Clerici di Cavenago (1504 - 1936)

fondo | livello: 1

Altre denominazioni:
Denominazione in GG II 984: Clerici di Cavenago

Conservatore: Archivio di Stato di Milano (Milano, MI)

Produttore fondoFamiglia Clerici (sec. XVI? - prima metà sec. XX?)

Progetto: Archivio di Stato di Milano: Anagrafe degli archivi (guida on-line) (1998 - 2007)

Codice: ASMI4440

Consistenza: bb. 230, cartelle 3, regg. 9
(In GG: bb. 182)

Metri lineari: 33

Note alla data: Con documenti in copia dal 1320
(In GG: sec. XVI - sec. XX)

Contenuto: L'archivio è costituito da due sezioni, relative l'una al ramo marchionale antico, l'altra al ramo marchionale moderno della famiglia.
La parte più consistente della documentazione riguarda i beni della famiglia e la loro amministrazione, sotto il titolo "Beni" nella prima sezione, sotto il titolo "Possessioni" nella seconda.

Storia archivistica: Il fondo fu acquisito dall'AS MI come deposito nel 1982, in seguito ad un allagamento subito dalle carte in casa Clerici, e poi acquistato nel 1983.
Successivamente all'acquisto, altro materiale d'archivio consistente in un pacco di carte sciolte fu consegnato all'AS MI e collocato nelle buste.
Furono inoltre reperiti fra la documentazione quattro libri del secolo XVIII d'argomento giuridico e amministrativo sicuramente di provenienza Clerici. L'ordinamento attuale del fondo risale, nella sua concezione di base, agli anni Trenta del secolo XX e fu opera di Cesare Manaresi. L'intervento fu condotto presumibilmente e fin dove possibile sulla traccia delle segnature originarie settecentesche riportate da molti documenti. Nei primi anni Ottanta, in seguito all'acquisizione definitiva del fondo da parte dell'AS MI, Piero Scatizzi, archivista di Stato, curò la fotoriproduzione delle camicie dei fascicoli di mano dello stesso Manaresi e le comprese all'interno delle proprie schede di riordino. Tali schede andarono a formare i due inventari analitici di cui la documentazione è attualmente corredata. Sempre a Piero Scatizzi si deve la redazione dell'inventario sommario.
Nel 1992 la Soprintendenza archivistica per la Lombardia acquistò presso una libreria antiquaria altra documentazione d'archivio di compendio del ramo moderno, e una cartella contenente 239 stampe. La documentazione acquistata, costituita esclusivamente da registri, si trova contenuta in camicie prestampate originali dell'archivio familiare Clerici, recanti l'indicazione della serie e della collocazione.

Criteri di ordinamento: I fascicoli riportano l'indicazione del contenuto, gli estremi cronologici, la segnatura originaria e quella attuale.

Strumenti di ricerca

Clerici di Cavenago
ultimo quarto sec. XX
inventario sommario
Inventario di sala AD 5
Autori: Scatizzi Piero (archivista di Stato)

Compilatori
prima redazione: Raimonda Cuomo, archivista 1999/12/10
rielaborazione: Ermis Gamba, archivista 2005/05/09

espandi | riduci