Camera di commercio di Pavia - parte antica (V fase) post- 1964 (1936 - 1989)

sezione | livello: 2

Produttore sezionePavia, Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Pavia - CCIAA (1966 - )

Produttore complesso di fondi: Pavia, Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Pavia - CCIAA (1966 - )

Consistenza: 246 unitā ripartite in 20 serie/categorie

Contenuto: Il fondo conserva documentazione prodotta dalla Camera di commercio di Pavia dal 1936 al 2006. Le carte conservate testimoniano le numerose attivitā esercitate dalla Camera sul territorio della provincia di Pavia riflettendone le peculiaritā, la forte connessione con ditte, associazioni, organi di controllo e vigilanza ed enti pavesi, e i rapporti, fitti e intensi, con organi istituzionali statali, e locali, e con Camere di commercio di altre province ed estere. Non mancano, come č ovvio, poi le testimonianze sulla gestione interna e sull'attivitā di funzionamento degli uffici camerali.

Gli interventi camerali abbracciano vari ambiti disciplinari: si va dalla vigilanza sulla produzione, vendita e approvvigionamento dei beni, alla disciplina del commercio interno ed estero; dalla regolamentazione del settore agricolo e zootecnico alla realizzazione di indagini e statistiche; dagli interventi nell'istruzione tecnica e professionale ai rapporti con i fornitori e collaboratori esterni; dalle politiche del lavoro alla regolamentazione del settore dei trasporti e delle comunicazioni, dall'organizzazione e partecipazione a convegni e conferenze all'organizzazioni e partecipazioni mostre e fiere locali a carattere anche internazionale. Questi ultimi gruppi di carte risultano qui essere particolarmente documentati anche tramite materiale propagandistico.

Storia archivistica: I fascicoli di questo nuovo intervento (V fase - v. Notizie di intervento) erano conservati all'interno di faldoni cartacei, che recavano tracce di un titolario in categorie e classi, e sciolti, talvolta legati per mezzo di fettuccia. I fascicoli contenuti nei faldoni coincidevano, nella maggior parte dei casi, con le indicazioni annotate sui dorsi. Un altro gruppo di fascicoli si trovava conservato in faldoni oppure sciolti e conservati su scaffali metallici: sono queste carte provenienti dall'Ufficio del dott. Paolella che si occupava principalmente di turismo e dell'organizzazione di corsi professionali e di formazione. La provenienza di questi fascicoli č stata dichiarata in nota nelle relative schede delle unitā archivistiche.

Criteri di ordinamento

L'ordinamento ha seguito il Titolario unico di archivio dettato dal Ministero dell'industria e del commercio a partire dal 1964. In alcuni, pochi, casi, sono state fatte delle integrazioni di classi, i cui titoli sono stati indicati tra parentesi quadre e desunti dalle indicazioni apposte dal personale camerale sui dorsi dei faldoni o sulle camicie cartacee dei fascicoli. Presumibilmente tali classi sono state create dal personale camerale per esigenze d'ufficio e per una migliore organizzazione delle carte. Nel caso della serie degli Albi e ruoli camerali č stata inserita la sottoserie [Albo autotrasportatori] non essendoci un'apposita voce all'interno del titolario in cui classificare i fascicoli e data l'omogeneitā delle carte conservate.

Per quanto riguarda l'ordinamento si č seguito il criterio cronologico o per materia. Si č mantenuto l'ordinamento originario dei fascicoli lā dove fosse effettivamente evidente un legame logico tra di esse.

Informazioni sulla numerazione: La numerazione delle unitā va da 1 a 377 con indicazione tra parentesi "V fase" (continua dalla sezione precedente)

Compilatori
Linda Giuzzi
Antonella Bilotto, Archivista

espandi | riduci