Lombardia Beni Culturali
107

Sententia

1184 ottobre 16, Brescia.

Nella controversia tra Alberto <de Cenatho> , abate <del monastero> di S. Pietro in Monte, da una parte, nonch Gandolfino, Guizardino, Daimundo, Pietro e Acerbo de Butheziolis, dall'altra, Presbitero de Mairano, console di giustizia di Brescia, ascoltata la testimonianza giurata dell'abate circa il fatto che la chiusa <del mulino del monastero, sul Chiese> sarebbe franata nel luogo dove Gandolfino e Guizardino avevano rimosso le pietre, provocando un danno di cento soldi imperiali, condanna questi ultimi a corrispondere all'abate la predetta somma entro quattro mesi, mandando invece assolti gli altri tre.

Originale, ASVat, FV, I, 2697 (SPM, 96) [A]. Nel verso, di mano coeva: Sententia contra illos de Butezolis; di due mani del sec. XIII: Carta mollendini de Regenis, Carta cluse molendini Clesis; di mano del sec. XIV: De Goyono; di ulteriore mano che pare coeva, annotazione coperta da altra moderna, di cui si riesce a leggere, soltanto con la luce di Wood, l'iniziale Sent[entia]; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 23, 1184 (il millesimo mutuato da annotazione di poco anteriore) 16 octubris (octu- corr. su altre lettere).

Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 187; BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 155 (nota 265).

La pergamena in discreto stato di conservazione, nonostante presenti modeste abrasioni qua e l e un certo sbiadimento della scrittura soprattutto nella zona superiore. Si osservano due forellini di cucitura nel margine alto. stata effettuata la rigatura a secco anche con doppie linee verticali delimitanti lo specchio di scrittura.
Segue sulla stessa pergamena il doc. coevo (n. 108).
Circa il contenuto cf. docc. 103, 108, 109, 115.

In Cristi nomine. Ego Presbiter de Mairano, consul iustitie Brixie, cognoscens controversiam | que vertitur inter domnum (a) Albertum, abbatem Sancti Petri de Munte, ab una parte, et Gandulfi|num et Guizardinum atque Daimundum et Petrum (b) et Azerbum de Butheziolis, ab altera, visis et cogniti[s]| r(aci)onibus utriusque partis et habito sapientum conscilio, dato sacramento predicto abbati, et ab eo | facto, quod clusa molendini predicti abbatis fregit se eo loco ubi Gandulfinus predictus (c) et Guizar|dinus amoverunt lapides et propter ammotionem eorum clusa fregit se, et tantum est da(m)pnum suum, | silicet centum sol(idi) imperialium, conde(m)pno predictos, s(ilicet) Gandulfinum et Guizardinum, in centum s(olidis)| prefate monete ad quatuor menses predicto abbati, et absolvo alios tres, s(ilicet) Petrum et Daimun|dum et Azerbum appetitione (d) predicti domni abbatis quam eis faciebat de da(m)pno dicte clu|se, quam ipse dicebat (e) eos rupisse. Actum est hoc in ecclesia Sancti Iohannis Baptiste dicte civitatis, anno Domini .M|CLXXXIIII., die martis .XVI. intrante octub(ri), indictione secunda. Interfuere d(omi)nus Teutaldus | causidicus de Muscolinis atque Maifredus Bozzii et Ottolinus de Battestuppis et Stephanus | Boccardus testes rogati.
(SN) Ego Ioh(anne)s de Prata sacri pal(acii) notarius interfui huic sententie et per parabolam dicti con|sulis eam perpetuavi et in publicam nocionem deduxi et me subscripsi.


(a) -o- corr. da n.
(b) et (nota tironiana) Petru(m) nell'interlineo, con segno di richiamo.
(c) A p(re)dict.
(d) Cos A.
(e) dicebat nel sopralineo, con segno di richiamo.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS