Lombardia Beni Culturali
1

Cartula offertionis pro anima

1039 aprile, Gavardo.

Useverto e Bruna sua moglie, abitanti nel vicus di Volciano, ambedue di legge romana, donano alla chiesa di S. Pietro constituta in luogo detto Monte, per la propria anima e per quella di Olderico vescovo <di Brescia> , due appezzamenti di terra in loco Moleniga: l'uno vitato di una tavola, l'altro in parte vitato e in parte arabile di ventisei tavole.

Originale, ASVat, FV, I, 2604 (SPM, 3) [A]. Nel verso, di mano coeva: Carta que fecit Urseverto (così) Sancti Petri in Moleniga; altra annotazione tarda.

La pergamena presenta fori e rosicature nella parte superiore che interessano anche la scrittura.
Il dodicesimo anno di impero di Corrado II (1038 marzo 26 - 1039 marzo 25) porta al 1038 aprile, mentre l'indizione settima conduce allo stesso mese dell'anno successivo. Abbiamo ritenuto di privilegiare l'indizione poiché tale scelta, seppure del tutto opinabile sul piano strettamente cronologico, consente di togliere dall'isolamento la presente donazione di beni in favore della chiesa di S. Pietro, ponendola più vicina alla serie documentaria che il tabularium monastico ci ha trasmessa a partire dal marzo del 1040 (doc. 2).

(SN) In Cristi nomine. Conradus gr(ati)a Dei inperator agustus (1), ic in I[talia anno inperii]| eius duodecimmo, mens(e) aprelis, inditjone septimma. Ecclexia (a) S[ancti Petri con]|stituta in loco que dicitur Momte nos Useverto et Bruna iugali[bus, abitato]|ris in vico Vulciano, qui professi summus nos s(upra)s(crip)torum iugalibus a(m)bo ex natjone nostra lege v[ivere]| Romana, ipso na(m)que iugale meo mihi consemciemte et subter co[n]f[i]r[m]ante, | ofertorex et donatoris in ecclexia (b) Sancti Petri, p(resens) (c) p(resentibus) dixi: quisquis in sanctis ac in ve|nerabilis locis et (d) suis alliquit contullerit regibus (e), iusta Octori vocem, in oc seculo | cemtuplum accipiad, vitam posidebit eternam (2). Ideoque nos qui supra Useverto et Bru|na iugalibus donamus et oferamus et per presemte cartola oferxionis in ecclexia | Sancti Petri abemdum confirmamus id (f) sunt pecias duas de terra (g), una vidata et (h) | allia vidata (i) et arratorias (j) iuris nostris qui supra iugalibus, quam abere visummus in loco | Moleniga; prima pecia de terra vuidata et arratoria est per mensura iusta tabu|las vimti et (k) sex; coerit ei: da mane (l) e meridie Asgerio; secunda pecia de ter|ra vidata ibi prope est per mensura iusta t[a]bulas una; coerit ei: da mane e sera | Asgerio, pro anime nostre et domni Utelrici episcopo (3) marcedem. Que autem s(upra)s(crip)tas | pecias duas de terra vidates et arrat[oria i]uris nostris qui supra iugalibus (m) superius dictas, | una cum accessionibus et ingreso seo cum superioribus et inferioribus suis qualiter superius | mensura et coeremcias l(egitur), inintegrum, ab ac die in eadem eclexia Sancti Petri suprascriptes (n) peci|as duas de terra vidatas et arratoria donamus et oferamus et per presem|te cartola oferxionis in eclexia Sancti Petri abemdum confirmamus, faci|emdum exinde in eclexia Sancti Petri a presemti die proprietario nomine quiquit (o) vo|lueritis pro anima nostra et domni Utelrici episcopo marcedem, sine omni nostra et heredibus | nostris contraditjone. Quidem et spomdimus adque promitimus nos s(upra)s(crip)tis Useverto et Bru|na iugalibus, una cum nostris heredibus, a pars eclexia Sancti Petri, suprascriptes pecias duas | de terra vidata et arratoria omni te(m)pore ab omni ommine defemsare; quod | si defemdere non potuerimus aut si vobis exinde alliquit per covis ingenium sub|tragere quexierimus, tuc (p) in duplum eadem oferxo (q), ut supra l(egitur), vobis rexstituamus sicut pro te(m)pore | fuerit melioratis aut valuerit sub estimatjone in consimile locis; et nec no|bis qui supra iugalibus licead ullo te(m)pore nolle quod voluimus, set quod ad nobis semel | factum vel conscriptum est sub usiura(m)dum (r) inviolabiliter conservare promittimus cum | stipulatjone subnixa. Acto Gaverdo. Feliciter.
Signum + manibus s(upra)s(crip)torum Useverto et Bruna iugalibus qui hancartola ofer|sionis (s) fierit rogavit pro remedium anime suarum ut supra.
Signum + manibus Bono et Rodulfo seo Martino testes legem Romana | vivemtes.
Signum + manibus Vuido et Ingizo testes.
(SN) Ego Armenulfo notarius rogatus scripsi, postradita conplevi | a (t) dedi.


(a) A Ellexia.
(b) in ec- su rasura.
(c) p(resens) su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di lettera precedente.
(d) Così A, in luogo di ex.
(e) Così A, in luogo di rebus.
(f) A id(est).
(g) t- corr. da altra lettera.
(h) Su -data et due tratti di penna che non paiono indicare depennamento.
(i) -d- corr. da altra lettera.
(j) -ria- nel sopralineo.
(k) et da sex mediante dilavamento volontario di s-.
(l) A ma.
(m) -b- corr. da altra lettera.
(n) A istes senza segno abbr. qui e nel caso seguente.
(o) A q(ui)qtt.
(p) Così A.
(q) -f- corr. da altra lettera.
(r) Così A.
(s) Precede alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di una lettera.
(t) Così A.

(1) Corrado II.
(2) Cf. MATTH. 19, 29.
(3) Olderico vescovo di Brescia dal 1031 al 1053: SCHWARTZ, Die Besetzung, p. 107; SAVIO, Brescia, pp. 209-11; cf. anche GAMS, p. 779.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS