Lombardia Beni Culturali
62

Breve iurisiurandi

1143 marzo 27, Brescia.

Tezano, figlio del fu Umberto detto da la Tur, conferma sotto giuramento la rinuncia che lui e i suoi fratelli fecero - anche a nome dei figli del fu Gerardo detto Crolla - in favore di Giovanni <de Burnado> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, a tutti i beni posseduti a titolo di feudo e a titolo di pegno in Nuvolento, ricevendo il predetto Tezano dall'abate Benedetto, in persona di Gualdo Porcellus e Guazo chierico, quattro soldi di denari milanesi.

Originale, ASVat, FV, I, 2648 (SPM, 47) [A]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BSMn, ms. Labus 84), c. 50r [C]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BMVe, ms. lat. V, 17), p. 89 [D]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BCVr, ms. 1782), p. 67 [E]. Nel verso di A, di mano coeva: C(arta) Nubulenti de fine quam fecit Tezanus; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 11, 1143 mense martii (il millesimo è mutuato da annotazione di poco anteriore).

Trascrizione: GUERRINI, Il monastero, pp. 221-2, n. 10.
Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, pp. 137 (nota 55), 154 (nota 243); MENANT, Le monastère de S. Giulia, p. 127 (nota 11, sotto la segnatura errata "FV, 2646"); MENANT, Campagnes, pp. 770 (nota 391, sotto la segnatura errata "FV, 2646"), 773 (nota 402).

Il fatto che Tezano e i suoi fratelli rinnovino in favore dell'abate Benedetto la refuta già in precedenza effettuata nei riguardi del predecessore Giovanni <de Burnado> sembrerebbe indicare che quest'ultimo è cessato dalla carica in un tempo immediatamente anteriore alla data del presente documento.
La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta la rigatura a secco.

(SN) In nomine domini Dei eterni. Anno ab incarnatione eius millesimo centesimo quadragesimo tercio, | mense marcii, indicione sexta, die sabati qui est sexto kalendas aprilis. Prope ecclesiam Sancti Alexandri que est posita | extra civitatem Brixiæ. Presentia bonorum hominum quorum nomina subter leguntur, Tezanus, filius quondam Umberti | qui dicebatur da la Tur, promisit, iureiurando corporaliter prestito, se ratam et firmam habiturum finem omni | t(em)pore quam ipse Tezanus et fratres eius fecerunt pro se et filiis quondam Gerardi qui dicebatur Crolla, do(m)no Iohanni habati mo|nasterii Sancti Petri de Monte, vice ipsius monasterii, de toto eo quod ipsi habebant et tenebant in loco Nuvo|lento per feodum sive pro pignore a parte predicti monasterii. Pro isto autem iureiurando predictus Tezanus | accepit a do(m)no Benedicto abbate predicti monasterii solidos quatuor denariorum bonorum Mediolanen|sium quos Vualdus Porcellus et Vuazo clericus predicti monasterii, nomine eiusdem monasterii, ei numeraverunt. | Actum ut supra legitur. Feliciter. Ibi fuerunt predictus Oldo (a) Porcellus et Gerardus de Burnado (1) et Zuca | filius Carnevalis del Bene et Arnulfus filius Oldeberti Sutoris et alii testes.
(SN) Ego Eleazar notarius rogatus hoc breve scripsi et interfui.


(a) -l- corr. da c; si intenda Vualdo.

(1) Quasi sicuramente lo stesso che comparirà come giudice a partire dal 1154 (doc. 69). Largamente presente negli atti giusdiziari qui editi (cf. Indice, sub voce), è stato un giurista tra i più prestigiosi e ascoltati nella Brescia della seconda metà del secolo XII. Cf. Introduzione, p. LXX, nota 243.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS