Lombardia Beni Culturali
77

Finis et refutatio

1171 ottobre 20, Brescia.

Domenico e Ughezzono, figli del fu Acerbo de Calcaria, alla presenza e con il consenso di Ottone e Milone loro fratelli, rinunziano in favore del monastero di S. Pietro in Monte, in persona dell'abate Alberto <de Cenatho> , a tutto ciņ che tenevano in feudo - e che il loro padre aveva in precedenza tenuto - dallo stesso monastero in Paitone, impegnandosi a far confermare la presente refuta entro l'ottava della successiva Epifania dal fratello Leonardo e dal fratello Eustachio, per il quale funge da fideiussore Guizardo de Zermegnone; i predetti rinunzianti ricevono sei lire e mezzo, mentre dal canto suo l'abate dichiara di aver avuto sei lire della predetta somma da Giovanni de Gazolo.

Originale, ASVat, FV, I, 2664 (SPM, 63) [A]. Nel verso, di mano coeva: C(arta) de Paitono; segnatura del sec. XVI: 4, 1171 14 octobris, Paytono.

Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 185; BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 154 (nota 236).

La pergamena, in discreto stato di conservazione (sono presenti poche e trascurabili abrasioni soprattutto nella parte superiore), č stata rigata a secco.
Circa il contenuto cf. docc. 79, 81.

In Cristi nomine. Die mercurii qui est de mense octub(ris), .XIII. kalendarum nove(m)b(ris). In civitate Brixia, in do|mo et curte do(nn)i abbatis mon(asterii) Sancti Petri in Monte que fuit Guoldi Purcelli. Presentia horum ho|minum (a) quorum nomina subter leguntur, per lignum quod in suis tenebant (b) manibus Dominicus et Ugicionus | fratres et filii quondam Acerbi de Calcaria, fratribus suis ibi presentibus et consentientibus Oddone et Mi|lon[e], refutaverunt et finem fecerunt in monasterium Sancti Petri, per do(n)num Albertum, abbatem eiusdem | mon(asterii), et in eundem abbatem per monasterium, nominatim de toto quod habebant et tenebant in feudum ab | eodem monasterio in (c) loco de Paitono et pertinenciis, et quod pater eorum ibi u(m)quam tenuit; et hoc dice|bant et clamabant tenere in feudum a monasterio Sancti Petri. Eo vero modo fec(er)e finem et refutacionem de ia(m)|dicto feudo ut a presenti die in antea se(m)per taciti et contenti exinde permaneant adversus eun|dem monasterium et cui dederit. Si vero taciti et contenti exinde non permanserint vel | a(m)plius agere presu(m)pserint per se suosque heredes vel per interpositam personam (d), tunc promiserunt | se suosque heredes co(m)posituros querimoniam in duplum de hoc quod a(m)plius requisierint, et insuper penam | viginti librarum den(ariorum), et post penam co(m)positam rato manente pacto. Insuper promiserunt ipsi Dominicus et Ugi|cionus defendere ipsam causam sub pena dupli (e), si apparuerit discordiam ab altero qui di|cat suum esse et per ipsum teneri. Insuper dederunt ipsi guadiam in eundem abbatem, sub pena vigin|ti (f) librarum den(ariorum), quod facient (g), usque ad proximam Pascam de Epifania vel in octava, fratrem suum | Lionardum firmare eandem finem et refutacionem laudamento sapientis. Similiter facient | de fratre suo (h) Eustachium, si u(m)quam venerit, dato Guizardo de Zermegnone fid(eiussore). Ob hanc | refutacionem acceperunt ipsi fratres Dominicus et Ugicionus sex libras et dimidiam. Actum est hoc | anno Domini millesimo centesimo septuagesimo primo, indicione quarta. Interfuerunt | Olducius, Caracattus de Budiciolis, Ioh(anne)s de Colu(m)bario, Martinus Talocii, Mazugius, Albertus | Engelbaldi testes. Postea professus est abbas sex libras den(ariorum) accepisse a Iohanne de Gazolo (i) quas dedit predictis | filiis Acerbi pro ia(m)dicta refutacione.
(SN) Ego Guido qui et Bracius notarius do(nn)i i(m)peratoris (1) interfui et (j) rogatus scripsi.


(a) A ho|hominu(m).
(b) ten- forse corr. da altre lettere.
(c) Nell'interlineo, prima di i(n), macchia di inchiostro.
(d) Segue p(re)su(m)pseri(n)t.
(e) Segue d(e)fend(er)e depennato.
(f) A vigi|ti.
(g) A faciet.
(h) suo da suu(m) con -o corr. da -u e con segno abbr. superfluo per la nasale nel sopralineo, in corrispondenza di -o.
(i) Ioh(ann)e d(e) Ga- aggiunto con inchiostro diverso nello spazio bianco predisposto in misura insufficiente; -zolo nell'interlineo.
(j) et (nota tironiana) nel sopralineo.

(1) Federico I Barbarossa.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS