio, alcuni brani tratti dalla sua pubblicazione "Giovanni e Giuseppe" (Libreria Salto, Milano 1941), uno dei quali riferito alle finestre, fra le componenti che più caratterizzano la casa di Cernobbio: "l'architetto schizza, cancella, con un colpetto di gomma muri interi e, spesso, immerso nella sua avventura da tavolino, si dimentica di pensarla e studiarla come dovrebbe, come il germe microscopico di quella gran fabbrica che dovrà poi esplodere su una strada... il progetto devi considerarlo solo una parte dell'opera".
Nell'archivio dell'architetto è conservata una trascrizione del testo di venti conferenze sul tema "Storia degli ideali dalle origini del cristianesimo ai contemporanei, tenute a Como, nei mesi a cavallo del 1941 e 1942, dal teosofo Franco Ciliberti, fondatore della rivista "Valori primordiali" (del cui manifesto Cattaneo fu firmatario) e legato ai circoli filosofici neoplatonici. Significativamente, nel testo della XV conferenza si trovano accenni alla casa di Cernobbio, definita, insieme alla Casa del Fascio di Terragni, un "capolavoro assoluto dell'architettura funzionale", e resa possibile da una dedizione incondizionata al tema del lavoro e da un "isolamento" che aveva consentito a Cattaneo di approfondire ogni aspetto della sua opera.

Uso attuale: intero bene: abitazione

Uso storico: intero bene: abitazione; primo piano: sede archivio cattaneo

Condizione giuridica: proprietà privata

Riferimenti bibliografici

Fiocchetto R., Cesare Cattaneo 1912-43. La seconda generazione del razionalismo, Roma 1987, pp. 118-135

Cattaneo D./ Selvafolta O., Cesare Cattaneo Architetto. Le prefigurazioni plastiche, Como 1989, pp. 27-28, 90-101

Cavadini L., Il Razionalismo Lariano. Como, 1926-1944, Milano 1989, pp. 82-85

Cavadini L., Architettura razionalista nel territorio comasco, Como 2004, pp. 22-25

Fonti e Documenti

Archivio Cesare Cattaneo, Casa d'affitto a Cernobbio, 1938-1940, Disegni

Archivio Cesare Cattaneo, Casa d'affitto a Cernobbio, 1938-1940, Documenti

Archivio Cesare Cattaneo, Casa d'affitto a Cernobbio, 1938-1940, Fotografie

Archivio Cesare Cattaneo, Casa d'affitto a Cernobbio, 1938-1940, Maquette

Percorsi tematici:

Collegamenti

  • Descrizione archivistica: Casa d'affitto a Cernobbio (1937 - 1939)
    Unità compresa in: Cattaneo Cesare (1912 - 2005), Professione, Progetti e opere realizzate. Conservatore: Associazione Archivio Cattaneo (Como, CO).

Credits

Compilatore: Garnerone, Daniele (2005); Leoni, Marco (2005)

Compilazione testi: Garnerone, Daniele

Responsabile scientifico testi: Susani Elisabetta

Fotografie: Garnerone, Daniele; Leoni, Marco; Margutti, Stefano

Ultima modifica scheda: 27/01/2017

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)