Terapia d’Arte: un’opera al giorno. 10

Sosteniamo idealmente gli Enti sanitari lombardi con un’ “Opera al giorno”, selezionata tra i beni culturali di loro proprietà catalogati nel SIRBeC di Regione Lombardia.
Per scoprire la storia, la cultura, l’arte che accompagna l’eccellenza degli ospedali e della scienza medica in Lombardia

Moroni Giovan Battista (scuola), Ritratto di Giulio Cesare Macinata, A.S.S.T. Papa Giovanni XXIII

Moroni Giovan Battista (scuola), Ritratto di Giulio Cesare Macinata, A.S.S.T. Papa Giovanni XXIII (link alla scheda)

Il dipinto raffigura un uomo d’arme, non un condottiero, colto in attitudine di riposo: la spada è quasi abbandonata di traverso tra le gambe, il torso robusto coperto da un giubbone di pelle che replica la forma di un corsaletto da fante.
La posa assisa del Macinata e la presentazione franca e scarna del personaggio, realistico e privo di ogni forma di magniloquenza, è in linea con il gusto moroniano.
La spada presente nel dipinto era un tipo in uso nella seconda metà del XVI secolo, perfettamente funzionale alla guerra, specie per la cavalleria leggera, ed anche al duello. L’ostentazione della spada valeva a richiamare e a visualizzare l’origine del potere di tipo militare.
Macinata non era certamente né un gentiluomo né un cavaliere, l’esercizio delle armi era per lui un mestiere, fatica e non gloria, e appunto per questo diventa esemplare la sua collocazione tra i benefattori dell’Ospedale.

Tag: ,

Pubblicato: 22 aprile 2020 [cm]