Lombardia Beni Culturali
47

Cartula venditionis

1076 novembre, Maderno.

Andrea prete e Aldegarda, abitanti in Prosiniga, nella pieve di Maderno, ambedue di legge romana, dichiarano di aver ricevuto da Giovanni e Druda sua moglie, abitanti in Pedernacha, nella pieve di Gavardo, trentadue denari d'argento - due dei quali spettanti a Palferio - quale prezzo della vendita di un albero di olivo cum pede et ablaciatura, sito nella pieve di Maderno, in luogo detto Vinia.

Originale, ASVat, FV, I, 2632 (SPM, 31) [A]. Nel verso, di mano del sec. XII: Ca(rtu)l(a) de Materno; di altra mano del sec. XII, prova di penna: In nom(ine).

Cf. VARANINI, L'olivicoltura, pp. 126, 152 (nota 63); MENANT, Campagnes, pp. 159 (note 474, 475), 161, (nota 482).

La pergamena presenta soltanto piccoli fori nella zona centrale ed è leggermente consunta e abrasa in singoli punti, soprattutto lungo i margini laterali.
I forellini di cucitura, ben visibili nel margine inferiore, denunziano la congiunzione di questa pergamena con l'altra di cui al doc. 50. L'accostamento fisico dei due manufatti - che le segnature (2632 e 2632A) indicano ancora in atto nei primi decenni del secolo XX, quando è stato effettuato l'attuale riordino -, non trova apparenti riscontri nel contenuto delle due chartae. Si tratta forse di negozi relativi a beni, rispettivamente nella pieve di Maderno e in vico Arsiana (Nuvolento), entrati insieme a far parte del tabularium monastico non oltre il XII secolo, in qualità di munimina.
La sottoscrizione del presbitero Andrea è autografa.
Indizione di settembre.

(SN) In nomine (a) domini Dei eterni. Anno ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi milesimo septu|agesimo sesto, mens(e) novi(m)ber, inditjone quinta decima. Constat nos Andrea presbiter et Aldegar|d[a], qui summus abitatores in plebe Materno, locus Prosiniga, qui profesi summus nos ex natjone nostra legem vivamus | Romana, accepisemus nos comuniter sicuti et in pres(encia) testium manifesti summus nos qui accepimus ad vos | Ioh(anne)s et Druda coius sua, abitatores in plebe Gogardo, locus Pedernacha, arien[tum de]|narios bonos, qui fuit (b) Palferii dui, denarii treinta dui, finitum precium sicut int[er] n[os con]|venit, pro arbore uno olivo cum pede et ablaciatura quod usum est iuris nostris quam abere visi | summus in plebe Materno, locus ubi dicitur Vinia, omnia quantum ipso olivo perti|nentibus (c) inintegrum; et si evenerit quod ipsum perierit, si remanserit de ipso olivo et volu|erit gubernare in illo loco abead sicut usum est. Que autem s(upra)s(crip)to arboro olivo | iuris nostris superius dicto, quantum supra legitur, inintegrum, ab hac die vobis (d) qui supra Ioh(anne)s et Druda pro s(upra)s(crip)to precio | vendimus, tradimus et mancipamus, nulli alii (e) | venditum (f), donatum, alienatum, obnoxiatum vel traditum nisi vobis, et facies | exinde a presenti die vos heredibus vestris aut cui vos dederitis vel abere statu|eritis iur(e) proprietario nomine quiquit volueritis sine omni nostra et heredibus nostris contraditjone; qui|dem exspondimus adque promitimus nos qui supra Andrea presbiter, una cum nostris heredibus, vobis Ioh(anne)s et Druda vestris|que heredibus s(upra)s(crip)to arbore olivo qualiter supra legitur, inintegrum, ab omni (g) ominem defensare; quod si | defendere non potuerimus aut si vobis exinde aliquit per covix ingenium subtrage|re quesierimus, tunc in duplum eadem vendita, ut supra legitur, vobis restituamus sicut pro te(m)pore | fuerit melioratum aut valuerit sub exstimatjone in consimile | loco; nec nobis licead ullo te(m)pore nul(e) quod volui, set quod ad | nobis semel factum vel conscri[ptum (h) e]st, sub iuxiurandum | inviolabiliter conservare promito. Actum in Materno. | Feliciter.
+ Ego Andrea a me | facta s(ubscr)ip(si).
Signum manus s(upra)s(crip)ta Aldegarda qui hanc | cartulam (i) vinditjonis fieri rogavit (j) et s(upra)s(crip)to precio | accepi ut supra. Signum manibus | Lizoni, Umbaldi, Ioh(anni)s, Gisi|lardi, Cresencio testes | legem Romana vivem|tes. (SN) Ego Vito notarius rogatus scripsi postradi|ta (k) co(m)plevi et dedi.


(a) Segue in nom(ine) iterato, con i- su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di altra lettera.
(b) q(ui) fuit nell'interlineo.
(c) p(er)ti- su rasura.
(d) v- corr. da altra lettera.
(e) Segue vendim(us), tradim(us) et mancipam(us) null (così) alii iterato alla fine del rigo.
(f) -i- nel sopralineo.
(g) Segue om(n)i iterato.
(h) A consri[ptum].
(i) A cra(tu)l(am).
(j) A rogav senza segno abbr.
(k) A postrdi|ta.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS