Lombardia Beni Culturali
52

Cartula (pagina) commutationis

1086 gennaio, Nuvolento.

Lanfranco, abate del monastero di S. Pietro in Monte, dà a Giselberto e Ariseo, abitanti in vico Gaxvifixiana/Gavixiana, di legge romana, un appezzamento di terra arabile di quarantadue tavole, sito nella medesima località, subtus Grivo, ricevendo in cambio un appezzamento di terra arabile di quarantadue tavole, sito in località Casalo. La permuta viene perfezionata da Tedaldo, monaco di S. Pietro e messo dell'abate, alla presenza degli exstimatores Ingelfredo, Serito e Andrea.

Originale invalidato, ASVat, FV, I, 2634 (SPM, 33) [A]. Nel verso, di mano del sec. XII: Comut(atio) de Nubul(ento); segnatura del sec. XVI: 5, 1086 ianuarii. La pergamena, oltre al diffuso scolorimento dell'inchiostro, presenta due rosicature nella parte destra.
L'eliminazione volontaria del settore inferiore del foglio coinvolge l'intero apparato delle sottoscrizioni e la completio. Tutto lascia credere che il taglio del supporto, finalizzato all'invalidamento del negozio, sia dovuto allo stesso notaio Vito, al quale il documento può sicuramente essere accreditato sulla base del signum iniziale e della scrittura. La scarsa cura formale, che Vito pone nella redazione dei documenti (cf. nota introduttiva al doc. 45), raggiunge nel dettato della cartula qui edita punte inconsuete, con espressioni anomale e in alcuni passaggi oscure.

(SN) Anno ab incarnatjone domini nostri Iesu Cristi milesimo octuageximo sesto, mens(e) genuarius, inditjone nona. | Comutatjo bone fidei nositur esse contractum ut vicem emcionis obtinead firmitatem eode(m)que nexu | oblicant contraentes (1). Placuit itaque bona convenit voluntatem inter do(n)nus Lanfranco abas de monesterio Sancti Petri | qui dicitur Monte, necnon inter Giselberto et Ariseo qui sitis (a) abitatores in vico Gaxvifixiana, qui profesi sunt (b) ex natjone suorum lege | vivere Romana, ut in Dei nomine debeant dare ipse do(n)nus Lanfranco abas eidem Giselberti et Arisei comutatjonis nomine sicut a pre|senti die dederunt ac tradiderunt vicisim sibi unus alteri per as painas comutatjonis nomine inter se tradiderunt: in primis | dedit ipse donus Lanfranco abas, a (c) parte suo monesterio Sancti Petri, eidem Giselberti et Arisei it est pecia una de terra aratori|a super Gavixiana, subtus Grivo, est per mensur(a) iusta tabules quadrainta et due, qui ter int(r)a finis: a m(ane) Grivo, a meridie Imilda, | a ser(a) Ato et Benzo, a montis Ioh(anne)s diaconus; quidem et ad vicem recepit ipso do(n)nus Lanfranco abas, a parte suo monesterio Sancti | Petri, da (d) parte Giselberti et Arisei, meliorata rex sicut lex abet (2), it est pecia una de terra aratoria locus Casa[l]o, | est per mensur(a) iusta tabules quadrainta et due; a m(ane) Giselberto, a meridie prato, a ser(a) Deberto, a montis Ato de Ruvesi (e), sibique in | is o(mni)b(us) coerentes; as denique ia(m)dictes pecies de terra superius nominates vel comutates, una cum accesionibus et in|greso seo cum superioribus et inferioribus suis qualiter superioribus (f) suis qualiter inter se comutaverunt pars parti (g) per as painas co|mutatjonis (h) nomine inter se tradiderunt, facientes unusquis de co receperit, tam ipsis qua(m)que et succesores vel heredes Giselberti et Arisei, | de co pars altera comutatjonis nomine dederunt, inintegrum, omni te(m)pore ab omni om(in)e defensare. Quidem et ut (i) ordo leis deposit (j) (3), | comutatjonis nomine a previdendum it est do(n)no Tetaldo monachus de (k) s(upra)s(crip)to monesterio Sancti Petri, miso | do(n)ni Lanfranchi abas, una | simul cum viri et boni om(in)es exstimatores it est Ingelfredo et Serito adque Andrea, qui super ipses pecies de terra acceserunt et ex|stimaverunt; co(m)paruit eorum exstimantibus quod meliorata res reciperat do(n)nus Lanfranco abas, a parte (l) suo monesterio | Sancti Petri, quam daret, ec (m) leibus comutatjo (n) tunc fieri poterat; de quibus pena inter se posuerunt ut quis ex ipsis aut subecesores (o) vel heredes | Giselberti et Arisei de co pars altera comutatjonis nomine dederunt, inintegrum, non defensaverit, componat pars parti, a par|te fidem servandi, pena duples (p) suprascriptes (q) pecies de terra qualiter pro te(m)pore fuerit meliorates aut valuerit sub exstimatjone | in consimiliis locis; nec nobis om(ne)s comutatores licead ullo te(m)pore nulle quod volui, se quod ad nobis semel (r) factum vel conscritum est | sub iuxiurandum inviolabiliter conservare promitimus inconvulsa cum stipulatjone subnixa. Unde due cartul(e) comutatjonis (s) uno | tinore scrite sunt. Actum intus castro Nobilento. Feliciter.


(a) Lettura incerta.
(b) Nel sopralineo, in corrispondenza di -un-, segno abbr. (tratto orizzontale) superfluo.
(c) a corr. da altra lettera.
(d) da corr. da altre lettere, come pare.
(e) Lettura incerta.
(f) Lettura probabile.
(g) -r- corr. da s.
(h) A co|comutatj(oni)s.
(i) -t corr. da altra lettera.
(j) Segue, alla fine del rigo, a p(re)viden erroneamente anticipato.
(k) de corr. da altre lettere.
(l) a par- su rasura.
(m) Così A.
(n) Nel sopralineo, in corrispondenza di -o, segno abbr. (tratto orizzontale) superfluo.
(o) Così A.
(p) dupl- su alone causato dallo spandimento dell'inchiostro di precedente scrittura.
(q) A sstes senza segno abbr.
(r) A sel.
(s) Tra -o- e -m- asta inferiore di lettera senza significato.

(1) Cf. Cod. Iust. 4.64.2.
(2) AHIST. 16.
(3) AHIST. 16.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS