Lombardia Beni Culturali
100

Sententia appellationis

1183 dicembre 30, Brescia.

Nella controversia tra Alberto <de Cenatho> , abate <del monastero> di S. Pietro in Monte, da una parte, nonché Asinario, Girardo suo fratello, Guglielmo de Temolinis, Cipello, consorti ed eredi del feudo del fu Guglielmo de Ripa, in persona di Asinario, Girardo e Guglielmo, dall'altra, il conte Azzo, console di Brescia, insieme con Pietro de Pontecarali, suo assesor, ritiene fondato il ricorso dell'abate avverso il giudizio emanato da Magio giudice e da Ugo de Grumethello, sentenziando che il districtus sulla terra oggetto della lite spetta a S. Pietro. Per quanto riguarda invece l'appello inoltrato da Guglielmo avverso la sentenza emessa dagli stessi giudici <in favore dell'abate> a proposito della chiusa del mulino <del monastero, sul Chiese> , il conte Azzo respinge il ricorso di Guglielmo, confermando la sentenza.

Originale, ASVat, FV, I, 2699 (SPM, 98) [A]. Regesto, ASVat, FV, II, Registro 95, cc. 3v-4r, alla data 1184 dicembre 2 [R]. Nel verso di A annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 14, 1184 2° decembris. In R, al termine del dettato, segnatura: N° XIIII.

Trascrizione: GUERRINI, Il monastero, p. 231, n. 19 (alla data 1184 dicembre 30).
Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, pp. 154-5 (nota 256, alla data 1184 dicembre 30); MENANT, Campagnes, pp. 422 (nota 91), 740 (nota 273), ambedue alla data 1184; ARCHETTI, Berardo Maggi, p. 32 (alla data 1184 dicembre 30).

La pergamena, qua e là leggermente deteriorata, presenta anche in alcune zone lo sbiadimento dell'inchiostro.
Circa il contenuto cf. docc. 97, 101.
Anno a nativitate e indizione romana.

(SN) In Cristi nomine. Ego comes Acius, consul Brixie (1), cognoscens causam apellacionis, una cum Petro | de Pontecarali assesore meo, que vertitur inter d(omi)num Albertum, abbatem Sancti Petri in Monte, ex | una parte, et Asinarium et Girardum eius fratrem et Guilielmum de Temolinis et Cipellum, consortes et | succesores quondam Guilielmi de Ripa in feudo, ex altera, Guilielmo, Girardo et Asinario pro se et aliis, | quorum procuratores erant, citatis et venire nolentibus, visis et cognitis racionibus utriusque partis | et habito sapientum conscilio, una cum predicto Petro, talem proferro sentenciam. In primis pronuncio apel|lacionem predicti abbatis iustam, et sentenciam (2) d(omi)ni Magii iudicis et Ugonis de Grumethello in|iustam in eo quod absolverunt Guilielmum de Ripa a peticione abbatis de districto de quo lis est, | et ideo super illo capitulo ipsam sentenciam infirmo; et conde(m)pno prefatos consortes de predicto di|stricto et ut terra de cui[us] districto agitur sit (a) de districto predicti abbatis. In eo vero quod iamdicti | iudices, s(ilicet) Magius et Ugo, absolverunt abbatem a peticione Guilielmi de vaso molendini et de | terra ipsius vasi, pronuncio apellacionem ia(m)dicti Guilielmi iniustam et sentenciam predictorum, s(ilicet)| Magii et Ugonis, iustam, et super ipso capitulo illorum sentenciam confirmo. Actum est hoc anno | Domini .MCLXXXIIII., indictione secunda. Interfuere d(omi)nus Albertus de Ga(m)bara, Milo Grifonis et Teutaldus de | Moscolinis testes rogati, et fuit die veneris secundo exeunte dece(m)bre (b), in domo d(omi)ni Ugonis de Salis. Ego Ioh(anne)s sacri palacii notarius inter|fui et hanc sentenciam scripsi et iussu et rogatu predicti comitis eam transcripsi, perpetuavi, in pu|blicam formam redegi et me subscripsi.


(a) A scit con -c- espunta.
(b) die veneris - d(e)ce(m)bre nell'interlineo, con segno di richiamo.

(1) Cf. VALENTINI, Il 'Liber poteris' di Brescia e la serie de' suoi consoli, p. 160, anno 1183, - (il console è assegnato all'anno 1184).
(2) Non è stato reperito il doc. relativo.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS