Lombardia Beni Culturali
56

Innocentii Papae II privilegium

1132 agosto 31, Brescia.

Innocenzo II conferma a Giovanni <de Burnado> , abate del monastero di S. Pietro in Monte Ursino, tutto il patrimonio accumulato in favore del monastero da Olderico vescovo di Brescia e gią confermato da Enrico <III> imperatore, garantendo inoltre allo stesso cenobio i beni che comunque possiede o potrą in futuro acquisire per concessione di pontefici, per largizione di re e principi nonché per donazioni dei fedeli.

Copia semplice parziale del sec. XVII, con interpolazioni, BQBs, ms. E.I.11, c. 439r, [C]. Regesto del sec. XVII, FAINO, Collectanea de episcopis Brixiae, BQBs, ms. E.I.8 (da copia deperdita del Fiorentini) [R]. Nel margine sinistro di R: Anno 1133, Adelricus.

Edizione: KEHR, Papsturkunden in Italien, V, pp. 429-31, n. 4.
Regesto: KEHR, Italia Pontificia, VI, 1, p. 338, n. 2.
Cf. [DONEDA], De Aldemanni Brixiani episcopi emortuali anno, p. XI; [LUCHI], Monumenta monasterii Leonensis, p. XVI; VIOLANTE, La Chiesa bresciana, p. 1048 (nota 3); CAPITANI, Imperatori e monasteri, pp. 455 (alla data 1132 agosto 30), 473 (alla data 1130 agosto 30); NAVARRINI, Istituzioni, p. 108, nota 6; BONINI VALETTI, la Chiesa, p. 39.

Le difficoltą di ricomporre il dettato del presente documento dipendono dalle caratteristiche dei due testimoni secenteschi, gią noti al Kehr (Papsturkunden In Italien, V, pp. 429-31, n. 4, alla data 1132 agosto 30). Se il secondo di essi [R], di mano del Faino, non č che un breve, seppure prezioso, regesto dipendente in modo mediato dall'originale deperdito, il primo [C] si presenta come minuta del falso privilegio di Leone IX del 1053 agosto (cf. doc. 42 e relativa nota introduttiva), allestito nei primi decenni del secolo XIII (e a sua volta trasformato nel corso del secolo XVII in un documento di Alessandro II del 1063), avendo come modello il privilegio genuino deperdito di Innocenzo II del 1132. Un testimone dunque sul quale č gią stata fondata l'edizione del falso privilegio di Leone IX e che qui viene nuovamente utilizzato per la ricomposizione del privilegio deperdito di Innocenzo II. Il duplice impiego del medesimo testimone giustifica le differenti denominazioni con cui č stato da noi contraddistinto: 'minuta di falsificazione' con riferimento all'edizione dello pseudoprivilegio di Leone IX (doc. 42) e 'copia semplice parziale, con interpolazioni' ai fini del presente documento.
In conformitą con la scelta operata a suo tempo dal Kehr si trascrive C ripulendolo delle interpolazioni posteriori (quelle innestate all'inizio del Duecento per costruire il falso di Leone IX) e integrandolo con R. Le parti dipendenti da C sono in carattere corsivo, quelle tratte da R in tondo. Tra parentesi quadre sono inseriti i nostri supplementi, che, seppure pił numerosi di quelli dell'edizione Kehr, non sono in grado di completare il reticolo formulare dell'originale. Gli innesti hanno tenuto come modello la produzione coeva della cancelleria di Innocenzo II e in particolare il privilegio dello stesso pontefice per il monastero di S. Lorenzo di Cremona, emanato a Brescia il 29 luglio dello stesso 1132 (KEHR, Papsturkunden in Italien, IV, pp. 213-6, n. 4). Non ci si č tuttavia avventurati a inserire nell'escatocollo del nostro documento i nominativi degli esponenti del collegio cardinalizio presenti nel privilegio bresciano del 29 luglio, poiché, come č noto e come appare anche dalla serie dei privilegi emanati da Innocenzo II nell'estate del 1132 durante le sue peregrinazioni nelle cittą della regione padana, tali presenze potevano subire variazioni da un giorno all'altro (cf. i privilegi emanati tra il maggio e il settembre del 1132 in HIESTAND, Initienverzeichnis und chronologisches Verzeichnis, p. 152).
Stile dell'incarnazione, computo pisano.

Innocenti[us episcopus servus servorum Dei.][Dilecto filio] Ioanni abbati Sancti Petri in Monte [eiusque successoribus regulariter substituendis.][In perpetuum](a). Ad hoc in apostolicę Sedis specula disponente Domino constituti esse conspicimur (b), ut venerabiles et religiosas diligamus personas et [ad religionem propagandam] (c) propensius intendamus. Nec enim aliquando gratus Deo famulatus impenditur si non, ex charitatis radice procedens, a puritate religionis et devotionis fuerit conservatus. Quocirca [dilecte] in Domino fili (d) [Ioannes abbas] (e) quoniam omnipotenti Domino deservire in cęnobio Beati Petri sito in Monte Ursino secundum regulam beati Benedicti decrevisti, tuis r(ati)onabilibus postulationibus duximus annuendum. Statuimus enim ut universa quę a bone memorie Adalrico Brixiensi episcopo (1) monasterio Beati Petri, cui Deo auctore pręsides, collata sunt et ab illustris memorię Henrico Romanorum imperatore semper augusto per pręcepti sui paginam (f) (2) firmata esse noscuntur (g), firma tibi et successoribus supradicti cenobii (h) et (i) illibata permaneant. Quęcumque pręterea inpresentiarum idem monasterium possidet aut in futurum concessione pontificum, largitione regum vel principum, oblatione fidelium (j) seu aliis iustis modis prestante Domino poterit adipisci, vobis et per vos eidem monasterio auctoritatis nostrę munimine roboramus.[Decernimus ergo ut nulli omnino hominum liceat sepedictum monasterium temere perturbare aut eius possessiones auferre vel ablatas retinere, minuere aut aliquibus vexationibus fatigare, set omnia integra conserventur, eorum pro quorum gubernatione et sustentatione concessa sunt usibus omnimodis profutura], salva Brixiensis (k) episcopi reverentia. [Si qua igitur in futurum ecclesiastica secularisve persona nostrę constitutionis paginam sciens contra eam temere venire temptaverit, secundo tertiove commonita, si non satisfactione congrua emendaverit, potestatis honorisque sui dignitate careat reamque se divino iudicio existere de perpetrata iniquitate cognoscat et a sacratissimo corpore ac sanguine Dei et domini redemptoris nostri Iesu Christi aliena fiat atque in extremo examine districtę ultioni subiaceat. Cunctis autem eidem loco iusta servantibus sit pax domini nostri Iesu Christi, quatenus et hic fructum bonę actionis percipiant et apud districtum iudicem premia ęternę pacis inveniant.][Amen, amen, amen.]
[(R) Ego Innocentius catholicę Ecclesię episcopus subscripsi.][(BV)]. [[...]](l)Dat(um) Brixiae per manum Aimerici (m) sancte Romane Ecclesie diaconi cardinalis [et cancellarii], pridie calendas septembris, indictione .Xa., [incarnationis dominicę anno .M°C°XXX°III°.], pontificatus [vero domni] Innocentii [pape II] anno .III°. (n).


(a) C Alexander papa in nomine Domini nostri et salvatoris Iesu Christi ab incarnatione eius anno 1063, mense augusti, indictione VI. Circa la manomissione secentesca di questa parte iniziale del dettato, cf. note a, b del doc. 42.
(b) C conspicimus.
(c) C ad ecclesias et religiones.
(d) C filio.
(e) C Vualdericus Brixiensium episcopus.
(f) C pagina.
(g) R Statuimus ut universa quę a bone memorie Adalrico Brixiensi episcopo monasterio beati Petri cui pręsides collata sunt et ab illustris memorię Henrico Romanorum imperatore augusto per pręcepti sui paginam firmata esse noscuntur. Č corr. da altre lettere -ri- di Adalrico.
(h) In C precede monasterii cassato mediante sottolineatura.
(i) In C et č aggiunto successivamente.
(j) In C segue annuatim remissione suorum peccatorum secundum constitutionem archiepiscopi Mediolanensis Ecclesiae et cęterorum episcoporum Italię Longobardię partibus; č corr. da altre lettere re- di remissione.
(k) R Briensis.
(l) Seguono le sottoscrizioni dei cardinali, per i quali si veda, a titolo indicativo, il privilegio del 1132 luglio 29, Brescia (KEHR, Papsturkunden in Italien, IV, pp. 215-6, n. 4).
(m) R Americi.
(n) C anno 3° sui pontificatus.

(1) Cf. doc. 1, nota 3.
(2) Doc. 41.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS