Le raccolte extraeuropee in Lombardia

Geisha, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci

Geisha, Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”

 

In Lombardia si trovano notevoli collezioni di oggetti provenienti da culture extraeuropee raccolti durante i secoli da studiosi, collezionisti e viaggiatori.

Questo patrimonio, sia pubblico che privato, ha sede in luoghi disparati, nella maggior parte dei casi noti per altri tipi di collezioni.
Il presente percorso riguarda prevalentemente oggetti provenienti da Cina, Giappone e Medioriente, Africa con manufatti in porcellana, legno, tessuti. Si integra con  vetrine e percorsi già pubblicati su lombardia beni culturali come ” Filippo Camperio viaggiatore in Oriente”, “La collezione di netsuke Lanfranchi del Museo Poldi Pezzoli” e l’itinerario sul portale regionale della cultura  “Collezioni extraeuropee in Lombardia“.

Una delle collezioni più importanti è sicuramente quella delle Raccolte Extraeuropee ospitate al Castello Sforzesco fino al 2015, poi trasferite al Mudec -Museo delle Culture, spazio espositivo espressamente ideato per le culture extraeuropee (ma si prevede la ricollocazione della raccolta di Arte islamica nella sede originaria). Queste collezioni sono catalogate sul LBC come Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco – Raccolte Extraeuropee e Civiche Raccolte Artistiche – Museo delle Culture . Una parte di questi oggetti risulta collocata in  “Provincia di Milano”.

Altre ricche raccolte si trovano al Museo Poldi Pezzoli,  a Villa Necchi Campiglio, al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, all’Accademia di Belle Arti Tadini di Lovere.

Si segnalano altre opere al MIDeC – Museo Internazionale del Design Ceramico di Laveno, presso il Museo Popoli e Culture di Milano, il Museo Castiglioni di Varese, il Museo Caffi di Bergamo, la Casa Museo Pietro Malossi di Ome, il Museo d’Arte e Scienza di Milano e la Fondazione Antonio Ratti – Museo del tessuto di Como.

 

A cura di Roberto Monelli.
Editing per il web Chiara Madia

Ultimo aggiornamento: 30 marzo 2017 [cm]