Lombardia Beni Culturali
48

Breve investiture

1078 maggio, Gavardo.

Vitale, abitante nel vicus di Desenzano e gi abitante in Maderno, investe Giovanni e Druda sua moglie, abitanti nel vicus Pedernacha, di un appezzamento di terra con olivi di sette tavole e mezzo nella pieve e nel vicus di Maderno, in luogo detto Rodundola et Clusella, al fitto annuo di un denaro milanese da pagare nella festa di Ognissanti nell'abitazione di Vitale in Maderno, in locus Prato.

Originale, ASVat, FV, I, 6824 (S. Giorgio in Braida, 101) [A]. Nel verso, di mano del sec. XII: Cartula de Materno.

La pergamena presenta un generale sbiadimento della scrittura, qualche abrasione qua e l, modeste rosicature e lacerazioni lungo i margini laterali, soprattutto in corrispondenza delle piegature.
Il contenuto rinvia senza ombra di dubbio alla documentazione dell'archivio di San Pietro in Monte. Si osservi in particolare come i coniugi Giovanni e Druda compaiano anche nel doc. 47. Tutto lascia credere che l'erroneo inserimento di questa pergamena fra quelle della chiesa veronese di San Giorgio in Braida sia avvenuto nel corso del riordinamento del sec. XVI.
Nel 1078 correva l'indizione prima.

(SN) Die luni quod est mens(e) madius. Intus mercato Gogardo. Ibi locum erat Vitalo | qui fuit abitator (a) in Materno, modo a(b)ita(to)r (b) in vico Disenciano. Presencia Ursoni | et Vuidoni de Materno et Gebizoni, Oprandi, Vuazoni de Gogardo per cartam et lingnum que ipse Vitalo | in sua manu tenebat investivit Ioh(anne)s et Druda coius sua qui abita(to)r(es) (c) in vico Pedernacha | nominative de pecia una de terra cum arboris olivis (d) super abente in plebe et vico Mater|no, locus ubi dicitur Rodundola (e) et Clusella, quod est per mensura iusta tabules septem et medi[a]| quod (f) abet: a m(ane) Sancti Colu(m)bani, a meridie rebus Sancte Marie, a ser(a) similiter Sancti Colu(m)bani. Eo tinore ut | s(upra)s(crip)tes (g) Ioh(anne)s et Druda et suos heredes abead s(upra)s(crip)ta pecia de terra et tenead adque posideat et frugead, | ita in omnibus (h) meliorentur, na(m) non peiorentur, et anualiter censum persolvat per omni festivitate | Omnium Sanctorum (i) denario uno Mediolanense sit datum in s(upra)s(crip)to vico Materno ad ia(m)dicto | Vitalo aut ad suos (j) heredes vel sui misi ad casa abitacionis in locus (k) Prato per ia(m)dictis | Ioh(anne)s et Druda coius sua vel heredes illorum aut suorum misi. Nulla alia superinponatur. Pen(a) vero | inter se posuerunt ut quis ex ipsis (l) aut heredes (m) illorum non co(m)pleverit omnia qualiter sup(ra) l(egitur), si aliquis | de ipsis in culpa ceciderit, co(n)ponat [[.]] parte fidem servandi pena arientum | denarios bonos so(li)d(o)s quinquainta. Factum est oc (n) | anno ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi milesimo septuagesimo octavo, mens(e) madius, | inditjone quinta decima. Signum (o) + manus s(upra)s(crip)to Vitalo qui oc breve fieri rogavi ut supra (p). | Pre[d]ictis om(n)ibus (q) qui supra l(egitur) et aliis pluribus ibi fuerunt quando (r) investitura facta fuit.
Ego Vito qui oc breve (s) s(ub)s(cripsi), interfuit.


(a) -ta- su rasura.
(b) Cos A, con la prima a forse corr. da altra lettera.
(c) Scioglimento probabile.
(d) -s corr. su t.
(e) -n- corr. da altra lettera, come pare.
(f) -d corr. da altra lettera, come pare.
(g) -e- corr. da altra lettera, come pare.
(h) in o(mni)b(us): lettura e scioglimento probabili.
(i) A Scantor(um).
(j) La prima s corr. su t.
(k) Lettura probabile.
(l) La prima s corr. su i.
(m) h(ere)d(e)s nell'interlineo.
(n) Segue tratto di penna orizzontale che si distende nei due quinti del rigo per annullare lo spazio bianco che era stato predisposto.
(o) A Sgnum come pare.
(p) A sip(ra).
(q) A om(n)inibus.
(r) -a- corr. da t, come pare.
(s) A bre.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS