Sei in: HomeLuoghi della Cultura

Fondazione D'Ars Oscar Signorini onlus, Milano (MI)

Tipologia: museo
Indirizzo: Via Giardino Calderini, 3 - Milano (MI)
Sito web

La Fondazione D’Ars promuove la conoscenza dell’arte contemporanea a livello nazionale e internazionale, attraverso l’organizzazione di mostre, concorsi, seminari. Cura i contatti con artisti, critici, galleristi, collezionisti, musei, enti pubblici e mass media.

Profilo storico

La Fondazione ha le sue radici nell’attività di D’Ars Agency fondata nel 1959 da Oscar Signorini (1910-1980) per sostenere l’attività dei giovani artisti con la collaborazione di amici-artisti tra cui Paolo Baratella, Enrico Baj, Sergio Dangelo, Giò e Arnaldo Pomodoro, Gastone Novelli, Agostino Bonalumi, Agostino Ferrari, Lucio Fontana, Mario Nigro, Remo Bianco, Giulio Turcato, Piero Manzoni, Pino Pascali, Gastone Panciera e tanti altri.

Dal 1960 l’iniziale bollettino informativo delle attività si trasforma nel periodico D’ARS, la più antica rivista italiana d’arte contemporanea esistente con attenzione particolare ai fenomeni d’avanguardia. Alla scomparsa di Signorini nel 1980, Mac Spasciani ne prosegue l’opera e nel 1984 affida l’incarico di dirigere la rivista al critico france Pierre Restany.

D’Ars si occupa sin dall’origine di sottolineare le sinergie tra l’arte e le altre forme espressive, occupandosi di cinema, fotografia, new media art, musica, poesia, letteratura, architettura. Nelle pagine dei primi numeri della rivista appaiono dibattiti e pubblicazioni in collaborazione con Salvatore Quasimodo, Dino Buzzati, Giulio Carlo Argan, Enrico Crispolti, Silvio Ceccato, Jorge Glusberg, Tony Spiteris, Armando Silva.
Nel 1984 viene istituito il Premio Oscar Signorini, riservato ad artisti distintisi in ambiti che spaziano dalla pittura alla fotografia, dalla critica d’arte alla videoarte, dalla net-art alla robotica, dalla musica al disegno per fumetto, dall’architettura all’installazione.

La Fondazione D’Ars inoltre dal 2006 realizza e promuove il concorso Milano in digitale, dedicato ai giovani artisti di new media art.
La Fondazione ha anche contribuito alla creazione del mim – Museum in Motion, museo d'arte contemporanea inauguratosi nel Castello di San Pietro in Cerro (PC) nel 2001.

Patrimonio

La collezione si è formata tra il 1959 e il 1980 e riunisce opere di artisti appartenenti ai principali filoni espressivi del periodo: figurazione, astrazione e poesia visiva. Particolarmente interessanti sono le opere legate alle ricerche estreme nate nel nucleo dello spazialismo e dell’arte povera, esempi della fervida attività artistica che dominava Milano e l’Italia tra gli anni Sessanta e Settanta e caratterizzate dalla sperimentazione su tutti i fronti, dall’uso di nuovi materiali alla dimensione concettuale. Quasi tutte le opere sono state donate dagli artisti in segno di stima e di amicizia ad Oscar Signorini ma la collezione è tutt’ora in progress e accoglie ancora le donazioni degli artisti. Le opere degli anni 1959-1980 sono esposte a rotazione nella sede della Fondazione.

L’archivio fotografico copre un arco cronologico che spazia dai primi anni Sessanta ai giorni nostri. L’archivio è costituito da 280 cartelle catalogate in ordine alfabetico, ciascuna contenente cataloghi e immagini fotografiche, negativi e diapositive delle opere, delle installazioni, mostre ed esposizioni, nonché scatti dell’artista cui la cartella è intitolata; le cartelle contengono circa cinquemila fotografie, alle quali bisogna aggiungere alcune migliaia di negativi e diapositive.

La biblioteca conta più di 2000 volumi monografici di artisti affermati a livello nazionale e internazionale, legati all'attività culturale della Fondazione e non solo, e di circa 1000 volumi relativi alle correnti artistiche e culturali soprattutto del XX secolo, a eventi quali mostre d’arte, Fiere, Biennali e Triennali, a cinema, teatro, design, poesia visiva e new media art.
La Fondazione dispone infine di più copie di tutti i numeri del periodico D’Ars.

Sede

Sede espositiva d’elezione è lo Studio D’Ars, fondato nel 1975, storico luogo d’incontro per la vita artistica milanese, che propone soprattutto mostre di giovani di talento alternate a esposizioni di maestri, sia personali che a tema, con particolare attenzione ai fenomeni d’avanguardia

Bibliografia

Remo Giatti (a cura di), DVD Centri e luoghi dell’arte contemporanea in Lombardia, Regione Lombardia 2011.
Rita Gigante - Cura redazionale e revisione testi per il web

Collegamenti

Opere e oggetti d'arte

Galleria

Ultimo aggiornamento: 14 giugno 2016 [cm]

Torna all'elenco dei Luoghi della Cultura