Lombardia Beni Culturali
82

Carta investiture

1173 maggio 12, <Maderno>.

Pilono del fu Andrea Ferarius di Maderno e Otta sua moglie, insieme con Galicia madre di Pilono, investono i figli di Bellesio de Zovino e i figli del fu Morunto de Zovino di tutto ciò che possedevano <in Gargnano> , in località Sostage, al fitto annuo di una baceda antica di olio da consegnare alla chiesa di San Pietro in Monte, ricevendo per l'investitura dodici soldi milanesi.

Originale, ASVat, FV, I, 1979 (S. Pietro in Oliveto, 18) [A]. Nel verso, di due mani del sec. XIII: Gargnano, Carta filios (così) Belesini, cui segue, di mano forse del sec. XIV: Sostage (-e corr. da altra lettera); segnatura del sec. XVI: 3, 1173 12 maii (iterato).

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta tracce di rigatura a secco.
Il documento, erroneamente collocato fra le carte di S. Pietro in Oliveto, viene inserito nella presente edizione poiché il contenuto segnala inequivoci collegamenti con le vicende patrimoniali di S. Pietro in Monte nel territorio occidentale del Garda.

(SN) In Cristi nomine. Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Cristi .MCLXXIII., | die sabati qui fuit .XII. die intrante mense madii. In presentia Ot|tonis de Baruz de Materno, Dominici de Casar de Persiniga et Scogoza presbiter, in illorum | presentia Pilonus, filius condam Andree Ferarii, de Materno et Otta eius uxor, cum Galicia | sua matre, que iuravere hanc venditionem firmam habere, investivere filios Be|lesii de Zovino necnon et filios condam Morunti de Zovino nominative de toto illo quod | habebant in loco Sostage vel invenire poterint, et fictum et omnes alias res pro .XII. | sol(idis) Mediolanensium. Tali vero modo ut amodo predicti emptores (a) et sui heredes seu | cui dederint habeant prefatam investituram inintegrum qualiter supra legitur, una cum accessione et | ingressione seu cum superioribus et inferioribus suis, sine omni contradictione supradictorum iugalium et suorum heredum, persolvendo annualiter bacetam unam antiquam olei ad ecclesiam | Sancti Petri de Monte. Equidem promisere predicti iugales, una cum suis heredibus, prefa|tis emptoribus suisque heredibus seu cui dederint predictam investituram omni t(em)pore | firmam habere et ab omni contradicente persona iure defendere aut in duplum re|stituere in consimili loco sic(ut) pro t(em)pore fuerit meliorata aut valuerit | sub estimatione cum stipulatione subnixa. Actum est hoc sub porticu | predictorum iugalium.
Ego Eleazarus notarius sacri palacii hanc cartam rogatu supradictorum iu|galium atque Galicie scripsi (SN).


(a) -s corr. da altra lettera.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS