Lombardia Beni Culturali
25

Cartula offertionis pro anima

1042 gennaio, Maderno.

Teuza, vedova di Giselberto e figlia del fu Domenico, nonché Penzo diacono, Alberico e Biado germani, suoi figli, tutti abitanti in Puzo, nella pieve di Maderno, di legge romana, donano per la propria anima e per quella del fu Giselberto al monastero di S. Pietro in Monte un appezzamento di terra con due alberi di olivo, sito nella medesima pieve, in luogo detto Marturia, di una tavola.

Originale, ASVat, FV, I, 2612 (SPM, 11) [A]. Nel verso, di mano coeva, forse dello stesso rogatario: Offersio quam fec(it) Teuza et Penzo diac(onus) et Alberico |[et Biado germani de p]ecia una de [terra][[...]] (la restante parte dell'annotazione, che si estende per lo spazio di dieci lettere fino al termine del rigo e che continua per uno spazio non definibile del rigo seguente, è illeggibile per trattamento della membrana con noce di galla); di mano del sec. XII: Materno, in loco Marturia.

Cf. VARANINI, L'olivicoltura, pp. 126-8, 152 (nota 62); MENANT, Campagnes, p. 161 (nota 482).

La pergamena presenta sbiadimento dell'inchiostro e diffuse abrasioni nella parte superiore nonché due minuscole lacerazioni nella banda destra, lungo le antiche piegature.

(SN) In nomine domini Dei eterni. Anno ab incarnatjone domini nostri Iesu [C]risti mille quadrageximo | secundo, mense genuarius, inditjone decima. Monesterio Sancti Petri q[ue] dicitur Monte | nos Teuza, relicta Giselberti et filia quondam Dominici, seu Penzo diaconus seu Al|berico et Biado germanis, abitare videmur in plebe Materno, locus Puzo, q[ui] p[ro]f[esi]| summus nos mater et filii legem vivamus Romana, offertores et donatores ipsius | monesterio, p(resentes) p(resentibus) disi: quisquis in sanctis ac in venerabilibus locis ex suis aliquit contullerit | rebus, iusta Octori vocem, in oc seculo centuplum accipiad, insuper, quod melius est, vitam | posidebit eternam (1). Ideoque nos qui supra mater et filii donamus et offerimus in eodem mo|nesterio pro anime nostre et quondam Giselberti marcedem it est (a) pecia una de terra cum | arboris duos ollivarum super abente iuris nostris quam abere vixi summus in eadem | plebe, locus ubi dicitur Marturia, est per mensura iusta tabulla una; coerit | ei: a mane Vualdoni, a meridie rebus Sancti Benedicti, a sera rebus Sancti Fumii, a montis | Alberico. Que autem s(upra)s(crip)ta pecia de terra cum predicto arboros duos olivarum super aben|te iuris nostris superius dicta, una cum accesione et ingreso seu cum superiore | et inferiore suo qualiter supra l(egitur), inintegrum, ab ac die in eodem monesterio Sancti | Petri donamus et offerimus et per presente car(tu)la offersionis ibidem abendum | confirmamus, facientes exinde pars ipsius monesterio a presenti die propri|etario nomine quiquit voluerit, sine omni nostra et ehredibus nostris contradi|tjone, pro anima nostre et quondam Giselberti marcedem; nec nobis licead | ullo te(m)pore nolle quod voluimus, set quod ad nobis ic semel factum vel conscrip|tum est sub iusiurandum inviolabiliter conservare promittimus cum sti|pullatjone subnisxa. Actum (b) in eadem plebe Materno. Feliciter.
Signum ++++ manibus s(upra)s(crip)torum Teuzani et Penzoni diaconus seu Albe|rico adque Biado mater et filii qui anc cartula offersionis fieri rogaverunt | ut supra.
Signum +++ manibus Leudulloni et Teudaldi seu Prandoni vi|ventes lege Romana testes.
Signum ++ manibus Crisencii et Odoni testes.
(SN) Ego Gariardus notarius scriptor uius cartula offersionis | postradita conplevi et dedi.


(a) e(st) nel sopralineo, con segno di richiamo.
(b) Segue actu(m) iterato.

(1) Cf. MATTH. 19, 29.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS