Lombardia Beni Culturali
9

Cartula offertionis <pro anima>

1041 aprile, Maderno.

Martino prete e Donita figlia di Alberico, abitanti in Marti, nella pieve di Maderno, ambedue di legge romana, donano <per la propria anima> alla chiesa di S. Pietro in Monte un albero di olivo con la relativa ablaciatura, sito nella medesima pieve, in luogo detto sub Flumino, presso Ravaria.

Originale, ASVat, FV, I, 2616 (SPM, 15) [A]. Nel verso notizia dorsale di cui al n. 8; di mano coeva: Offersio qui fecit Martinus presbiter et Donita de arbo|[ru]m unum ollive in plebe Materno; di mano del sec. XII: Materno; segnatura del sec. XVI: 1042 aprilis.

Cf. VARANINI, L'olivicoltura, pp. 126, 152 (nota 62); MENANT, Campagnes, pp. 159 (note 474, 475), 161 (nota 482).

Della notitia, collocata nella zona inferiore destra del verso, in posizione obliqua, sopravvissuta soltanto la parte sinistra. Il resto caduto a motivo del taglio volontario della pergamena, che ha coinvolto, dall'alto in basso, le varie righe, con incidenza progressivamente crescente. Da tutto ci si evince che la notitia in questione stata vergata quando la pelle dell'animale era ancora intonsa: una volta venuta meno la sua funzione - vuoi per l'avvenuta redazione del mundum vuoi, comunque, per la decadenza dell'azione giuridica in essa attestata -, il notaio ha tagliato la pelle in diverse porzioni, capaci di ospitare altrettanti documenti, senza pi alcun riguardo per gli ormai inutili appunti sul verso.
Stile dell'incarnazione pisana e indizione settembrina. L'indizione seconda, segnalata nel documento, invece che nona da intendere come errore materiale, giustificato dalla meccanica ripetizione del precedente decimale dell'anno (mille quadrageximo secundo).

(SN) In nomine domini Dei eterni. Anno ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi mille quadrageximo secundo, | mense aprilis, inditjone secunda. Ecl(exi)a Sancti Petri que dicitur Monte nos Martinus presbiter et Do|nita filia Alberici, abitare videmur in plebe Materno, locus Marti, qui profesi summus lege vi|vamus Romana, offertoris et donatoris ipsius ecl(exi)a Sancti Petri, p(resens) p(resentibus) disi: quisquis in sanctis (a) ac in venera|bilibus locis ex suis aliquit contullerit rebus, iusta Octori vocem, in oc seculo centuplum accipiad, in|super, quod melius est, vitam posidebit eternam (1). Ideoque nos qui supra Martinus presbiter et Donita dona|mus et offerimus in eadem ecl(exi)a arborum ollivum unum cum sua ablaciatura iuris mei qu[e]m | abere viso sum in eadem plebe, locus ubi dicitur sub Flumino, prope Ravaria; a sera ehredes quondam | Razoni de Leunado. Que autem s(upra)s(crip)tum arborum unum iuris mei superius dicti ab ac | die in eadem ecl(exi)a Sancti Petri dono, cedo, confero et per presente cartula offersionis ibidem | abendum confirmo, faciendum exinde pars ipsius ecl(exi)a Sancti Petri iure proprietario nomine | quiquit volueritis sine omni nostra et ehredibus nostris contraditjone. Quidem et spondi|mus (b) adque promittimus nos qui supra Martinus presbiter et Donita, una cum nostris ehredibus, pars ipsius | ecl(exi)a s(upra)s(crip)tum arborum unum, qualiter supra l(egitur), ab (c) omni omminem defensare; quod si de|fendere non potuerimus aut si eadem arborum pars ipsius ecl(exi)a per covix ingenium subtra|gere quexierimus, tunc in duplum eadem offersio, ut supra l(egitur), pars ipsius ecl(exi)a resti|tuamus qualiter pro te(m)pore fuerint meliorato aut valuerit sub exstimatjone | in consimille loco; et nec mihi licead ullo te(m)pore nolle quod voluimus, | set quod ad nobis semel factum vel conscriptum est sub iusiurandum inviola|biliter conservare promittimus cum stipullatjone subnisxa. Acto s(upra)s(crip)ta plebe Materno. | Feliciter.
Signum + manu s(upra)s(crip)ta Donita qui anc cartula offersionis fieri rogavi ut su|pr[a].
Signum +++ manibus Aidulfi et Alberti seu Mauroni viventes lege Romana | testes.
Signum ++ manibus Zoculloni et Alberici testes.
(SN) Ego Gariardus notarius scriptor uius cartula offersionis | postradita conplevi et dedi.


(a) A scis.
(b) spondi|m(us) da spond(e)o: -i|- corr. su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di o; rimane il segno abbr. sull'asta di -d-, divenuto superfluo.
(c) ab su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di lettere precedenti.

(1) Cf. MATTH. 19, 29.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS