Lombardia Beni Culturali
5

Cartula offertionis <pro anima>

1041 marzo 31, Maderno.

Barbulla e Boniza sua moglie nonché Barucio del fu Andrucio, tutti di Puzo, nella pieve di Maderno, di legge romana, donano <per la propria anima> alla chiesa di S. Pietro in Monte due appezzamenti di terra, siti nella medesima pieve: il primo con sette alberi di olivo, di quattro tavole, in luogo detto Nuce Prandoni; il secondo con undici alberi di olivo, di sette tavole e mezzo, in località Campora.

Notitia, nel verso della pergamena di cui al doc. 14 [N]. Originale, ASVat, FV, I, 2615 (SPM, 14) [A]. Il dettato della notitia del presente doc. - la terza delle sei vergate nel dorso della pergamena di cui al doc. 14, cf. ivi, nota introduttiva - è disposto su nove righi. Si riesce a restituire soltanto: Eclexia Sancti Petri (inizio del primo rigo); et Boniza iugalibus (inizio del secondo rigo); Testes [[.......]] Alberico (inizio dell'ottavo rigo). Nel verso di A emergono tracce di scrittura, di mano del notaio Gariardus, della quale è possibile recuperare con sicurezza pochi e isolati frammenti, tutti collocati nella parte iniziale dei singoli righi: (1°) Placuit int[er] Odelri[cu]s episcopus [[...]]| (2°) de rebus [[...]]| (3°) olle[um] bo[num][[...]]. | (4°) Testes Landefredo, Azo [[...]]. | (5°-16°) [[...]]. | (17°) Testes Romani [[...]]. | (18°) Anni Domini mill[e quadrageximo secundo, pridie kalendes aprilis, indi]|(19°) tjone non[a]. Tenendo conto dell'ampiezza dello specchio grafico si possono immaginare tre o quattro negozi. Il primo collocato nei quattro righi iniziali, gli altri nei righi quinto-diciassettesimo. Questa ricostruzione dà per scontato che la datazione, in parte leggibile nel diciottesimo e nel diciannovesimo rigo, si riferisca a tutti i negozi. I criteri che ci siamo dati per la valorizzazione autonoma dei documenti sopravvissuti attraverso le sole notizie dorsali (cf. Introduzione, p. LXXIV) ci consentono di recuperare il primo di quelli qui attestati (n. 6). Degli altri non siamo in grado di dire alcunché. Oltre alle notitiae nel verso di A compare altra annotazione isolata, di mano del notaio: Secundo e un'altra coeva: Offersio qui fecit Barbulla et Boniza iugalibus seu Barucio de pecias du|as de terra cum ollivas super abente in ecl(esi)a Sancti Petri Monte; altra annotazione tarda.

Cf. VARANINI, L'olivicoltura, pp. 119, 120, 150 (note 10, alla data 1042, 17, 20; nella nota 10 il presente documento parrebbe menzionato una seconda volta sotto la segnatura errata "FV, 2614": non si può peraltro escludere che la citazione vada riferita alle pergamene FV, 2612, doc. 25 o FV, 2613, doc. 26), 126-8, 152 (nota 62); MENANT, Campagnes, p. 159 (note 474, 475).

La sottoscrizione di Ermezo è autografa.
Stile dell'incarnazione pisana e indizione settembrina.

(SN) In nomine domini Dei eterni. Anno ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi mille quadrageximo secundo, pridie calendes | aprilis, inditjone nona. Ecl(exi)a Sancti Petri que dicitur Monte nos Barbulla et Boniza iugalibus seu Barucio, | filius quondam Andrucii, de plebe Materno, locus Puzo, qui profesi summus nos omnes ex natjone nostra legem vivamus Romana, | ipso na(m)que predicto Barbulla iugale meo mihi consenciente et subter confirmante, offertores et offetris, | donator et donatris ipsius ecl(exi)a, p(resens) p(resentibus) disi: quisquis in sanctis ac in venerabilibus locis ex suis aliquit contullerit rebus, iusta | Octori vocem, in oc seculo centuplum accipiad, insuper, quod melius est, vitam posidebit eternam (1). Ideoque nos qui supra Bar|bulla et Boniza iugalibus seu Barucio donamus et offerimus in eadem ecl(exi)a it sunt pecias duas de terra, una cum arbo|ris septem ollivarum super abente, alia similiter cum arboris undecim ollivarum super se abente iuris nostris, | quibus sunt poxites in eadem plebe Materno (a), una locus ubi dicitur Nuce Prandoni, alia locus Campora; pri|ma pecia de ia(m)dicto loco Nuce Prandoni est per mensura iusta tabul(a)s quatuor; coerit ei: a mane via, a meridie | Martini, a sera rebus Sancti Agustini, a montis rebus Sancti Benedicti. Secunda pecia de terra de eodem loco Campora | est per mensura iusta tabul(a)s septem et media; coerit ei: a mane curte de Lauredo, a meridie rebus Sancti Mar|tini, a sera rebus Sancti Benedicti, a montis rebus de predictam ecl(exi)a Sancti Petri. Que autem s(upra)s(crip)tas pecias de terra (b) iuris nostris | superius dictis, una cum accesionibus et ingresores earum, seo cum superioribus et inferioribus earum rerum qualiter | superius l(egitur), inintegrum, ab ac die in eadem ecl(exi)a donamus et offerimus et per presente cartula offersionis ibidem abendum con|firmamus, facientes exinde pars ipsius ecl(exi)a a presenti die proprietario nomine quiquit voluerint sine omni nostra | et ehredibus nostris contraditjone. Quidem et spondimus adque (c) promittimus nos qui supra Barbulla et Boniza iugalibus | seu Barucio, una cum nostris (d) ehredibus, pars ipsius ecl(exi)a ab omni omminem defensare; quod si defendere non po|tuerimus aut si eisdem rebus per covix ingenium subtragere quexierimus, tunc in duplum eadem offersio | pars ipsius ecl(exi)a restituamus sicut pro te(m)pore fuerint meliorates aut valuerint sub exstimatjone | in consimilles locis; nec nobis licead ullo te(m)pore nolle quod voluimus, set quod ad nobis ic semel factum | vel conscriptum est sub iusiurandum inviolabiliter conservare promittimus cum stipullatjone subnisxa. | Actum in eadem plebe Materno. Feliciter.
Signum +++ manibus s(upra)s(crip)torum Barbullani et Bonizani iugalibus seu Barucio qui anc cartula offer|sionis ut supra fieri rogaverunt et ipse Barbulla eadem Bonizani conius mea consensit ut supra.
Signum +++ (e) manibus Materni et Petroni (f) viventes lege Romana testes.
Signum ++ manibus (g) Alberici et Martini testes.
(S) Ego Ermezo rogatus testes subscripssi (h).
(SN) Ego Gariardus notarius scriptor uius cartula offersionis postradita | conplevi et dedi.


(a) in eade(m) plebe Mat(er)- su rasura.
(b) La seconda r è su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di lettera precedente.
(c) ad- su rasura.
(d) A nris.
(e) Il numero dei 'signa' non coincide con quello dei testi.
(f) A Petronis con -s cassata; la lettera è parzialmente visibile nell'alone causato dallo spandimento volontario dell'inchiostro.
(g) -i- aggiunto successivamente tra -n- e -b-.
(h) -ssi presenta un segno abbr. (tratto orizzontale intersecante le due s) superfluo, a guisa di s(ub)s(cripsi).

(1) Cf. MATTH. 19, 29.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS