Lombardia Beni Culturali
65

Breve investiture

1150 febbraio 5, Nuvolento.

L'abate Benedetto, servitor della chiesa di S. Pietro in Monte, investe Girardo e Guglielmo gastaldi, figli del fu Ottone de Cathelina, nonché Alb, figlio di Guglielmo e nipote di Girardo, il quale agisce anche a nome di Ottone e Pietro suoi fratelli, di un appezzamento di terra arabile sito nel territorio di Nuvolento, in luogo detto prope Ponti, al fitto annuo di otto denari d'argento di moneta milanese da pagare a s. Martino oppure otto giorni prima o dopo. Si stabilisce infine che il servicium <dovuto all'abate> per l'investitura ammonti a dieci soldi, metà dei quali già liquidati.

Originale, ASVat, FV, I, 2759 (SPM, 158) [A]. Nel verso, per quanto è possibile appurare, compaiono soltanto annotazioni tarde.

La scrittura della parte destra della pergamena è in più passaggi irrecuperabile a motivo di numerose abrasioni e macchie prodotte dall'umidità. Le difficoltà nel restauro del dettato sono aggravate dall'anomalia dei modelli formulari seguiti dal notaio Lanfranco, che appaiono comunque diversi da quelli attestati in altro breve investiture da lui rogato (doc. 64). Rigatura a secco.
Circa l'impiego del termine ecclesia per denominare S. Pietro, cf. nota introduttiva al doc. 20.

(SN) In Cristi nomine. Amen. Die dominico qui fuit quinto die intrante mens(e) feb(ruarii). In loco Nuvulenti. | Presentia bonorum hominum quorum nomina subter leguntur, per cartam quod in sua manu tenebat, abas | Benedictus, servitor ecclesie Sancti Petri, ipsis na[m]que fratribus suis consentientibus silicet presbiter | Albertus et don Ieremias et don Maurus de loco Montis, i(n) primis investivit Girardus [et] Vui|lielmus g(astaldi) (a), filii condam Ottonis de Cathelina, et postea investiverunt Girardus pro se et pro suos heredes et Alb[[..]]| nepos illius, pro se et pro suis fratribus Otto et Petrus filii Vuilielmi, perpetualiter nominative | de petia una de terra aratoria iuris Sancti Petri que iacet in teritorio Nuvulenti, in loco ubi dicitur prope | Ponti; coheret ei: a mane et a monte Rothonus, a meridie Otto [[....]]a, a ser(a) via, et si ibi (b) s[un]t alie | coherentes. In tali modo quia Girardus et suis nepotis et suis heredibus debe[n]t persolvere omni a[nno in festi]|vitate sancti Martini, octo dies antea vel octo postea vel ipsa die, ficti nomine, argen[tum denarios]| bonos octo Mediol(anensis) monete; et si non persolv(eri)t, tunc in duplum (c) ad d[omi]n[u]s abas vel ad suis sucessoribus (d) | vel ad suos certos misos per se vel per suos heredes vel per suos certos misos; et ut ipsi faciant ex fru|gibus quod Dominus annue dederint quicquid voluer[int], sine contradic(ione) ac molestatione d(omi)nus abas et su|orumve succesoribus. Hanc investituram fecit d(omi)nus abas [[.................]] Girardi et suis | nepotis vel suis heredibus quod even[[....]][ven]dere apelare [[....]] ecclesia; [[.]] si [[..]] ecclesia vo|lu(eri)t emere, emant duodecim denarios minus qua[m] aliis hominibus; s[i] n[o]luerit e|mere, isti abeant licentiam ve[n]dere homi[ni]bu[s] eccl[esi]e; aliis non [[.........]] vendere [[.]]| ad hoc fictum reddendum, silicet octo denar[ios] et decima[m][[.......]]. Alia superi(m)po|sita eis non fiant, et si fuerit, co(m)ponant pars [[............]] Mediol(anensis) monet[e], | et post pena soluta hoc breve firmum et sta[bi]le per[maneat][[...]]. Unde duo bre[ve][[..]] uno | tenore (e) scripti sunt. Anno ab inc[arnacione domini nostri] Iesu [Cristi millesimo centesimo] quinquag[esimo], ind[icione]| tercio decima. Ibi fuerunt [[....................]] Alb[[.]]us [f]il[ius]| Maifredi et Ioh(anne)s filius Bunnisende (f), Lanfr[a]cus [[....]], Albericus filius Bernardi et Tez[o]| filius Uberti, Lanfracus filius Petri, Bell[enatu]s d[e][Turri][[..............]].
(SN) Ego Lanfrancus notarius sacri palacii rogatus scripsi et interfui.
Servicium uius investiture fui[t] sol(idi) decem; quinque sunt soluti, [[.....]] d[e]bent si [[...]] solv[[.....]], si non | remanserint pro d(omi)no abas.


(a) Scioglimento probabile.
(b) Lettura dubbia.
(c) Si sottintenda debet persolvere.
(d) -sorib(us) nel sottolineo.
(e) Segue st, anticipazione erronea del successivo s(un)t senza segno abbr., non cassato.
(f) -u- nel sopralineo.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS