Lombardia Beni Culturali
53

Cartula donationis <pro anima>

1095 agosto, Vallio.

Giardo del fu Utellindo e Ressalda del fu Vito notaio, abitanti in Gavardo, nel vicus Mataha, ambedue di legge romana, donano <per la propria anima> a Lanfranco, abate del monastero di S. Pietro in Monte, due appezzamenti di terra con tredici alberi di olivo, siti nella pieve di Toscolano, in luogo detto Mesaha, ricevendo quale launehild una crosina.

Originale, ASVat, FV, I, 2635 (SPM, 34) [A]. Nel verso, di mano del sec. XIV o XV: In Riperia; di altra mano, forse del sec. XV: Tosc[o]lano, coperta da timbro moderno; segnatura del sec. XVI: 1090 5to augusti.

Cf. MENANT, Campagnes, pp. 135 (nota 372), 136 (nota 373); FORZATTI GOLIA, Istituzioni, p. 399.

Il dettato di Rainulfo, di cui è sopravvissuto soltanto questo documento, tradisce una professionalità alquanto carente, tipica di quei notai che operano in aree marginali e periferiche.

(SN) In nomine domini Dei eterni. Ab incrannatjone (a) | domini nostris Gesum Cristi mileximo nona|geximo quinto, mens(e) agustus, inditjone | tercia. Tibi Lanfraco aba de mo|nesterio Sancti Petri qui dicitur Monto, di|lecto amico nostro, nos Giardo, filius quondam | Utellindi, et Rexalda, filia quondam Vitoni | not(arii), abitatorris in loco Gavvardo, vico | Mataha, qui profisummus nos ex natjone nostra legem vi|vamus Romana (b), amici et benecopiens adque donatorris | tui, p(resentes) p(resenti) dixi: qua(m)proter donamus a presenti die di|lectjonis tue et in tuo iure potestatem per anc cratul(am) (c) dona|tjonis proprietario nom(ine) in vos abendum confimo id est no|minative pecies dues de terra cum arboris tete|cim de olives super abentem iuris (d) nostris quam abere vel | posidere (e) visi summus in plebe Tussculano, in loco qui dici|tur (f) Mesaha; coerit ei: da totis partis via percurit qua|liter superius l(egitur) inintegrum. Quem autem s(upra)s(crip)te pecies dues de terra cum | arborris trexecim (g) de olives super abentem iuris nostris qui supra | Giardo et Retalda superius nominatis, una cum accesio|ne et ingresores earum seo cum superioribus et inferioribus suis, | qualiter superius l(egitur), ab ac die tibi qui supra aba dilecto amico | nostro donamus, cedimus, tradimus et confirmamus, et facies exin|de a presenti (h) die tu et subcesoribus tuis, a parte monesterio Sancti | Petri aut cui vos dederitis vel abere statueritis, sine omni nostra | et ehredibus nostris contraditjone. Quidem spondimus adque promitimus nos | qui supra Giardo et Rexalda, una cum nostris ehredibus, tibi qui supra Lan|fraco aba amico nostro vestrisque ehredibus, aut cui vos dederitis s(upra)s(crip)te | pecies dues de terra cum arborris texecim de olives super | abente qua(m)liter superius l(egitur), inintegrum, ab omni ommine defensare; quod | si defendere non potuerimus aut si vobis exinde alliquit (i) per | covis ingenium subtragere quexierimus, tuc in duplum eadem | in consimile locis. Quidem et anc confirmandam donatjonis | cratul(am) accepimus nos qui supra Giardo et Rexalda, una cum nostris | ehredibus, ad te (j) ia(m)dicto Lanfraco aba amico nostro exind laune|hild (k) crosina una, ut ec nostra donacio perannis te(m)poribus fir|ma permanea adque persistat (l); et nec nobis liciad ul te(m)pore nulle | quod voluise, set quod nobis ic semel factum vel scriptum est sub iusiu|randum inviolabiliter conservare promitimus inconvual(sa)| con stipulatjone subnixa. Actum infra castro Valli. Feliciter.
Signum (m) ++ manibus s(upra)s(crip)tis Giardo et Rexada qui anc cratul(am)| donatjonis fierit rogaverunt et s(upra)s(crip)to launehild (n) accepi | ut supra. Signum +++ manibus Marhixio et Ioh(ann)i seo | Bonaldi testes legem Romana viventes. Signum ++ | manibus Ra(m)baldi seo Lafrahi testes.
(SN) Ego Rainulfo notarius sacri palaci rogatus scripsi pos|tradita conplevi e dedit.


(a) Così A.
(b) -vam(us) Romana su rasura predisposta all'inizio del rigo in spazio insufficiente, per cui -mana si spinge nell'interlineo.
(c) Così A, qui e in seguito.
(d) Nel soppralineo, in corripondenza di -ris segno abbr. (tratto orizzontale intersecante anche -s alta) superfluo, qui e avanti.
(e) A poside.
(f) Di seguito a dici|- rasura dell'estensione di due lettere.
(g) -r- corr. da altra lettera.
(h) A p(re)seti.
(i) Nel sopralineo, in corrispondenza di -t, segno abb. (tratto orizzontale) superfluo.
(j) Nel sopralineo, in corrispondenza di -e, segno abbr. (tratto orizzontale) superfluo.
(k) Nel sopralineo, in corrispondenza di -hild, segno abbr. (tratto orizzontale intersecante le aste) superfluo, qui e nel caso seguente.
(l) A p(er)stat con segno abbr. (tratto orizzontale) nel sopralineo, in corrispondenza di -t, superfluo.
(m) A Sigun(m).
(n) Segue tratto di penna senza apparente significato.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS