Lombardia Beni Culturali
84

Sententia

1175 febbraio 14, Brescia.

Nella controversia tra l'abate del monastero di S. Pietro in Monte <Alberto de Cenatho> , da una parte, e i villani di Bernacco, dall'altra, nell'Ómbito della quale il monastero chiede che i villani diano il loro apporto alla manutenzione del castrum di Vallio e alla costruzione della torre in proporzione alle case da essi possedute all'interno del castrum e alle terre possedute all'esterno, terre delle quali l'abate chiede comunque la restituzione sulla base di un contratto di livello ventinovennale <scaduto> e sulle quali rivendica i diritti di locazione e di caccia - richieste tutte che i villani respingono, affermando che gli anzidetti diritti, insieme con quelli giurisdizionali e con la decima, spettano ai signori di Manerba -, di fronte ai giudici Giovanni Bernardi e Berardo de Calcaria, delegati dai consoli di giustizia <di Brescia> e ad Adelardo causidico loro assessor, il predetto giudice Giovanni sentenzia che il monastero non debba sottrarre ai villani le terre da essi possedute, riconosce ai signori di Manerba i diritti contestati, stabilendo tuttavia che San Pietro debba avere il fitto di metÓ delle sortes <dei beni in questione> che si rendessero libere; obbliga i villani ad assolvere per quanto di loro spettanza gli obblighi di castellantia, specificando che la metÓ delle tre sortes, tenute da questi ultimi per conto del monastero, sono di sua proprietÓ.

Originale, ASVat, FV, I, 2671 (SPM, 70); cf. tav. 13 [A]. Nel verso, di mano coeva: Sententia de Bernago; di mano del sec. XIII: Car(te) .XVI.; di mano del sec. XIV: De Bernago et de Vallibus; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 278, 1175 14 februarii (il millesimo Ŕ mutuato da annotazione di poco anteriore), Vallibus.

Trascrizione: GUERRINI, Il monastero, pp. 226-7, n. 15.
Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 186 (alla data 1175 dicembre 13); BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 155 (nota 257); MENANT, Gli scudieri, p. 284 (nota 19); MENANT, Campagnes, pp. 397 (nota 8), 424 (nota 100), 452 (nota 203), 458 (nota 233), 480 (nota 313), 509 (nota 82); FORZATTI GOLIA, Istituzioni, p. 399.

La pergamena, in discreto stato di conservazione, presenta soltanto una leggera evanescenza della scrittura lungo il margine esterno.
Circa il contenuto cf. docc. 88, 99, 144.
Il 1175 febbraio 14 cade di venerdý.

(SN) Anni Domini mill(esim)o cent(esim)o .LXXV., inditione octava, die iovis .XIIII. intrante febr(uario). | In lobia rotunda d(omi)ni episcopi. In presentia Caracatti de Buthazolis, Girardi de Bornado, Iohannis | de Moza, Mazulii de Vallibus, Stancarii de Nubolento, Syne de Nubolento, sacerdotis Alberti, Te|baldi subdiaconi, Dothonis de Nubolento et aliorum, controversia que vertebatur inter d(omi)num abba|tem monasterii (a) Sancti Petri Montis, ex una parte, et vilanos Bernagi, ex altera, sub Iohanne Bernardi | et Berardo de Calcaria, a consulibus iustitie delegatis, et Adelardo causidico, assessore eorum, talis erat, | ut narando causam dicebat: abas vero dicebat prefatos vilanos Bernagi debere facere castellantiam (b) | et turrim hedificare in castro Vallium secundum quod ipsi habebant in castro pro domibus quas habebant in | castro et pro tenutis quas extra castrum habebant et tenebant. Item vero prefatus abbas dicebat predictis | vilanis ut dimitterent sibi tenutas quas ipsi a monasterio detinebant, de quibus tenutis abbas | induxit cartam libelli (1) factam ad t(em)pus .XXVIIII. annorum, de quibus etiam tenutis dicebat abbas | se habere locationem et venationem. Ad quod vilani de Bernago respondebant se non debere facere castellantiam | nec tenutas dimittere neque venationem neque locationem neque districtum neque decimam d(omi)ni abbatis esse, | imo d(omi)norum de Minerva. Visis quoque rationibus utriusque partis et habito sapientum conscilio, prefatus | Ioh(anne)s Bernardi, verbo et conscilio d(omi)ni Berardi de Calcaria et Adhelardi causidici assessoris eorum, talem | protulit sententiam: in primis absolvit prefatos vilanos Bernagi a peticione d(omi)ni abbatis ita quod non posset te|nutas eis auferre, set dixit locationem et venationem et districtum et decimam d(omi)norum de Minerva esse, ita | tamen ut si aperiretur aliquid de sortibus, quod abbas haberet locationis (c) medietatem, sicuti et d(omi)ni de Mi|nerva. Item condempnavit vilanos predictos ut facerent predictam castellantiam secundum quod eis pertin(er)et | per suam partem, sicuti (d) et alii vilani faciunt, et dixit medietatem trium sortium que tenetur per vilanos Berna|gi a monasterio esse proprietatem monasterii.
(SN) Ego Presbiter Disentiani notarius ab imperatore Frederico (2) rogatu predictorum Iohannis et Berar|di et eorum assessoris Adhelardi hanc sententiam scripsi et late sententie interfui.


(a) -st- corr. da altra lettera.
(b) A castellatia(m).
(c) La seconda i corr. su e.
(d) Nel sopralineo, in corrispondenza di -t-, tratto di penna senza apparente significato.

(1) Non si Ŕ reperita.
(2) Federico I Barbarossa.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS