« LombardiaBeniCulturali
Sei in: Opere

Collegio di Milano
Milano (MI)

Indirizzo: Via San Vigilio 10 - Milano (MI) (vedi mappa)

Tipologia: architettura per la residenza, il terziario e i servizi; struttura ricettiva

Caratteri costruttivi:

  • strutture: setti portanti in cemento armato
  • facciata: mattoni sabbiati
  • coperture: piana a terrazza
  • serramenti: in alluminio (corpo dei servizi comuni); in legno verniciati di bianco (alloggi per studenti)

Cronologia:

  • progettazione: 1971
  • esecuzione: 1971 - 1974
  • data di riferimento: 1971 - 1974

Autori:

Uso:

  • (attuale) abitazione collettiva
  • (storico) residenza collettiva

Condizione giuridica: proprietà persona giuridica senza scopo di lucro

Descrizione

Il complesso oggi noto con il nome di "Collegio di Milano" - attualmente adibito a residenza per studenti universitari - nasce negli anni Settanta come centro per l'assistenza ai Paesi africani. È costituito da tre elementi, disposti a formare una planimetri a forcella che si apre verso il parco di oltre ventimila metri quadri disegnato all'intorno: da un volume a doppia altezza, in cui sono ubicati i servizi comuni quali hall, portineria e auditorium, si dipartono due corpi di fabbrica articolati su tre livelli digradanti in cui vengono disposte le camere per i residenti. Distribuite da lunghi corridoi, le stanze sono organizzate in gruppi di due unità intorno a colonne impiantistiche che servono i piccoli servizi igienici. Eventualmente aggregabili a formare ambienti di dimensioni maggiori, sono affacciate su terrazzini privati chiusi da parapetti in mattoni pieni sabbiati, la cui scansione determina l'articolato sviluppo delle facciate interne. Le aperture, porte-finestra in legno bianco sistemate trasversalmente alle pareti, scavano il solido erodendone gli spigoli e aumentando l'effetto plastico dell'intero progetto, che più volte è stato paragonato dalla critica al St. Andrews Dormitory di James Stirling.

Notizie storiche

L'edificio è stato più volte sottoposto a interventi di ristrutturazione, che ne hanno parzialmente alterato la lettura. In particolare, nel corso del 2003 sono stati eseguiti lavori che hanno comportato la costruzione di alloggi per i professori sulla terrazza dell'ultimo piano, la realizzazione di una copertura in ferro e vetro e lo spostamento dell'alloggio del custode.