Lombardia Beni Culturali
APPENDICE
3

Carta venditionis

1174 gennaio 28, Brescia.

Ogerio de Mora di Nave e Poma sua moglie, ambedue di legge romana, dichiarano di aver ricevuto da Pietro, preposito della chiesa di S. Pietro in Oliveto, diciannove soldi di denari vecchi milanesi quale prezzo della vendita di tutto il terreno di loro proprietÓ, unito ad altro di pertinenza della predetta chiesa, sito in Nave, in luogo detto More, terreno che i coniugi avevano in precedenza acquistato da Bertolotto de Nave; Poma, inoltre, rinunzia in favore del preposito a ogni diritto sui beni oggetto della vendita.

Originale, ASVat, FV, I, 2670 (SPM, 69) [A]. Nel verso, di mano del sec. XIII: Carta de Navis; segnatura del sec. XVI: 8, 1174 4░ ianuarii.

La pergamena, in discreto stato di conservazione, presenta la rigatura a secco.
La provenienza della presente pergamena dall'archivio del monastero di S. Pietro in Oliveto emerge con chiarezza dal contenuto. L'inserimento fra le carte di S. Pietro in Monte, a opera del Cenci, Ŕ dovuto a un errore materiale di cui non si riescono a cogliere le motivazioni.

(SN) Anno Domini .MCLXX. quarto, indictione septima, die lune (a) quarto exeunte mense ienuarii. Constat nos Ogerium de | Mora de Nave et Pomam iugales, qui professi sumus lege vivere Romana, accepisse sic(ut) et i(n) presentia testium manifesti sumus | quod accepimus a te, d(omi)no Petro, preposito ecclesie Sancti Petri in Oliveto, decem et novem sol(idos) denariorum bonorum Mediol(anensium) veterum, finito | precio sic(ut) inter nos convenit, nominative pro tota illa terra quam habere visi sumus in loco Nave, ubi dicitur More, et quam ipsi eme|r(ant)(1) a Bertolotto (b) de Nave, et que non est divisa a terra de illa ecclesia. Quam autem supradictam terram iuris nostri superius nominatam, una | cum accessionibus et egressionibus seu cum superioribus et inferioribus suis, qualiter supra legitur, ex omnibus inintegrum, ab hac die tibi | supradicto preposito vel suis successoribus, vice predicte ecclesie, pro predicto precio vendimus, tradimus et emancipamus, nulli alii | venditam, donatam, alienatam, obnoxiatam vel traditam nisi tibi, et facias exinde a presenti die tu et successores tui, | vice predicte ecclesie, aut cui dederint predictam terram (c), iure proprietario nomine, quicquid volueritis sine omni nostra et heredum nostrorum | contradictione. Et quidem spondemus atque promittimus nos qui supra dicti iugales, per nos et per nostros heredes, tibi supradicto prepo|sito tuisque successoribus, vice (d) predicte ecclesie, aut cui dederint, predictam terram ab omni homine defensare; quod si defendere | non potuerimus aut si vobis exinde aliquid per quodvis ingenium (e) subtraere quesierimus, tunc in duplum supradictam ter|ram vobis restituamus sic(ut) pro t(em)pore fuerit meliorata aut valuerit sub estimatione in consimili loco. Ibidem (f) pre|dicta Poma refutavit totum ius, quod ipsa habebat in predicta terra, in manu predicti prepositi, vice predicte ecclesie. | Actum est hoc sub porticu domus predicte ecclesie. Signa + (g) manuum supradictorum iugalium qui hanc cartam vendicio|nis fieri rogaverunt ut supra. Signa + manuum Ottonis de Iohanne Solda(n) et Tebaldi de Litaldo et Petri clerici de Se|rezo et Iohannis de la Pusterla testium rogatorum.
Ego Scacia notarius interfui et rogatus scripsi.


(a) -e corr. da altra lettera.
(b) B- corr. da altra lettera.
(c) p(re)dicta(m) t(er)ra(m) nell'interlineo, con segno di richiamo.
(d) v- parzialmente su rasura.
(e) A i(n)genu(m).
(f) Ib- corr. da altre lettere.
(g) Signa + Ŕ reso, qui e avanti, mediante il consueto reticolo costituito da tre tratti verticali, attraversati trasversalmente nella parte mediana da due linee, con aggiunta di gna.

(1) Non si Ŕ reperito il doc. relativo.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS