Disegni di scuola

La sezione Stampe e incisioni raccoglie un cospicuo numero di opere conservate nella Fondazione Maria Cosway di Lodi.

Maria Hadfield (1760-1838), moglie del pittore Richard Cosway, fu una delle figure femminili più affascinanti della sua epoca: pittrice a sua volta, cantante e musicista, educatrice.
Fondò a Lodi nel 1812 il Collegio della Beata Vergine delle Grazie, destinato all’educazione e all’istruzione delle fanciulle della nobiltà e dell’alta borghesia lombarda.

Green Valentine; Cosway Hadfield Maria - M.rs Cosway
Valentine Green (1739-1813), Ritratto di Maria Cosway (1801 ca.)

Le schede della Fondazione Cosway catalogate in Lombardia Beni Culturali offrono un’ampia possibilità di ricerca. Da un album scolastico dei primi anni dell’Ottocento “PRINCIPES RAISONNES / DU PAYSAGE, / A L’USAGE DES ECOLES DES DEPARTEMENS / DE L’EMPIRE FRANCAIS, / DESSINES D’APRES NATURE” sono ad esempio tratti alcuni raffinati alberi, disegnati da Gabriel Georges François Defiennes e incisi da diversi artisti tra cui Alphonse Léon Noel, Thérèse Eléonore Lingée, Philippe Lefèvre, Jacques Firmin Aze, Antoine Maxime Monsaldy.

Litografie

Defiennes; Lingée Thérèse Eléonore; Lefèvre Philippe - Bouleau
Bouleau

Defiennes; Noel Alphonse Léon - Hetre
Hètre

Defiennes; Lingée Thérèse Eléonore; Lefèvre Philippe - Peuplier d'Italie
Peuplier d’Italie

Vernici molli

Defiennes - Chataignier
Chataignier

Defiennes; Leroy A. P. - Jeune Pino
Jeune Pino

Defiennes; Lingée Thérèse Eléonore - Marronnier d'Inde
Marronnier d’Inde

Defiennes; Aze Jacques Firmin - Noyer
Noyer

Defiennes; Monsaldy Antoine Maxime - Saule Pleureur
Saule pleureur

Litografia
È un metodo di stampa piana che utilizza una pietra calcarea assai compatta, detta appunto “litografica”. La pietra viene trattata con una soluzione di gomma arabica e acido nitrico molto diluito: le zone rimaste libere dal disegno, precedentemente effettuato con una matita grassa, diventano repellenti ai grassi e ricettive all’acqua. La pietra viene quindi bagnata e inchiostrata a rullo: l’inchiostro si fissa sulla superficie esatta del disegno, trattenuto dalla matita grassa, mentre le zone bagnate rifiutano l’inchiostrazione.

Vernice molle
Si tratta di una variante della tecnica dell’acquaforte, nella quale, invece di ricoprire la lastra di metallo con una vernice normale, si stende su di essa per mezzo di un pennello o di un rullo, a calore moderato, un impasto composto di vernice e sego. Questa tecnica è detta anche maniera matita o maniera pastello, poiché permette di predisporre una lastra in modo che dia nella stampa su carta un’immagine simile a quella che si ottiene disegnando.

Vedi anche il sito web della Fondazione Maria Cosway.

Tag: , , , , , ,

Pubblicato: 10 dicembre 2009 [Saverio Almini]