MUST - Museo del territorio vimercatese, Vimercate (MB)

Tipologia: museo
Indirizzo: Via Vittorio Emanuele II, 53 - Vimercate (MB)
Ente proprietario: Comune di Vimercate
Sito web

Il MUST è un museo che racconta la storia del territorio vimercatese a partire dalle più antiche civiltà che lo hanno abitato fino a giungere alla società contemporanea.

Il museo raccoglie, cataloga, conserva ed espone testimonianze culturali che spaziano dai reperti archeologici ai beni storico-artistici, giungendo a valorizzare videoinstallazioni e testimonianze orali, con lo scopo di tessere attorno a questi oggetti una narrazione evocativa e scientificamente corretta del nostro passato.

Narrazione che diventa lo strumento di mediazione attraverso il quale contenuti complessi, come l'opera d'arte o il documento storico, vengono tradotti in un linguaggio divulgativo e attuale.
Il percorso di visita si sviluppa su due piani e occupa in totale 14 sale: il piano terra è ordinato cronologicamente dall'età romana fino al XIX secolo, mentre il primo piano segue un ordine tematico concentrandosi sulla storia contemporanea.


Patrimonio

La Collezione del MUST Museo del territorio vimercatese si compone di centinaia di oggetti di varia provenienza e datazione, afferenti a diverse categorie di beni sia materiali che immateriali.

La sezione di beni storico-artistici è composta da opere di pittura e scultura, per un totale di 21 oggetti, che temporalmente spaziano dal tardo Medioevo alla contemporaneità.

La sezione archeologica comprende circa 90 reperti di età romana rinvenuti a Vimercate e databili dal I fino al IV sec. d.C.. La maggior parte di essi è di proprietà statale ed è depositata all'interno del museo in virtù di una specifica convenzione.
La sezione fotografica è composta da stampe, diapositive e negativi per un totale di 9441 documenti, databili dagli ultimi decenni dell'Ottocento fino ai giorni nostri, oggi tutti digitalizzati e accessibili on line.

La Collezione comprende inoltre una raccolta di quasi 800 cartoline postali pubblicate da editori e tipografie locali a partire dagli ultimi anni dell'Ottocento, i cui soggetti raffigurano prevalentemente panorami, monumenti, palazzi, chiese e opere d'arte di Vimercate, anch'esse completamente digitalizzate e rese accessibili on line.

La Biblioteca del Museo raccoglie pubblicazioni inerenti la storia locale, con sezioni dedicate a Vimercate e il suo territorio, alla Brianza, a Milano e alla Lombardia, unite a sezioni tematiche relative agli autori locali, a testi in lingua dialettale e a tesi di laurea, per un totale di circa 1000 documenti suddivisi tra libri, periodici, video, audio e opuscoli.

A questa sezione si aggiunge un archivio privato composto di 54 faldoni di carattere prettamente economico e amministrativo, relativi la gestioni dei beni e delle proprietà della famiglia Ponti-Sottocasa, databili dalla metà dell'Ottocento fino alla fine del Novecento.

Si segnala inoltre che presso il MUST sono conservate schede descrittive di centinaia di beni, reperti e architetture afferenti al territorio del vimercatese, per un insieme di più di 350 documenti digitalizzati e fruibili on line. Si tratta, per la precisione, di 190 schede di reperti archeologici rinvenuti nei comuni intorno a Vimercate, conservati presso altri enti o collezioni private, che possano dare un quadro completo del patrimonio diffuso su tutto il territorio.

Tale database contiene inoltre 10 schede di beni architettonici antichi e moderni, atte a valorizzare complessi monumentali, edifici pubblici e di culto, edilizia rurale, dimore gentilizie, architetture fortificate, residenze private e fabbricati di archeologia industriale. In esso sono infine presenti 161 cartografie storiche della città di Vimercate e dei comuni limitrofi, che comprendono mappe politiche degli antichi Stati italiani, mappe amministrative ed ecclesiastiche e catasti storici.

La Collezione è stata costituita ed ordinata insieme all'organizzazione del museo contenitore, che si propone di raccontare la storia del territorio vimercatese a partire dalle più antiche civiltà che lo hanno abitato fino alla società contemporanea. Il MUST, infatti, raccoglie, cataloga, conserva ed espone testimonianze culturali - dai reperti archeologici ai beni storico-artistici, dai video alle tradizioni orali - per tessere attorno a questi oggetti una narrazione evocativa e scientificamente corretta del territorio vimercatese e brianteo.

Le opere storico-artistiche e i reperti archeologici, databili dal I secolo d.C. alla contemporaneità, si propongono di narrare le principali vicende storiche del territorio compreso tra Monza e l'Adda. Questi beni sono in parte di proprietà comunale, provenienti da ritrovamenti fatti sul territorio, ed in parte depositati in base a specifiche convenxzioni stipulate con il Ministero e con la Curia.

La raccolta di materiale fotografico appartiene al Comune di Vimercate fin dal 1987, quando venne costituito un primo Archivio Storico Fotografico, comprendente stampe, diapositive e negativi inerenti diversi temi della vita cittadina (ambiente urbano e naturale, arte e cultura, eventi, politica, economia, società e folklore). Questi documenti sono stati digitalizzati e messi on line nel 2003 grazie al progetto web "Mirabiliavicomercati" curato dalla Biblioteca Civica e dal 2004 la loro gestione è stata trasferita al MUST.

La creazione della sezione del Museo dedicata alle cartoline postali raffiguranti il territorio, i monumenti e le opere d'arte visibili a Vimercate, è stata avviata dal Comune negli anni Ottanta e solo recentemente è passata sotto la gestione del MUST. Tali cartoline non solo sono in grado di fornire immagini del passato, ma anche di testimoniare ciò che era ritenuto significativo dalla comunità locale e quindi degno di essere tramandato ai posteri attraverso immagini controllate e una memoria condivisa. Numerosi prestiti e donazioni da parte di privati cittadini, nonché di enti ed aziende, consente ancora oggi alla raccolta di crescere e di arricchirsi di sempre nuovi soggetti, che vengono digitalizzati e resi accessibili on line.

Per quanto infine riguarda il materiale archivistico, la sezione libraria è stata organizzata all'interno del Museo a partire dal 2004, raccogliendo circa un migliaio di documenti che riguardano la storia del vimercatese. Ai volumi si aggiunge l'archivio personale della famiglia Ponti-Sottocasa, pervenuto al Comune di Vimercate nel 2001 contestualmente all'acquisizione della Villa Sottocasa, attuale sede del Museo.

Tale archivio, di carattere prevalentemente economico e amministrativo, è stato creato e conservato negli anni da cinque esponenti di tale famiglia: l'ingegnere Luigi Ponti (1826-1888) con la moglie, la contessa Elisabetta Sottocasa (1838-1904); il nipote di quest'ultima, Gerolamo Sottocasa (1875-1928), con la moglie Gabriella Levi (1875-1954) e la figlia Arnolda Sottocasa (1907-2001), ultima contessa ad aver abitato le stanze della Villa.


Bibliografia

Bibliografia e credits
Menani De Veszelka, Ginevra – SIRBeC Scheda LDC 2011
Pesenti, Massimo SIRBeC Schede LDC-COLL 2014
Uva, Cristina SIRBeC Scheda COLL 2014
Rita Gigante - Cura redazionale e revisione testi per il web


Collegamenti

Scheda collezione
opere ed oggetti d'arte


Galleria


Ultimo aggiornamento: 9 ottobre 2018 [cm]

Elenco dei Luoghi della Cultura