Lombardia Beni Culturali
71

Breve pacti

1158 febbraio 15, Brescia.

Benedetto, abate del monastero di S. Pietro in Monte, e Inganabato suo avvocato, a proposito della causa che devono intentare nei confronti di Oprando de Temolini e dei suoi nipoti, di Colombaro e di Clusane, concordano di dividere tra loro in parti uguali le spese e il profitto, convenendo inoltre che il fitto annuale di cinque soldi che i predetti uomini erano soliti pagare a Inganabato spetti a quest'ultimo nella misura di tre soldi e al monastero nella misura di ventiquattro nummi. Dal canto suo Inganabato pone come fideiussori Orico de Sale e Godo.

Originale, ASVat, FV, I, 2657 (SPM, 56) [A]. Regesto, ASVat, FV, II, Registro 95, c. 2v, alla data 1158 febbraio 14 [R]. Nel verso di A, di mano coeva: [Pact]um [quod] fecit Benedictus abbas cum Inganabato; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 7, 1158 14 februarii. In R, al termine del dettato, segnatura: N 7.

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 153 (nota 218); MENANT, Campagnes, pp. 708 (nota 137), 771 (nota 394); ARCHETTI, Vigne e vino, p. 88.

Il foglio, in discreto stato di conservazione, presenta soltanto una grande macchia nella parte superiore destra e un diffuso, seppure leggero, iscurimento della membrana. Rigatura a secco.

(SN) Die sabbati qui fuit quartus decimus exeunte mense februarii. | In ecclesia Sancte Marie de Solario. Presencia bonorum hominum quorum nomina | subter l(eguntur), abas Benedictus cenobii Sancti Petri de Monte tale pactum | cum Inganabato suo advocato fecit de placito quod ipsi debebant mo|vere adversus Oprandum de Temolini et suos nepotes et abiati|cos de loco Colu(m)barii et de Cluzane, quod ipse abas debebat facere | medietatem dispendii et Inganabatus aliam medietatem et lucrum equa|liter debent dividere inter se, et fictum quod ipse Inganabatus erat solitus recipere | a supradictis (a) hominibus debebant constituere in certo loco scilicet in Colu(m)|bario vel in Cluzane ut exinde colligeretur fictum quinque solidorum | in unoquoque anno, ita quod hoc fictum debebat dividi inter eos, tali modo | ut ipse Inganabatus haberet tres solidos et monasterium viginti et | quatuor nummos; et invicem promiserunt sibi se servaturos hoc pac|tum sub pena viginti librarum. Et insuper ille Inganabatus fecit secu|ritatem in manu abbatis quod ipse non debebat rescindere hoc pactum | nec suffragio etatis nec per ullam aliam causam. Et dedit insuper duos fide|iussores, videlicet Oricus de Sale et Godo, sub pena sexaginta librarum. | Ibi fuerunt presbiter Albertus eiusdem monasterii et Albericus Capra legisperitus de | Burnado et Scina de Nubelento et Nasellus testes huius rei.
Actum est hoc anno dominice incarnacionis millesimo centesimo quinquagesimo octavo, | indicione .VI.
Ego Acerbus notarius interfui et rogatus hoc breve scripsi.


(a) Segue d depennata.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS