Lombardia Beni Culturali
118

Sententia

1187 marzo 16, Brescia.

Nella controversia tra Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, da una parte, nonché Girardo Zucci di Serle, sindaco dell'universitas di Serle, dall'altra, circa il <diritto che le due parti rivendicano sul> monte Dragone <e sul monte Sessauchus> , Pietro Vilani e Girardo de Palacio, consoli di giustizia di Brescia, stabiliscono che il predetto monte spetti per metà al monastero e per metà agli uomini di Serle, precisando tuttavia che la segabla tenuta da Marchisio e da Casario suo fratello tocchi interamente a S. Pietro; i consoli, nell'obbligare ciascuna parte al rispetto dei diritti dall'altra, intimano a Girardo di rimuovere entro dieci giorni i termini posti sul monte.

Originale, ASVat, FV, I, 2708 (SPM, 107) [A]. Regesto, ASVat, FV, II, Registro 95, cc. 4v-5r [R]. Nel verso di A, di mano coeva: Sententia contra illos de Serlis; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 16, 1187 16 martii (il millesimo è mutuato da annotazione di poco anteriore). In R, al termine del dettato, segnatura: N° XVI.

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 155 (nota 262, alla data 1187 marzo 8); MENANT, Campagnes, pp. 136 (nota 375), 204 (nota 130).

Circa il contenuto cf. docc. 114, 117, 122, 123, 124, 125.

(SN) In Cristi nomine. Nos Petrus Vilani et Girardus de Pala|cio, consules iusticie Brixie, cognoscentes causam quæ vertitur | inter d(omi)num Albertum, abatem monasterii de Sancto Petro in Monte, vice | et nomine ipsius monasterii, ex una parte, et Girardum Zucci de Serlis, | sindicum universitatis de Serlis, vice et nomine ipsius universitatis, ex altera, | visis et cognitis r(aci)onibus utriusque partis et super his habito sapientum | conscilio, pronunciamus montem Dravonem, de quo lis est, a co(mun)i de Serlis | et ab abate et officialibus s(upra)s(crip)ti monasterii pro indiviso co(mun)iter possideri, | et s(upra)s(crip)tum monasterium et universitatem possessionem habere, ita quod monasteri|um medietatis et universitas sive homines de Serlis alterius medietatis (a) posses|sionem habeat, excepta segabla quam in ea lite tenent Markisius | et Casarius eius frater, quam monasterium in solidum possidet. Et conde(m)pna|mus predictum sindicum Girardum, et per eum universitatem de Serlis, ne i(m)|pediat predictum abatem de medietate pro indiviso s(upra)s(crip)ti montis et | ab alia medietate predictum sindicum et per eum universitatem absol|vimus a peticione s(upra)s(crip)ti abatis. Item conde(m)pnamus predictum Girardum | sindicum, et per eum universitatem, ut auferrant sive removeant ter|minos positos in predicto monte ad .X. dies. Data est hec senten|cia die lune .XVI. intrante mense marcii, in laubia quadra (b) | d(omi)ni episcopi civitatis Brixie, anni Domini .MCLXXXVII., indictione .V. | Ibi fuerunt d(omi)nus Lafra(n)cus Galiciani, d(omi)nus Ioh(anne)s de Calepino (c), d(omi)nus | Berardus Aicarde, d(omi)nus Mallius iudex rogati testes.
Ego Graciadeus Tonsi notarius (d) sacri pall(acii) interfui et iussu s(upra)s(crip)torum con|sulum hanc sentenciam perpetuavi et scripsi.


(a) La seconda e nell'interlineo, con segno di richiamo.
(b) Nel sopralineo, in corrispondenza di -ra, segno abbr. (tratto orizzontale) depennato.
(c) -n- nell'interlineo, con segno di richiamo.
(d) Segue not(arius) iterato.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS