Lombardia Beni Culturali
73

Cartula venditionis

1160 ottobre 18, in villa Burzoli.

Pietro, Giovanni e Martino, figli del fu Saraceno, di Nuvolento, di legge romana, dichiarano di aver ricevuto da Benedetto, abate del monastero di S. Pietro in Monte, trenta soldi di denari milanesi d'argento di vecchia moneta quale prezzo della vendita di sei appezzamenti di terra arabile, siti in Nuvolento: il primo in Fosato, di cinquantacinque tavole; il secondo nelle vicinanze; il terzo in Paglina, di quaranta tavole e mezzo; il quarto nella medesima localitÓ, di trentotto tavole; il quinto in Noves, di dodici tavole; il sesto in Plaze, di ventuno tavole. Nella vendita sono anche comprese le due parti che Giovanni e Martino hanno nel sedime di Burzolum.

Originale, ASVat, FV, I, 2659 (SPM, 58) [A]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BSMn, ms. Labus 84), c. 51v [C]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BMVe, ms. lat. V, 17), p. 92 [D]. Copia semplice parziale del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BCVr, ms. 1782), p. 69 [E]. Copia semplice parziale del sec. XIX, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BQBs, ms. O. VIII. 46.), c. 18r [D']. Copia semplice parziale del sec. XIX, Cod. Dipl. di Brescia, ad annum (ASBs, Arch. Stor. Civ.) [D'']. Nel verso di A, di mano coeva: Car(ta) Nubolenti; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 15, 1160 14 octobris.

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 153 (nota 231); MENANT, Campagnes, p. 191 (nota 76).

La pergamena si presenta in buono stato di conservazione, nonostante si osservino qua e lÓ leggere macchie e un'abrasione di poco conto nella parte terminale dell'undicesima riga. La rigatura a secco Ŕ stata incisa sul lato pelo.
La superficie complessiva dei sei appezzamenti, con esclusione del secondo di cui non sono riportate le misure, ammonta a centosessantasei tavole e mezzo.

(SN) In nomine Salvatoris mundi. Die martis qui fuit .XIIII. exeunte mense octu|bris. Constat nos Petrum et Iohannem ac Martinum, filios condam (a) Saracini, de loco (b) Nubolenti, qui profes|si sumus lege vivere Romana, accepisse sic(ut) et in presencia testium manifesti sumus quod accepi|mus nos comuniter a vobis d(omi)no Benedicto, abate de monasterio Sancti Petri Montis, argenti dena|riorum (c) bonorum Mediolanensium veteris monete sol(idos) .XXX., finito precio sic(ut) inter nos convenimus, pro sex | peciis de terra aratoriis (d) iuris nostri quas habere visi sumus ac posidere in terratorio Nubolenti. Pri|ma pecia iacet in Fosato et est (e) per mensuram iusta tabulas quinquaginta .V.; a mane via, a meridie (f) et sera Ioh(anne)s de | Calapino, a monte Sancta Stefania. Ibi prope alia: a mane via, a meridie vicini, a sera et monte Ioh(anne)s de Calapino. | Tercia in Paglina; a mane Sancta Stefania, a meridie via, a sera Sanctus Petrus, a monte Seriolus, et est ista per mensuram iusta | tabulas .XXXX. et mediam. Quarta iacet ibi et est tabule (g) .XXX. octo; a mane Girardus de Cacalu|po, a meridie via, a sera Sanctus Petrus, a monte comune. Quinta iacet in Noves et est tabule .XII.; a mane B[[..]]|sorii, a meridie Cassus, a sera Sina, a monte filii Atonis. Sesta iacet in Plaze et est tabule .XXI.; a mane Vitalis, | a meridie venditores, a sera Girardus de Cathelina, a monte Bazus. Et insuper Ioh(anne)s et Martinus dedere duas par|tes quas habebant in suo sedimine (h) de Burzolo. Quam autem s(uprascrip)tam terram iuris nostri pro s(uprascrip)to precio nos vendi|tores vobis s(uprascrip)to abati vendimus, tradimus et per presentem cartulam s(uprascrip)te terre in vobis habendum confirmamus, nul|li alii vendita, donata, alienata nisi vobis, ut faciatis exinde vos et vestros succesores (i) aut | cui vos dederitis, una cum accessione et ingressione seu cum superioribus et inferioribus suis qualiter | supra l(egitur), inintegrum, iure proprietario nomine, quicquid volueritis sine omni nostra et heredum nostrorum contradiccione. Et in|super promittimus per nos et per nostros heredes vobis abati Benedicto et per vos vestrisque succesoribus s(uprascrip)ta terram ab | omni contradicente persona defendere; quod si defendere (j) non potuerimus aut si vobis exinde aliquid per quodvis inge|nium subtraere quesierimus, tunc sic(ut) racio precipit facere statuamus sic(ut) pro t(em)pore fuerit meliora|ta (k) aut valuerit sub estimacione in consimili loco. Actum est hoc in villa Burzoli. Feliciter. | Anno ab incarnacione (l) domini nostri Iesu (m) Cristi milesimo .C. sexagesimo, indicione octava (n).
Signa (o) manuum Petri et Iohannis ac Martini qui hanc cartulam fieri rogaverunt (p). Signa | manuum (q) Girardi de Presbitero ac Iohannis sui filii et (r) Bonifilii (s), Teutaldi Atonis ac Zuc|ce filii Grisi atque Dothonis de Pecora et Butavilani ac Petri (t) Adigle et Girardi de Ca|thelina rogati testes.
(SN) Ego (u) Boso notarius his interfui et rogatus hanc cartulam scripsi.


(a) A con (nota tironiana).
(b) -c- corr. da l.
(c) -a- nel sopralineo.
(d) -o- corr. da altra lettera cassata mediante macchia e riscritta nel sopralineo.
(e) e(st) nel sopralineo.
(f) A a (me)r(idie): scioglimento probabile qui e in seguito.
(g) -e corr. da a.
(h) s- corr. da altra lettera.
(i) A succesores con -es nel sopralineo, in corrispondenza di ib(us) espunto.
(j) A d(e)fee(n)d(er)e con la prima e espunta.
(k) -e- corr. da altra lettera cassata mediante macchia e riscritta nel sopralineo.
(l) -o- corr. da altra lettera cassata mediante macchia e riscritta nel sopralineo.
(m) A Ieh(s)u.
(n) a finale nel sopralineo.
(o) Si- Ŕ reso dal notaio, qui e nel caso seguente, con un grafismo non dissimile da quello normalmente impiegato per indicare il 'signum manus'. Non si pu˛ escludere la lettura Si+gna.
(p) rogaver(unt) da rogav(it) mediante aggiunta di -er(unt) e depennamento del segno abbr. (tratto ondulato su -v) per -it.
(q) Segue sti non cassato.
(r) et (nota tironiana) corr. da altra lettera.
(s) Bonifilii da Bon(us)filii mediante depennamento del segno abbr. per -us e aggiunta della prima i.
(t) -e- corr. da altra lettera cassata mediante macchia e riscritta nel sopralineo.
(u) A E.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS