Lombardia Beni Culturali
115

Cartula finis et refutationis

1186 agosto 27, sulla riva del fiume Chiese, in luogo detto Reghone.

Lanfranco Mus di Bedizzole nonché Giovanni e Malfassato suoi figli rinunziano in favore di Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, a ogni diritto che essi potevano rivendicare sia sul nuovo e sul vecchio mulino del monastero, <siti> sulla riva del fiume Chiese, in luogo detto Reghone, sia sull'appezzamento di terra colà posseduto dal monastero e sullo stallum del predetto mulino o di altro che su di essa potrebbe essere costruito, ricevendo dall'abate quaranta soldi di denari mezzani.

Originale, ASVat, FV, I, 2706 (SPM, 105) [A]. Nel verso, di mano coeva: C(arta) finis de molendino de Clesi; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 29, 1186 6 augusti.

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, pp. 154 (nota 241), 155 (nota 268).

La pergamena è in discreto stato di conservazione, presentando soltanto alcune macchie e abrasioni di poco conto. Nel margine esterno si notano forellini di cucitura.
La rigatura è stata incisa sul verso.
Circa il contenuto cf. docc. 103, 107, 108, 109.
Il 1186 agosto 27 cade di mercoledì.

(SN) In Cristi nomine. Die martis qui fuit .V. dies exeunte mense agusti, m(illesim)o c(entesim)o | hoctugesimo (a) sexto, indi[c]ione quarta. In ripa fluminis Clesi, | locus ubi dicitur Reghone, ante molinum de Sancto Petro. Presentia bonorum | hominum quorum nomina subter l(eguntur), per lignum (b) et cartullam quod in suis tenebant | manibus Lafra(n)cus Mus de Buthazolis et Iohannes et Malfasatus (c) eius filii co(mun)iter fecerunt finem et | refutationem (d) et datum in manus d(omi)ni Alberti abatis de Sancto Petro in Monte, vice s(upra)s(crip)ti mo|nasterii, integraliter de omni eo iure et accione et usantia, si aliquam abebant, quam (e) nunc abent | aut alico t(em)pore abuissent vel ad eos alico modo pertinebat, vel in novo molino s(upra)s(crip)ti | monasterii aut in veteri, sub pena centum sol(idorum) aut etiam in tota illa petia de | terra quam abet ibi prefatum monasterium vel in stallo s(upra)s(crip)ti molendini aut alterius | quod supra terram illam edificari posset. Et pro s(upra)s(crip)ta fine et refutacione acceperunt s(upra)s(crip)ti | pater et filii quadraginta sol(idos) de bonis mezarolis a prefato abate, ita ut non | eis licentia movendi lites vel controversiam aut causare vel molestare vel aliquod ius | vocare per se aut suos heredes contra partem s(upra)s(crip)ti monasterii aut cui dederit, s(et)| se(m)per sint taciti et contenti cum ia(m)dictis denariis. Signa manus s(upra)s(crip)ti patris et | filii qui hanc cartullam fieri rogaverunt +++. Signa manus testium | qui rogati interfuerunt, silicet de Sancto Petro d(omi)nus Ioh(anne)s + et Zizol de Sursul + et | Phetagninus + et Teutonicus de Goiono +. Ego Albertinus | de Valle notarius rogatus hanc cartullam scripsi (SN).


(a) Così A.
(b) -u- nel sopralineo.
(c) La prima s nel sopralineo.
(d) -ta- nel sopralineo.
(e) -a- corr. da e.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS