Lombardia Beni Culturali
44

Refutatio et donatio

1058 luglio 3, in castro quod dicitur Sancti Quirici.

Adelmanno, vescovo di Brescia, rinunzia in favore di Giovanni, abate del monastero di S. Pietro in Monte, costruito e consacrato in onore di s. Pietro apostolo, alle decime e ai diritti giurisdizionali che gli dovevano i presbiteri, i diaconi e i chierici di Calino, eccettuati l'observatio sinodi e il pasto spettante in caso di visita.

Originale, ASVat, FV, I, 2630 (SPM, 29) [A]. Nel verso, di mano del sec. XII: C[arta v]ile de Calino; altra annotazione tarda.

Trascrizione: GUERRINI, Il monastero, pp. 218-9, n. 8.
Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 178; MENANT, Le monastère de S. Giulia, p. 126 (nota 5); MENANT, Campagnes, p. 413 (nota 62); ARCHETTI, Vigne e vino, p. 88; FORZATTI GOLIA, Istituzioni, p. 399.

La pergamena, leggermente usurata lungo le antiche piegature, presenta altresì una lacerazione nella parte superiore e una rosicatura nella zona destra, che non impediscono la completa restituzione del dettato.
Nell'escatocollo sono autografe le sei sottoscrizioni, quattro di ecclesiastici e due di laici. Su di esse, cf. Introduzione, p. LI e tav. 7.
Il presente documento, seppure pubblicato nel 1931 dal Guerrini, non risulta menzionato in CAPITANI, Adelmanno, pp. 263-5 e SILVESTRE, Notice sur Adelman, pp. 855-71.

(SN) Die veneris quod est tercio die mensis iulii. In castro quod dicitur Sancti Quirici (a), in camara | solariata ipsius loci qui pertinet desub regimine et potestatem episcopii sancte Brisiensiis (b) | Ecclesie. Presencia bonorum (c) ominium (d) corum nomina subter leguntur, per fustem quem | dom(nus) (e) Adelmannus, episcopus eiusdem episcopii (1), sua tenebat manu, refudavit et per donatjon(em) fecit | domno (f) Iohanni abati et suo monesterio quod est constructum et consegratum in nore (g) sancti Petri apostolii (h) situm in Monte, de omnibus decimis et districtis sive placitis vel usu | qui pertinet de presbiteris, diaconibus et clericis (i) de Caline, exepto observatjonis sinodi | et pastum, si in plebe venerit (j); de ceteris s(upra)s(crip)tis refudatis causis faciad ipse domnus (k) Iohan(ne)s | abas suique succesores omni t(em)pore, ex parte predicti sui monesterii, sine om[ni]| contraditjone eiusdem episcopii suisque succesoribus (l) et parti predicti episcopii. Et insuper expo|pondit se ipse domnus (m) Addelmannus episcopus suorumque succesoribus ut si u(m)quam in te(m)|pore agere aut causare presu(m)serent de superius refudatis causis, et omni t(em)pore tacitis | et contentis non permanserent, ut conponant (n) eidem Iohanni abati suique succesoribus, | a parte predicto monesterio, pena arigentum denarios bonos Mediolanenses | libras (o) decem, et post pena soluta oc factum stabile inviolatum permanead. | Factum est oc anno ab incarnatjone domini nostri Iesu (p) Cristi milesimo quanquagexi|mo octavo, inditjone undecima.
+ Almannus gr(ati)a Dei episcopus s(ub)s(crips)i.
+ Albertus (q) diaconus s(ub)s(crips)i.
+ Ioh(anne)s diaconus s(ub)s(crips)i.
+ Lanfrancus presbiter interfui.
(SI) Gerirdus iudex interfui.
(SI) Bernardo iudex interfui.
Signum + manu Alberico de loco Porciano testes.
(SN) Ego Gezo notarius sacri (r) palaci scripss(it), interfuit.


(a) A Q(ui)urici.
(b) Così A.
(c) b- corr. da lettera principiata.
(d) Così A, con -ni- corr. da altre lettere, come pare.
(e) A do(m)m(nus).
(f) A do(m)mno.
(g) Così A; si intenda onore.
(h) Così A.
(i) -l- corr. da altra lettera.
(j) A verit.
(k) A do(m)mn(us).
(l) -i- corr. da altra lettera.
(m) A do(m)mn(us) con doppio segno abbr. per -us.
(n) L'ultima n corr. da altra lettera.
(o) A libars.
(p) A Iue(su).
(q) -u- nel sopralineo.
(r) A sascri.

(1) Adelmanno vescovo di Brescia dal 1057 al 1061: CAPITANI, Adelmanno, pp. 264-5; cf. anche GAMS, p. 779; SCHWARTZ, Die Besetzung, p. 107; SAVIO, Brescia, pp. 212-4.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS