Lombardia Beni Culturali
128

Finis et refutatio

1190 giugno 4, Brescia.

Ottone del fu Recordato di Raterio de Pellavacca rinunzia in favore di Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, a tutto ci che il padre aveva tenuto e che lui stesso insieme con i fratelli teneva in feudo da parte del monastero in Nuvolento, in particolare la terra condotta dai tre distrentavoli Albertino Vexa, Teodaldo Enzius e Mutto de Vigna - il secondo insieme con i suoi fratelli e il terzo con i suoi parzonavoli -, ricevendo per la refuta nove lire imperiali. Dal canto suo Bellotto di Raterio rinunzia in favore dell'abate a ogni diritto sullo stesso feudo, mentre Ottone si impegna a far confermare la presente refuta sia dai suoi fratelli e da Marchisio suo zio entro quindici giorni a partire dalla domenica successiva, sia da Bosetto e da Peterzino, figli <minorenni> del fu Guglielmo di Raterio, entro un anno dal raggiungimento della maggiore et e su richiesta dell'abate, di fronte al quale si costituisce come fideiussore il predetto Bellotto. Si precisa infine che la somma in questione versata da Tebaldo <chierico> per conto di Giovanni de Gazolo, gi potacharius e converso <del monastero> .

Originale, ASVat, FV, I, 2717 (SPM, 116) [A]. Copia semplice incompleta del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BSMn, ms. Labus 84), c. 63r [C]. Copia semplice incompleta del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BMVe, ms. lat. V, 17), p. 128 [D]. Copia semplice incompleta del sec. XVIII, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BCVr, ms. 1782), p. 96 [E]. Copia semplice parziale del sec. XIX, LUCHI, Codex Dipl. Brixiensis (BQBs, ms. O. VIII. 46.), c. 22v [D']. Nel verso di A, annotazione, forse di mano del notaio, in parte erasa e ricoperta da altra del sec. XVII: Fin(is)[quam] f[ecit] Ot[to] d[e][[.......]] de feudo suo; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 31 (forse corr. su 32), 1190 4 iunii (il millesimo mutuato da annotazione di poco anteriore).

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 154 (nota 242).

(SN) Die lune quarto intrante iunio. In choro ecclesie Sancte Marie de Dom ci|vitatis Brixie. Horum hominum presencia quorum nomina subter l(eguntur), per lignum quod in | sua tenebat manu, Otto, filius condam Recordati de Raterio de Pellavacca, fe|cit finem et refutacionem et datum in manu d(omi)ni Alberti, abatis monasterii | Sancti Petri in Monte, vice et nomine ipsius monasterii recipientis, nominatim | de toto eo quod ab eo in feodum tenebat cum fratribus suis vel eorum pater | tenuit vel habuit in Nuvolento, videlicet tres distrentavolos, s(cilicet)| Albertinum Vexam et Teutaldum Enzium cum fratribus, cum terra quam tenent, et terram | quam tenet Muttus de Vigna cum parzonavolis suis. Pro hac autem fine et | refutatione et dato confessus fuit prefatus Otto se a ia(m)dicto d(omi)no aba|te recepisse novem libras i(m)perialium (a). Insuper d(omi)nus Bellottus Raterii refutavit in manu s(upra)s(crip)ti | d(omi)ni abatis illam r(aci)onem quam habebat vel per successionem haberet i(n) prefato | feodo. His taliter subsecutis, prefatus Otto satisdedit et promisit s(upra)s(crip)to | d(omi)no abati stipulanti, atque sub pena decem lib(rarum) nostre monete promis|sa, quod i(n) proxima die dominico ad dies .XV. faceret fratres suos et Mar|kisium patruum suum venire et predictam finem et refut(acionem) et datum fir|mare in laudamento sapientis viri et sub pena dupli da(m)pni, | cum (b) stipulatione promissa, quod faceret filios olim d(omi)ni Wielmi de Raterio, | s(ilicet) Bosettum et Petherzinum, predictam finem et ref(utacionem) et datum perpetuo ra|tum habere vel in laudamento sapientis viri firmare infra annum quod | fuerint in etate et sibi requisitum fuerit a d(omi)no abate vel eius misso. | Cuius satisdationis extitit fid(eiussor) et debitor sub eisdem penis pre|dictus d(omi)nus Bellottus, omni exceptione remota, cum stipulatione sub|nixa. Anni Domini .MC. nonag(esimo), indictione .VIII. Ibi fuerunt | d(omi)nus Teutaldus de Muscolinis, Ranza Medicus, Inverardus Strapin|p, Girardus de Castello, Martinus Talocii de Benis rogati testes.
Ego Gr(aci)adeus Tonsi notarius sacri pall(acii) interfui et rogatus scripsi.
Et prefatos denarios, s(ilicet) novem lib(ras) i(m)perialium, dedit et solvit d(omi)nus Te|baldus pro Iohanne de Gazolo condam potachario et converso, ut ille Tebaldus dixit.


(a) nove(m) lib(ras) i(m)p(er)ialiu(m) nell'interlineo, con segno di richiamo.
(b) c- corr. da t, come pare.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS