Preventorio infantile Umberto di Savoia (1929 - 1985)

Altre denominazioni:
Istituto medico psico-pedagogico di Cannobio 1974 - 1985

Sede: Cannobio

Tipologia ente: Ospedale

Progetto: Archivio degli Istituti provinciali per l'assistenza all'infanzia di Milano: fondi del Brefotrofio provinciale di Milano

Il Preventorio infantile "Umberto di Savoia" di Cannobio (VB) fu istituito il giorno 8 agosto 1929 dal Rettorato della Provincia di Milano (deliberazione n. 7505, approvata dalla Giunta provinciale amministrativa in data 16 ottobre 1929 n. 2739). Nel 1922 il Consorzio provinciale antitubercolare aveva acquistato in Cannobio l'area contigua all'antica abbazia vallombrosana di Sant'Eusebio - espropriata nel 1867 e in seguito adattata a pensione (Villa Badia) - allo scopo di edificarvi un sanatorio per adulti, capace di circa 160-180 posti letto. La struttura fu ultimata nel 1927, ma, a parte i discordi pareri medici sull'idoneitÓ climatica del sito, fu giudicata inadeguata dal punto di vista economico. Per contenere le elevate spese di gestione - dovute alla sua posizione eccentrica e all'assenza di vie di comunicazione - sarebbe stato necessario ristrutturare il complesso e portare la sua ricettivitÓ ad almeno 300 posti letto, suscitando, fra l'altro, anche l'opposizione della popolazione locale. Dopo il rifiuto della Cassa nazionale delle assicurazioni sociali di assumerne l'onere e la gestione, la Provincia di Milano deliber˛ di acquistare l'edificio dal Consorzio e di mutarne la destinazione, facendone un luogo atto a "ricoverare, nutrire, assistere temporaneamente i bambini poveri d'ambo i sessi, legittimi e illegittimi, dell'etÓ dai sei mesi ai nove anni, i quali siano in condizioni di minorata resistenza organica con particolare riguardo all'assistenza dei figli dei tubercolosi onde sottrarli ad ambienti infetti, ma con esclusione dei bambini contagiosi o malati di malattie acute o croniche" (art. 1del Regolamento). Il Preventorio non avrebbe dovuto avere carattere ospitaliero, ma di istituto nel quale i minori "gracili" avrebbero trovato un ambiente "di piena letizia e un trattamento famigliare" (par 3░ delle Norme esplicative). Erano quindi previste, oltre alle attivitÓ didattiche, attivitÓ motorie e ricreative, soprattutto all'aperto e, per i bambini tenuti in osservazione o in contumacia, un ambiente "ampio e allegro", in cui potessero essere "educati alla massima dimestichezza, potendo la malinconia e il mutismo riuscire pregiudizievoli all'evoluzione del loro tono psichico" (par. 4░ delle Norme esplicative)
L'ente, pur avendo una propria direzione didattico-amministrativa (art. 2 del Regolamento), era legato all'Istituto di protezione e assistenza dell'infanzia (IPPAI) di Milano: ai servizi economali e all'amministrazione avrebbe provveduto l'amministratore delegato dell'IPPAI (art. 5), mentre i servizi igienici e sanitari sarebbero stati disimpegnati, a turno, dal personale medico dello stesso IPPAI (art. 3). In seguito (1) si precis˛ che tutte le pratiche d'indole sanitaria sarebbero state deferite al direttore dell'IPPAI e che il Comitato centrale di Milano dell'Opera nazionale di protezione della maternitÓ e dell'infanzia (ONMI) avrebbe dovuto sovrintendere all'indirizzo generale.
Dalla metÓ degli anni Sessanta, il Preventorio cominci˛ ad accogliere anche bambini problematici, per divenire infine (1974) un Istituto medico psico-pedagogico. Nell'agosto 1985 l'Istituto, la cui gestione dal 1░ gennaio 1984 era stata trasferita all'USSL (UnitÓ socio-sanitaria locale) n. 55 di Verbania - come previsto dal verbale d'intesa tra la Regione Piemonte e la Regione Lombardia - fu definitivamente chiuso. L'edificio fu in seguito abbandonato.

(1) "Norme per l'applicazione del nuovo Regolamento del Preventorio infantile in Cannobio", 30 dicembre 1930, in AIPMi, Brefotrofio di Milano, Direzione. Carteggio. Atti, fasc. n. 027.04.II.AP.

Bibliografia
- Regolamento Preventorio Cannobio 1930 = Provincia di Milano. Regolamento del Preventorio infantile "Umberto di Savoia". Approvato con deliberazione del Rettorato provinciale 28 dicembre 1929, vistato dal R. Prefetto l'8 gennaio 1930 n. 464. Modificato con deliberazione del Rettorato 20 dicembre 1930, vistata dal R. Prefetto il 31 dicembre 1930 n. 58105, Milano, Officine Tipo-litografiche IGAP, 1931
- Zammaretti 2005 = F. Zammaretti, Approdi alla badia. La storia e le voci del preventorio di Cannobio, Verbania, TararÓ, 2005

Compilatori
Reggiani Flores, Archivista