Lombardia Beni Culturali
63

<Breve> investiture pro anima

1144 febbraio, Nuvolento.

Guido del fu Ottone Gandulfus, di Brescia, investe Benedetto, abate del monastero di S. Pietro in Monte, delle decime che gli vengono pagate da diverse persone <dettagliatamente elencate> nella curtis e nel territorio di Nuvolento, con l'obbligo da parte del monastero di registrare nell'obituario il giorno anniversario della morte di Guido, di quella dei suoi genitori e figli e di pregare per il suffragio delle loro anime; dal canto suo l'abate corrisponde a Guido alle calende di marzo oppure otto giorni prima o dopo, su richiesta, il fitto annuo di una candela di una spanna. Guido dichiara infine di aver ricevuto dall'abate per l'investitura cinquanta soldi.

Originale, ASVat, FV, I, 2649 (SPM, 48) [A]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BSMn, ms. Labus 84), c. 50r-v [C]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BMVe, ms. lat. V, 17), pp. 89-90 [D]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BCVr, ms. 1782), pp. 67-8 [E]. Nella parte inferiore del verso di A, prima della redazione del mundum, compariva la notitia attualmente visibile soltanto nella parte iniziale per taglio della pergamena: Die iovis qui est de mense februarii. In domo Sancti Nico|lai (il primo tratto di N- corr. da altra lettera principiata) de Nuvol[ento][[...]]; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 12, 1144 februarii.

Cf. GUERRINI, Il monastero, pp. 184 (alla data 1143 febbraio), 204 (alla data 1143); BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 153 (nota 229, alla data 1144 febbraio 3).

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta soltanto un leggero sbiadimento della scrittura nella parte superiore.
L'omissione del giorno del mese trova un parziale rimedio con la segnalazione di quello della settimana (giovedý), consentendoci una delle seguenti opzioni: 3, 10, 17, 24.

(SN) Die iovis qui est de mense februarii. In domo Sancti Ni|colai de Nuvolento. Presencia bonorum hominum nomina | quorum subter leguntur, per lignum et cartam quod sua manu | tenebat, Vuido, filius quondam Oddonis Gandulfi, de civi|tate Brixia, investivit Benedictum, abatem de mo|nesterio Sancti Petri qui dicitur Munte, nominative de to|ta decima illa quam tenet et sibi pertinet in curte | et terrectorio Nuvolento que sibi retditor per Lan|francum et Rainaldum et Teutaldum et Lepertum de burgo | Nuvolenti et per Ioannem gastaldum et Vitalem de | Arimundo et per Gezonem (a), Martinum de Manzaniga et | per Girardum et Garibaldum de Arsiana et si (b) per plures allios nec | reditur vel deinceps retdidebunt; eo videlicet modo fecit | hanc investituram quod supradictus abas et sui confratres, | qui nunc sunt vel pro t(em)pore in supradicto monesterio ordinati | fuerint, faciant exinde ad eorum usum et otilitatem | quicquid voluerint, sine supradicti Vuidonis suorumque ehredum con|tradic(ione); quam eciam investituram ipse fecit pro remedio ani|me sue ac parentum et filiorum suorum, ita quod dies annifer|sariorum suorum in marteloio Sancti Petri scribi debet et sa|cris oracionibus recordari debet. Et insuper supradictus a|bas et sui succesores debet exinde (c) solvere nomine ficti | omni anno in calendis marcii, octo dies antea vel octo poste|a aut in ipsa die, gandelam unam de spana supradicto Vuidoni | et suis ehredibus aut eorum miso, si per eos petita (d) fuerit; et si soluta | ita ut superrius (e) l(egitur) non fuerit, induplari debet. Penam vero posuerunt | ut si supradictus Vuido vel sui ehredes (f), per se vel per alliam personam | a se venientem in alico t(em)pore contra supradictam investituram face|re seu fringere te(n)taverint, tunc co(m)ponat nomine pene sol(idos)| quinquainta supradicto abate vel suos succesoribus, et | pos penam solluta manead ec investituram in sua firmitate. | Insuper supradicto Vuido promisit pro se suisque ehredibus supradictam inve|stituram ab homni homine defensare et vuarentare; quod si non | fecerint et non potuerint, tunc obbligavit (g) se suosque ehredes dare sol(idos)| quinquainta supradicto abati vel suis succesoribus, malla oc|casione undique remota. Anno ab incarnacione domini nostri | Iesu Cristi. MCXLIIII., indic(ione) septima.
Ibi fuerunt Vualdo qui dicitur Porzello et Petrus Adiglem (h) | et Ioh(anne)s Sina et Saccus frater eius et Girardo de Cathelina et Vui|lielmo frater eius et Girardo de Arsiana et Vualtero de Petrus | et plures allios.
Ob quam investituram | supradictus Vuido | profesus est se accepise a supradicto abate sol(idos) quinquainta (i).
(SN) Ego Ioh(anne)s notarius (j) rogatus scripsi (k) et interfui.


(a) Segue de depennato e tratto di penna senza apparente significato.
(b) si nell'interlineo.
(c) La prima e corr. da altra lettera.
(d) A p(er)etita.
(e) A sup(er)riri(us).
(f) -s forse corr. da altra lettera.
(g) La prima b nel sopralineo.
(h) Meno probabile la lettura Adigleni.
(i) Ob qua(m) - quinquai(n)ta aggiunto successivamente a fianco e sotto la 'completio'.
(j) A non con segno abbr. (tratto obliquo) soprascritto alla seconda n.
(k) scripsi nel sopralineo.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS