Lombardia Beni Culturali
83

<Sententia>

1173 maggio 24, Brescia.

Nella controversia tra Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, da una parte, e Raimondo de Nuvolento, dall'altra, sull'obbligo o meno da parte di quest'ultimo di dare vuadia nei riguardi del monastero - obbligo che l'abate rivendica sulla base della tradizione e al quale la controparte dichiara di non essere soggetta in quanto non appartenente al districtus di S. Pietro - Oddone, giudice di Desenzano, su delega di Cicamica e Gerardo de Bagnolo, consoli di Brescia, nel prendere atto della contumacia di Raimondo, pronunzia una sentenza favorevole al monastero.

Originale, ASVat, FV, I, 2669 (SPM, 68) [A]. Nel verso, di mano coeva: Sententia contra Bernardum (cosė) de Nubolento; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 6, 1173 8 exeunte madio.

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 153 (nota 223); MENANT, Campagnes, pp. 412 (nota 59), 422 (nota 91), 423 (nota 93), 426 (nota 105), 431 (nota 122), 435 (nota 137), 509 (nota 82).

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta la rigatura a secco.

(SN) Die iovis octavo exeunte mense madii. In ecclesia Sancti Petri de Dom civitatis Brixie. Presentia | horum hominum quorum nomina subter l(eguntur), controversia que vertebatur inter do(n)num Albertum, abatem monesterii Sancti | Petri de Monte, ex una parte, et Raimundum de Nuvolento, ex altera, sub d(omi)no Oddone iudice de Disinzano, | delegato a consulibus Brixie (a), scilicet a Cicamica et Girardo de Bagnolo (1) et sociis, talis erat: dicebat enim | predictus abas quod ipse Raimundus erat de suo districto et debere sibi dare vuadiam; et predictus Raimundus res|pondebat quod non erat de suo districto nec sibi debet dare vuadiam; item predictus abas dicebat quod ipse Rai|mundus dedit sibi vuadiam et illis abatibus qui antea fuerunt, et per plures testes predictus abas hoc (b) probavit; | et predictus Oddo dixit quod per plures misos misit ad ipsum Raimundum ut veniret ad placitum, et ille noluit ve|nire. Visis rationibus et alegationibus utriusque partis, predictus d(omi)nus Oddo co(n)de(m)pnavit ipsum Raimundum | ut daret vuadiam predicto d(omi)no abati. Anno Domini .MCLXXIII., indic(tione) .VI. Ibi fu(er)e Arlotus de Pa|lazio et Talocius de Benis et Girardus de Porta et Albertus Ingelboldi et Blancus de Brechonzo testes rogati.
Ego Scacia notarius interfui et rogatus scripsi.


(a) B- corr. da altra lettera.
(b) h- corr. da altra lettera, forse c.

(1) Cf. VALENTINI, Il 'liber Potheris' di Brescia e la serie de' suoi consoli, p. 157.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS