Lombardia Beni Culturali
64

Breve investiture

1147 ottobre 19, <monastero di> S. Pietro in Monte.

Benedetto, abate <del monastero> di S. Pietro in Monte, dà in investitura a Salomone, vita natural durante, la tenuta della chiesa di S. Eusebio, sita nel territorio di Nuvolera, al censo annuo di tre soldi di denari milanesi d'argento da pagare a s. Martino oppure otto giorni prima o dopo, concordando le parti che non possa essere scelto un nuovo socio <nella conduzione della tenuta> senza il loro reciproco assenso e obbligandosi l'investito a offrire un pasto a quattro persone nella festa di s. Eusebio oppure in un altro giorno a scelta dell'abate. Si conviene inoltre che, dopo la sua morte, Salomone lasci alla chiesa tutti i beni che avrà eventualmente acquistati.

Originale, ASVat, FV, I, 2651 (SPM, 50) [A]. Nel verso, di mano coeva: C(arta) de Nubularia; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 1, 1147 17 novembris.

Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 184 (alla data 1147 novembre 12); MENANT, Gli scudieri, pp. 284-5 (nota 19).

Il foglio, interessato nella parte superiore da tre lacerazioni, presenta anche macchie diffuse e, soprattutto nelle zone esterne, un accentuato scolorimento dell'inchiostro. Nel quarto inferiore sinistro compaiono due fori di filza.
Nel 1147 correva l'indizione (settembrina) undecima.

(SN) [In nomine Domini]. Amen. Die dominico qui fui[t quarto de]cimo k(alendas) nov(em)bris. | In loco Sancti Petri Montis. Presentia bonorum ho[m]i[n]um quorum nomina subter legun[tur], | per lignum et carta (a) quod in sua tenebat manu, Benedictus abbas, i(n) presentia de do(n) Colu(m)bani et de | do(n) Mauri et de do(n) Ieremias et de do(n) Boni et de presbit(eri) Alberti investierunt Salomonem (b), fi|lium condam *****, de loco ********, nominative de tenuta ecclesie Sancti Eusebii que est | sita in teritorio (c) Nuvularie (d), ad laborandum et tenendum et gaudendum in diebus vite sue; | et (e) d(omi)nus abbas et suis fratribus (f) et suis successoribus (g) non debet Salomonem separare ab isto lo|co Sancti Eusebii pro nullis aliis locis; et d(omi)nus abbas non debet ei dare socium nisi qualis iste Salamon | voluerit, et iste (h) Salomon non debet accipere socium nisi ex c(on)scilio d(omi)no abbato et suis fratribus. Eo | modo fecit d(omi)nus abbas et suis fratribus hanc investituram (i) quia Salomon debet persolvere omni anno in festivitate sancti Mar|tini, octo dies antea vel octo posstea, censum argenti denariorum Mediolanensis monete sol(idos) tres; | et si non persolverit (j) in istis diebus, tunc in duplum s(upra)ss(crip)tum censum (k) debet persolvere Salomon per se vel per | suum certum missum a s(upra)ss(crip)ti d(omi)ni vel ad suum certum missum, et insuper Salamon debet facere | pastum unum quattuor hominibus in festivitate sancti Eusebii vel in uno alio die qualis s(upra)ss(crip)ti | d(omi)ni voluerit illut quod ad illum diem c(on)venerit. Alia superi(m)posita ei non fiat pro domino (l) abbas | neque pro suis fratribus neque pro suis successoribus nisi istud quod insuper l(egitur); et si fuerit, co(m)ponantur sol(idi) vi|ginti Mediolanensis monete. Quidem ac spoponderunt atque promiserunt se d(omi)nus abbas, cum suis fratri|bus, defendere et sustinere ab omnibus hominibus contradicentibus cum racione ecclesie Sancti Eusebii. | Unde duo breve uno tenore scripti sunt. Actum est hoc in loco Sancti Petri. Feliciter. Et sic fir|mum (m) et stabile permaneant. In isto loco Sancti Eusebii Salomon debet esse (n) moriturus et viviturus; post decesum sui omnia que adquisierit permaneat in ecclesia (o). | Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Cristi mill(es)imo cen(tesimo) .XL. septimo, indic(ione) nona. | Ibi fuerunt Bere(n)enius (p) et Albertus Testarius de Nuvlaria et Ioh(anne)s Masius et Vuilielmus et Girar|dus g(astaldus) (q) d(omi)ni abbati et Ioh(anne)s Daither et Zachan da Anozia et Girardus Calier et Ioh(anne)s | Razcasiol et Ariprandus de Brixia rogati testes et Sina de Nubulenti et alii plures.
(SN) Ego La(n)fra(n)cus notarius sacri palaccii rogatus scribere unc breve scripsi et interfui.


(a) et (nota tironiana) carta nell'interlineo.
(b) A Salomne(m).
(c) Segue lettera principiata.
(d) -e corr. da a.
(e) Precede tratto di penna senza apparente significato.
(f) Segue i.
(g) La seconda s corr. da c.
(h) i- nel sopralineo.
(i) -(us) ha(n)c i(n)vestitura(m) nell'interlineo, con segno di richiamo.
(j) -v(eri)t con -t e segno abbr. aggiunto nell'interlineo; segue rasura di due lettere.
(k) Segue et non cassato.
(l) A d(omi)nio.
(m) A fr|mu(m).
(n) e(ss)e nell'interlineo.
(o) sui o(mn)ia - eccl(esi)a aggiunto nello spazio sovrastante la 'completio', con segno di richiamo.
(p) Lettura probabile.
(q) Scioglimento probabile.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS