Lombardia Beni Culturali
35

Carta venditionis

1045 settembre, Pisogne.

Domenica, vedova di Viviano, di Pisogne, di legge romana, dichiara di aver ricevuto da Gualperto prete, pure di Pisogne, venti soldi di denari d'argento quale prezzo della vendita di un appezzamento di terra di venti tavole, parte campo e parte vigna, sul quale è costruita una teia, sito nella stessa località, in luogo detto Plubicha.

Originale, ASVat, FV, I, 2628 (SPM, 27) [A]. Nel verso, di mano del sec. XII, annotazione di cui si intravvedono tracce; di altra mano del sec. XII: Ca(rtu)l(a) Pisonie, cui segue, di mano di poco più tarda: seu et (nota tironiana: lettura incerta) Dominica; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 1045 ... septembris.

Cf. ARCHETTI, Vigne e vino, pp. 75, 88.

(SN) Inomine domini Dei eterni (a). Anni ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi millexi|mo quadraieximo quinto, mens(e) septe(m)ber, ind(ictione) tertja decimma. Constad | me Dominica (b) relicta quondam Viviani, de loco Pisongne, qui profesa sum | ex natjone mea lege viver Romana, accepisem sicuti et in presentja | testium manifesta sum qui accepi a te Vualperto (c) presbiter de s(upra)s(crip)to loco Pison|gne, arientum denarios bonos sol(i)d(o)s viinti, finitum pretjum sicut inter no|bis convenit, pro petja una de terra ca(m)piva et vites, teia super abente, quam | abere visa sum in fundo Pisongne, in loco ubi dicitur (d) Plubicha (e), est ipsa pe|tja de terra cum (f) area sua per mensur(a) iusta tabules (g) viinti; coeri ei: | a mane Arle(m)baldi, a meridie Martino, a sera via, a montis Sancti | Marii; et si de meo iure infra ipsas coerentjas (h) plus inventum fuerit quam ut supra mensur(a) l(egitur) in anc | car(tam) vind(itjoni)s manead (i) pro eodem pretjo. Que autem s(upra)s(crip)tam petja de terra cum | area ubi estat superius dicta, una cum accesione et ingreso seu cum supe|riore et inferiore suo qualiter supra l(egitur), inintegrum, ab ac die cui supra Vualperto | presbiter pro s(upra)s(crip)to pretjo vendo, trado et mancipo, nulli alii vendita, donata, | alienata, obnesiata vel tradita nixi tibi, fatjes exinde a presenti die | tu et heredibus tuis aut cui tu dederis iure proprietario nomine quitquit volue|ritis, sine omni mea et heredibus meis contrad(itjone). Quidem et spondeo adque pro|mito me ego qui supra Dominica, una cum meas heredes, tibi cui supra Vualperto presbiter tuis|que heredibus aut cui tu dederis s(upra)s(crip)ta petja de terra cum area sua qualiter supra l(egitur), | inintegrum, ab omni omine defensare; quod si defendere non potuerimus aut si vo|bis exinde aliquit per covix genium subtragere quodsierimus, tunc in duplum eadem | vendita, ut supra l(egitur), vobis restituamus sicut pro t(em)pore fuerit melio|rata (j) aut valuerit sub estimatjone in consimili loco, et nec m(i)h(i) lice|ad ullo t(em)pore nulle quod voluit, set quod ad me semel factum vel conscriptum | est, sub iuxiurandum inviolabiliter conservare promitto cum stipulatjone | subnixa. Actum s(upra)s(crip)to (k) loco Pisongne. Feliciter.
Signum + manus s(upra)s(crip)ta Dominica qui anc car(tam) vind(itjoni)s fieri rogavi ut supra.
Signum + manibus Alberto et Rihardo seu Ioh(anne)s testes lege Romana viventes.
Signum + manibus Landulfo adque (l) Laurentjo testes.
(SN) Aicardus notarius subscrips(it) postradita co(m)plevit et dedit.


(a) A eter.
(b) L'ultimo tratto di -m- e la successiva i su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di precedente scrittura.
(c) Vualp- su rasura.
(d) A dr senza segno abbr.
(e) -icha su rasura.
(f) Precede, nell'interlineo inferiore, lettera annullata mediante macchia su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di lettera precedente.
(g) -a- corr. da altra lettera.
(h) infra ipsas coerentjas nell'interlineo, con segno di richiamo.
(i) Nel sopralineo, in corrispondenza di -d, segno abbr. (tratto orizzontale) superfluo.
(j) Precede alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di una lettera.
(k) ss- su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di precedente scrittura.
(l) Precede alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di una lettera.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS