Lombardia Beni Culturali
95

Sententia

1180 aprile 7, Brescia.

Nella controversia tra Alberto <de Cenatho> , abate <del monastero> di S. Pietro in Monte, da una parte, e Ardizzone, dall'altra, a proposito di una terra oggetto di contestazione tra le parti, Attone de Pratalboino, console di giustizia <di Brescia> , condanna Ardizzone a restituire all'abate la predetta terra.

Originale, ASVat, FV, I, 2687 (SPM, 86); cf. tav. 14 [A]. Regesto, ASVat, FV, II, Registro 95, c. 3v [R]. Nel verso di A, di mano coeva: Sententia contra Ardicionem de terra [quam tenent illi] de Rametello; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 10, 1180 7 aprilis. In R, al termine del dettato, segnatura: n X.

Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 188 (alla data 1186 aprile 7).

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta la rigatura a secco.
Sui caratteri della scrittura, cf. Introduzione, p. LII.

(SN) In Cristi nomine. Ego Atto de Pratalboino, quondam consul iusticie, cognoscens contro|versiam que vertitur inter d(omi)num abatem Albertum de Sancto Petro in Monte, ex una parte, | et Ardicionem, ex alia, visis et cognitis rationibus utriusque partis et habito sapientum (a) consci|lio, dato sacramento predicto d(omi)no abati quod nec scit nec credit quod ipse Ardicionus dedis|set illam terram, de qua lis est, alteri, et quod credit ipsum habere eam, et ab eo prestito, condepno | ipsum Ardicionem ut restituat ipsam terram predicto d(omi)no abati. Actum est hoc anno | Domini .MC. octuaiesimo, indic(tione) tercia decima (b), die lune septimo intrante mense aprilis. In | civitate Brixia, in ecclesia Sancti Petri de Dom. Ibi fuere d(omi)nus Iustaccus de Prandonis et Girardus | notarius de Fleso et Albertinus de Inkelboldo et Zerla testes rogati.
Ego Vuido de Urceis (c) notarius interfui et hanc sententiam datam in scriptis transscripsi | et iusu predicti d(omi)ni Attonis in publicam formam redegi et me subscripsi (d).


(a) -m su rasura.
(b) d(e)ciama con -a- espunta e depennata.
(c) Segue Urceis iterato ed espunto.
(d) A scubscripsi con la prima c espunta.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS