Lombardia Beni Culturali
23

Cartula offertionis pro anima

1042 gennaio, Vila.

Giovanni prete del fu Villano pure prete e Amiza, ambedue di Vila, nella pieve di Gargnano, di legge romana, donano per la propria anima al monastero di S. Pietro in Monte alcuni alberi di olivo con le relative ablaciature, siti nella medesima pieve, in luogo detto Fosato.

Originale, ASVat, FV, I, 2610 (SPM, 9) [A]. Nel verso si colgono sopravvivenze scritturali di mano di Gariardus che si estendono per almeno diciannove righi: uno spazio in grado di comprendere tre notitiae, almeno nella verosimile ipotesi che si riferiscano a donazioni di beni (piccole porzioni di oliveto, in Gargnano/Maderno/Toscolano), sul tipo di quella attestata nel recto della presente pergamena e delle numerose altre rogate dallo stesso notaio. Soltanto la prima delle notitiae Ŕ in parte leggibile (riferendosi al doc. 24, Ŕ stata colÓ trascritta), mentre le sporadiche tracce delle altre due non consentono recuperi di una pur minima consistenza. Di mano coeva, forse dello stesso rogatario: [Offe]rsio [[..............]] oliv[o]s posit[o]s |[[...]] (non Ŕ possibile determinare il seguito dell'annotazione); di mano del sec. XII: Garniano, in (in nel sopralineo) loco ubi dicitur Fossato; di mano del sec. XIII: Gargnano; segnatura del sec. XVI: 1042 ianuarii.

Cf. GUERRINI, Il monastero, pp. 174, 176; VARANINI, L'olivicoltura, pp. 126-8, 152 (nota 62).

L'umiditÓ ha provocato il danneggiamento di tutta la parte destra del foglio, causando anche la caduta della membrana nella fascia superiore.
La sottoscrizione del presbitero Giovanni Ŕ autografa.

(SN) In nomine domini Dei eterni. Anno ab incarnatjone domini nostri Iesu [Cristi]| mille quadrageximo secundo, mense genuarius, inditjone de[cima]. | Monesterio Sancti Petri que dicitur Monte ego Ioh(anne)s p[res]b[ite]r, [filius]| quondam Vilani item presbiter, et Amiza (a), de plebe Garniano, locus (b) Vila, qui profes[o sum ex na]|tjone mea legem vivere Romana, p(resens) p(resentibus) disi: quisquis in sanctis ac in [venera]|bilibus locis ex suis aliquit contullerit rebus, iusta Octori v[o]c[em, in oc]| seculo centuplum accipiad, insuper, quod melius est, vitam poside[bit eternam] (1). | Ideoque nos (c) qui supra Ioh(anne)s presbiter et Amiza (d) do et offerrimus (e) in eodem monesteri[o Sancti Petri]| pro anima nostre (f) marcedem it (g) sunt arboris ollivarum d[[.......]]| cum suarum ablaciatura quibus sunt poxitis in eadem pleb[e] Gar[niano], | locus ubi dicitur Fosato; coe[[...]] ab ipsis arborib[us] d[[............]]| nobis reservamus. Que autem s(upra)s(crip)tis arboris ollivarum [cum] s[uarum]| ablaciatura iuris nostris superius dictis ab ac die in eodem mon[e]|sterio Sancti Petri donamus et offerimus et per presente cartula offersi|onis ibidem abendum confirmamus, facientes exinde par[s]| ipsius monesterio a presenti die proprietario nomine quiquit volue[rit] p[ro ani]|ma nostre marcedis, sine omni nostra et ehredibus nostris [contra]|ditjone; nec nobis licead ullo te(m)pore nolle quod [vo]l[uimus], | set quod ad nobis ic semel factum vel conscriptum est [s]ub [iusiuran]|dum inviolabiliter conservare promittimus cum stipullatjone [sub]|nisxa. Actum in s(upra)s(crip)to loco Vila. Feliciter.
+ Ego Ioh(anne)s presbiter a me facto s(ub)s(crips)i.
Signum ++ manibus s(upra)s(crip)torum Iohanni presbiter et Amizani (h) qui anc | cartula offersionis ut supra fieri rogaverunt.
Signum +++ manibus Alberici et Alberti seu Finzani (i) | viventes lege Romana testes.
Signum ++ manibus P(er)ersoni et Berizoni testes.(SN) Ego Gariardus notarius scriptor uius cartula | offersionis postradita c(on)plevi et dedi.


(a) et Amiza nell'interlineo, con segno di richiamo.
(b) Nel sopralineo, in corrispondenza di -o-, tratto di penna senza apparente significato.
(c) nos nell'interlineo, in corrispondenza di ego depennato.
(d) et Amiza nell'interlineo, con segno di richiamo.
(e) offerrim(us) da offerro: -i- corr. su -o; -m(us) Ŕ aggiunto di seguito nel rigo.
(f) n(ost)re da mea.
(g) Segue lettera non perspicua a causa della sbiaditura dell'inchiostro, comunque non giustificata dal formulario.
(h) A Inmizani, come pare.
(i) Lettura probabile.

(1) Cf. MATTH. 19, 29.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS