Lombardia Beni Culturali
50

Cartula (pagina) libertatis, obsolutionis et iudicati pro anima

1081 ottobre, in vico Arsiana.

Rozo, figlio di Barucio, abitante in vico Arsiana, di legge romana, dichiara di aver acquistato da Maginfredo, abitante nella stessa località, un appezzamento di terra con casa, cortile, orto e vigna, sito pure in Arsiana, disponendo per la propria anima che i medesimi beni restino al venditore a titolo di usufrutto e che, dopo la sua morte, vadano a Richilda, figlia del fu Adegerio, abitante nell'anzidetto vicus.

Originale, ASVat, FV, I, 2632A (SPM, 31) [A]. Nel verso, di mano del sec. XII: C(arta) Nubulenti de Arsana; segnatura del sec. XVI: 3, 1081 octobris.

La scrittura è in alcuni punti leggermente scolorita, mentre la membrana presenta piccole lacerazioni e abrasioni lungo i margini laterali. I forellini di cucitura presenti nel margine inferiore indicano la precedente unione con la pergamena di cui al n. 47.
Il contesto in cui la vendita appare qui menzionata (cf. n. 49) sembra mascherare la concessione di un prestito su pegno fondiario, così come alcune formule proprie delle donazioni pie, seppure inserite in una trama involuta, lasciano trasparire un qualche coinvolgimento del monastero.
Indizione di settembre.

(SN) Anno ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi milesimo octuagesimo primo, | mens(e) octuber, inditjone quinta. Ego quidem in Dei nom(ine) Rozo, filius Baruci, abita|tor in vico Arsiana, qui profeso sum ex natjone mea legem vivere Romana, ipso Barucio ge|nitori meo m(ih)i consenciente, p(resens) p(resentibus) dixi: vita et mors in manu Dei est; manifesto sum ego qui supra Rozo quod | odie venu(n)davit m(ih)i Maginfredo, abitator in s(upra)s(crip)to vico Arsiana, per cartula vinditjonis (1) | et a[cc]epto a me precio, pecia una de terra cum casa, curte, orto, alia (a) area (b), vineis cum a[re]|is suarum et est iuris mei per ia(m)dicta car(tu)l(a) quia est ipsa (c) terra locus ubi dicitur Arsiana; [qui t]er intra fines: a mane Alberico et Deiberto Stiber, a meridie Gezo diaconus, a sera Alberto, | a montis Gezo et Laurenzo, ita in mea per ipsa car(tu)l(a) vinditjonis aut cui ego dedise[m]| aut fecisem fuiset potestatem abendum et faciendum exinde quod voluisem. Modo | vero, considerante me Dei omnipotentis misericordia seu mercedem et remedium an[i]|me mee, ut (d) ia(m)dictam pecia de terra cum totum qui supra leguntur volo (e) ut abeat | s(upra)s(crip)to Maginfredo, usufructuario nomine, diebus vite sue; post ipsius | Maginfredi dicesum, volo et statuo seu firmiter (f) iudico adque (g) per unc | meum iudicatum confirmo, volo et iudico ut veniad in potes|tatem Rihildi ad usuendum similiter (h) qui fuit filia Adegeri et est abita|trice in s(upra)s(crip)to vico Arsiana, abead ipso et posidead et fruead | diebus vite sue, quia sic est mea volu(n)tas et de s(upra)s(crip)to Maginfredo, | pro anima mea mercedem; qui oc meum iudicatum inru(m)pere aut in|fringere (i) voluerit cum Iuda fraudis mergator participet absidu[e]. | Anc enim car(tu)l(a) libertatis et obsolucionis me painam Vito | not(ario) tradidit et scribere rogavi, in qua subter confirmans | testibusque (j) obtulit ad roborandum. Actum in s(upra)s(crip)to Arsiano. Feliciter.
Signum + manus s(upra)s(crip)te Rozo qui oc fieri rogavi ut supra.
Signum ++++ manibus Tezo, Landulfo, Martino, Ioh(anne)s, | Senerito testes legem Romana viventes.
(SN) Ego qui supra Vito notarius scripsi postradita | co(m)plevi et dedi.


(a) alia corr. da altre lettere; lettura dubbia.
(b) Lettura incerta.
(c) -s- corr. su a.
(d) Per la comprensione del dettato si ometta ut.
(e) v- corr. da altra lettera.
(f) A firmit(er) con -t corr. da altra lettera e sovrastata da tre tratti orizzontali paralleli.
(g) a- corr. da altra lettera.
(h) similit(er) nell'interlineo.
(i) A in|frir.
(j) A testb(us)q(ue).

(1) Non è stata reperita; cf. n. 49.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS