Sei in: HomeArchivi storiciSoggetti produttoriEnti


Convento di Sant'Alessandro, serviti(1430 - 1797)

Altre denominazioni:
Convento di Sant'Alessandro, servi di Maria

Sede: Brescia

Tipologia ente: ente e associazione della chiesa cattolica

Progetto: Archivio di Stato di Milano: Anagrafe degli archivi (guida on-line)

Un gruppo di Serviti proveniente da Bologna giunse a Brescia nel 1430 e si install˛ due anni dopo presso l'antica canonica di Sant'Alessandro, per volontÓ del vescovo di Brescia Francesco Marerio. I Serviti ereditarono insieme alla canonica di Sant'Alessandro i benefici della chiesa di Santo Stefano in Castello e la ex canonica di San Desiderio, passata nel 1468 ai Celestini.
I frati cominciarono presto a occuparsi della tutela del convento dei Santi Felice e Fortunato, prima che la cura del monastero femminile passasse ai confratelli di Sant'Eufemia. Nel 1455 papa Callisto III concesse ai Serviti la vicina "domus" di San Bartolomeo di Contegnaga, tolta agli Umiliati a causa della loro condotta scandalosa. Anche grazie a questa concessione i Serviti poterono occuparsi dell'ente restaurando i chiostri e la chiesa di Sant'Alessandro, che venne consacrata nel 1466 e abbllita nel corso del tempo da numerose opere d'arte. Nel 1469 ai frati di Sant'Alessandro fu concesso di costruire un convento sulle colline dei Ronchi, presso la chiesa di San Gottardo, che divenne una dipendenza della comunitÓ servita e venne utilizzato come casa di vacanza.
Si hanno poche notizie sul periodo successivo di vita del convento di Sant'Alessandro: secondo l'estimo del clero nel 1658 la comunitÓ contava ventidue frati e altri tre religiosi erano stabilmente a San Gottardo.
Nel 1769 lo scoppio della polveriera di San Nazaro comport˛ danni al complesso monastico e la ricostruzione della chiesa di Sant'Alessadro. Nel 1796 il convento venne fatto requisire da Napoleone per usi militari, l'anno successivo fu soppresso. La chiesa, inizialmente destinata a infermeria militare, venne riaperta al culto e il convento dal 1812 fu utilizzato come arsenale.

Bibliografia
- I chiostri, 71 = I chiostri di Brescia. Storia, arte e architettura nei monasteri della cittÓ, a c. di V. TERRAROLI, C. ZANI, A. CORNA PELLEGRINI, Brescia 1989.
- Le carte della canonica di San Desiderio = Le carte della canonica di San Desiderio di Brescia (1133-1222), Codice Diplomatico della Lombardia Medievale, risorsa internet verificata il 05/05/2006
- MANIERI, San Bartolomeo, 42 = MANIERI, M., San Bartolomeo di Brescia. Da Domus degli umiliati a caserma militare: sette secoli di storia del palazzo dell'Arsenale, Brescia, Grafo, 1990
- SPINELLI, Ordini e congregazioni, 320-321, 326, 332 = SPINELLI, G., Ordini e congregazioni religiose, in Storia religiosa della Lombardia. Diocesi di Brescia, a cura di A. Caprioli, A. Rimoldi, L. Vaccaro, Brescia, La Scuola, 1992, pp. 291-355
- VECCHIO, La chiesa di San Desiderio, 17 = VECCHIO D., La chiesa di San Desiderio e i documenti del Codice Diplomatico Bresciano, "Brixia Sacra" VII/3-4 (2003), pp. 7 - 56
- VIOLANTE, La Chiesa bresciana, 1087 = VIOLANTE, C., La Chiesa bresciana nel medioevo, in Storia di Brescia, vol. I: Dalle origini alla caduta della signoria viscontea (1426), Brescia, Treccani, 1963, pp. 1101-1123.

Compilatori
prima redazione: Vecchio Diana, archivista (2006/03)

Link risorsa: http://www.lombardiabeniculturali.it/archivi/soggetti-produttori/ente/MIDB000BE5/