Lombardia Beni Culturali
134

Sententia

1194 agosto 3, Brescia.

Nella controversia tra Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, da una parte, nonché Milone, Gavacio e Gabetto, dall'altra, Vicemanno de Scanamoiere, console di giustizia di Brescia, condanna questi ultimi a restituire entro dieci giorni all'abate il fieno sottratto ai falciatori e ai messi dell'abate.

Originale, ASVat, FV, I, 2724 (SPM, 123) [A]. Nel verso, di mano coeva: Sententia cont[ra] Gabettum de Nuvolaria; segnatura del sec. XVI: 32 (-2 su rasura), 1194 3 augusti.

La scrittura della pergamena, complessivamente in buono stato di conservazione, è qua e là leggermente sbiadita.

(SN) In Cristi nomine. Ego Wicemannus de Scanamoiere (a), con|sul iusticie Brixie, cognoscens causam que vertitur inter d(omi)num | Albertum, abatem cenobii de Sancto Petro in Monte, ex una par|te, et Milonem et Gavacium et Gabettum, ex altera, visis et | cognitis r(aci)onibus utriusque partis et habito sapientum conscilio, con|de(m)pno supradictos, s(ilicet) Milonem et Gavacium et Gabettum, | ut restituant fenum quod abstulerunt sechatoribus et mis|sis predicti d(omi)ni abatis, dehinc ad .X. dies, supradicto d(omi)no | abati. Data fuit ista sentencia die mercurii tercio in|trante agusto. Actum est hoc in eclesia Sancti Petri de Dom, a(nno) Domini | .MCLXXXXIIII., indictione .XII. Interfuere d(omi)nus Lafran[cus]| Sacchi et Ioh(anne)s Gavazii et Gr(aci)adeus Boncissi testes rogati.
Ego Anteus notarius huic late sentencie interfui et sic[ut]| predictus consul eam in scriptis dedit sic eam eius verbo perpetua|vi et me subscripsi.


(a) L'ultima e corr. da altra lettera.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS