Lombardia Beni Culturali
54

<Breve> investiture per beneficium

1118 giugno 29, monastero di S. Pietro in Monte.

Girardo, priore del monastero di S. Pietro in Monte, insieme con Guiberto avvocato del predetto monastero, investe a titolo di beneficio Gerardo di Brescia, figlio di Retaldo, abitante in luogo detto Calcaria, di beni e diritti del monastero in Nuvolento, in particolare dei diritti di decima e giurisdizionali esercitati da S. Pietro sui possedimenti di Attone de Vinea, di tutto ciò che spetta al monastero sulla terra che i predetti Gerardo e Attone acquistarono da Marchione, figlio di Leuperto di Montichiari, di una sors masaricia lavorata dai massari Arimundo de Cunche e Roza figlia di Ottone, di tutto ciò che tiene Manfredo de Cunche nonché della metà delle decime di Nuvolento riscosse da Gerardo e da suo zio. Le parti convengono inoltre che al rientro nel monastero l'abate dovrà avallare la presente investitura, effettuata per risarcire cinquanta lire che il monastero doveva a Gerardo in pagamento del possesso di Obizzone de Arsana e della decima degli arimanni di Nuvolento.

Copia autentica della prima metà del sec. XIII, ASVat, FV, I, 2640 (SPM, 39) [B]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BSMn, ms. Labus 84), cc. 46v-47r [D]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BMVe, ms. lat. V, 17), pp. 79-80 [E]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BCVr, ms. 1782), pp. 59-60 [F]. Copia semplice parziale del sec. XIX, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BQBs, ms. O. VIII. 46.), c. 16r [E']. Copia semplice parziale del sec. XIX, Cod. Dipl. di Brescia, ad annum (ASBs, Arch. Stor. Civ.) [E'']. Le autentiche di B sono le seguenti: (SN) Ego Sabatus condam Hospinelli notarius auctenticum huius exem|pli vidi et legi et sicut in illo continebatur ita et in isto | scripsi nil addens vel minuens quod sensum vel sentenciam mutet | preter forte litteram vel syllabam et me quoque subscripsi. | (SN) Ego Lafrancus de Nuvolento notarius huius exempli auten|ticum vidi ac legi et sicut in illo continebatur ita et in | isto scriptum reperi nil additum vel diminutum quod sensum vel sen|ten[c]iam mutet aut variet et [me] q[uo]que subscripsi. | (SN) Ego Azo de Fl[e]ss[o] sacri pa[llacii] notarius autenticum | huius exe(m)pli vidi et legi et sicut in illo contine|bat[ur] ita et in isto scriptum reperi nil additum vel dimi|nu[tum] quod sensum vel sententiam mutet aut | variet et me quoque subscripsi. Nel verso, di mano coeva alla copia: Carta de G[erardo] qui est de [Calca]ria [[...]] (non è possibile determinare l'estensione della lacuna); altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 6, 1118 (il terzo 1 è corr. su 0) 3° kalendas iulii.

Regesto: ODORICI, Storie bresciane, V, p. 87, n. 28.
Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 199; MENANT, Campagnes, pp. 685 (nota 40), 723 (nota 202), 774 (nota 406) CASTAGNETTI, Arimanni, p. 206.

La pergamena, sbiadita e abrasa in più punti, presenta anche modeste lacerazioni nella parte sinistra inferiore. Sul verso, nella zona alta, è stato applicato come rinforzo un ritaglio membranaceo.
Mancando altre attestazioni dei notai Sabatus e Lafrancus, la datazione della copia autentica tiene conto del periodo di attività di Azo de Flesso (1195-1233, cf. qui, Indice dei notai) nonché dei contenuti del breve.

(SN) In nomine Domini. Die sabati qui est tercio kall(endas) iullii. Presencia bonorum hominum quorum nomina subter leguntur, per lignum quod sua tenebat manu donus (a) Girardus, prior monasterii Sancti Petri quod est constitutum in Monte, una cum Wiberto, advocato predicti monasterii, investivit Gerardum, filium Rethaldi, de civitate Brixia, habitatorem in loco qui dicitur Calcaria, nominative de hoc quod pertinet ad predi[ct]um monasterium de omnibus rebus quas possidet Atto de Vinea tam per decimam quam per districtum, et de hoc quod pertinet ad monasterium de terra illa quam pre[di]ctus Gerardus et Atto emerunt (1) a Marchione (b) filio Leuper[ti] de Monteclaro, et de sorte una ma[sari]cia que laboratur per Arimundum de Cunche et per Rozam filiam Oddo[n]is, masarios, et de hoc quod tenet Maifredus de [Cun]che, predicta omnia [in] loco Nuvo[le]nto, cum omni honore et integritate si[cut] ad monas[t]erium pertin[et], et nominative de dimidia parte dec[i]me de Nuv[olento] quam predictus Gerardus cum patruo suo tenet, [ita ut] (c) predictus Gerardus et sui heredes habeant et te[neant] omnes [predi]ctas res cum omni iure et integritate (d), honore sicut ad monasterium pertinent per beneficium ex parte predicti monasterii. Preterrea convenerunt inter se ac firmaverunt ut quandocu(m)que abbas (e) ad monasterium venerit debet facere similiter investituram ia(m)dicto Gerardo vel suis heredibus, quia sic inter eos (f) convenit et placuit causa transaccionis quam predictus Gerardus fecit de quinquaginta libris denariorum quas dicebat deberi sibi a predicto monasterio et de possessione Obizonis de Arsana et de decima arimanorum de predicto loco Nuvolento que ia(m)dictus Gerardus tenebat. Factum est hoc in claustra predicti monasterii. Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Cristi millesimo centesimo octavo decimo, supradicto die et mense, inditione (g) undecima. Ibi fuerunt Albertus de Lavellolongo et Lafra(n)cus de [Vi]rle et Teutaldus et Albertus Attonis et Maifredus Tuscus et [Pet]rus Adi[g]le et Obizo et plures alii.
Ego G[i]rardus prior facta a me subscripsi.
Ego L[an]dulfus m(onacus) interfui.
Ego Landulfus m(o)n(acus) interfui.
Ego Albertus monacus interfui.
§ Ioh(anne)s monacus interfui.
Ego Ioh(anne)s legis doctus interfui ac rogatus scripsi.


(a) B do(n)n(us) con segno abbr. per la nasale eraso.
(b) Lettura dubbia.
(c) Restauro probabile.
(d) Segue rasura dell'estensione di una lettera.
(e) -as su rasura.
(f) eo- su rasura.
(g) B indictio(n)e con -c- espunta.

(1) Non è stato reperito il doc. relativo.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS