Lombardia Beni Culturali
147

Finis et refutatio

1197 dicembre 5, Iseo.

Chiroldo del fu Folco de Fabiano, a nome proprio e a nome di Alberto suo fratello, di Rodolfo nipote di Raterio nonché di Rarolo e Anselmino fratelli più che quattordicenni di Rodolfo, rinunzia in favore di Morunto de Carpegno di Paitone, rappresentante dell'abate della chiesa di S. Pietro in Monte, a tutta la decima che teneva in feudo da parte di S. Pietro nei territori e nelle curtes di Paitone e di Gavardo, ricevendo per la refuta a titolo di allodio <beni e diritti corrispondenti a> sei lire e dodici <denari> imperiali che lo stesso Chiroldo teneva in feudo dalla predetta chiesa, loco Sethergno.

Originale, ASVat, FV, I, 2739 (SPM, 138) [A]. Nel verso, di mano coeva: Carta decime; di mano del sec. XIV: Carta refutationis feudi decime quas tenebat | d(omi)nus (lettura incerta) de (d(e) corr. da altra lettera) Fabiano a monasterio in Paytono; di altra annotazione, forse tardomedievale, non è possibile la lettura a motivo di soprastante scrittura di epoca più tarda; segnatura del sec. XVI: 8, 1197 5° decembris, Paytoni.

Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 189; MENANT, Campagnes, p. 741 (nota 277).

Il foglio, oltre a un piccolo foro nell'angolo superiore sinistro, presenta modeste cadute della membrana lungo il margine esterno, provocate dall'umidità. La pergamena era congiunta a quella di cui al doc. 148, come rivelano i forellini di cucitura attestati nel bordo inferiore.
Circa il contenuto cf. docc. 146, 148. Sull'impiego del termine ecclesia per denominare S. Pietro cf. nota introduttiva al doc. 20.

In Cristi nomine. Una die veneris quinto intrante mense december. | Loco Yses, apud turrim d(omi)ni Iacobi. Presentia d(omi)ni Donadey de Cun|[che] et Lafranci de Misiolo ac magistri Morarii de loco Yses testium | rogatorum, cum ligno quod sua manu tenebat d(omi)nus Kiroldus, condam | d(omi)ni Fulconis de Fabiano filius, presente fratre suo Alberto et Rethul[fo]| abiatico d(omi)ni Raterii, una cum fratribus ipsius Rethulfi, videlicet Ra[[..]]|rolo et Anselmino, et parabolam ei Kiroldo dantibus et confitentes quod ip[s]i | Kiroldo venerat in partem hoc quod infra (a) dicetur, fecit finem et refutationem | et datum in manu Morunti de Carpegno de loco Paytono, vice et nomine | d(omi)ni abbatis ecclesie Sancti Petri in Monte et nomine eiusdem ecclesie, nominatim | de omni et tota inintegrum decima quam tenebat in feodum a iamdicta | ecclesia Sancti Petri loco et teritorio et curte et (b) pertinentia Paytoni et Gavar|di, et cum omni iure, actione et ratione ei pertinente, inintegrum, et cum | omni eo quod invenire poterunt quod ad illud feodum (c) pertineat vel pertinere | debeat. Eo modo fecit hanc finem et refutationem et datum, et per predictorum | parabolam, quod non amplius debet agere nec causare (d) s(upra)s(crip)tum (e) abatem | nec prenominatam ecclesiam nec illos cui vel quibus dederint, dicendo quod | habeat aliquid ad requirendum in prenominato (f) feodo (g), s(et) omni t(em)pore tacitus et con|tentus permanebit; quod si deinde egerit vel causaverit et omni t(em)pore taci|tus et contentus non permanserit vel si aparuerit ullum datum quod in aliam partem | fecisset et clarum fieret, promisit prenominato Morunto, ab eo stipullan|ti nomine et vice ia(m)dicte ecclesie et d(omi)ni abatis, in duplum ei resar|cire da(n)num quod inde haberet. Et pro ipsa fine et refutatione et dato fuit | confessus predictus Kiroldus se accepisse a iamdicta ecclesia libras sex i(m)|perial(ium) et .XII. i(m)perial(ium), quos (h) tenebat in feodum a iamdicta ecclesia, in alodium, | loco Sethergno, cum omni eo quod ad illos (i) denarios pertinet. Preterea iuravit | idem Rethulfus, per se et predictorum fratrum parabolam, et ipsi fratres confiten|tes se habere .XIIII. annos et plus pro unoquoque, quod in perpetuum habebunt et | tenebunt omnia predicta rata et firma. Et confessus fuit ipse Ki|roldus quod ei dederat tenutam s(ilicet) d(omi)no abati de iamdicto feodo. Actum est hoc anno a nativitate Domini .MC. no|nag(esimo) .VII., indictione .XV.
(SN) Lafrancus notarius sacri pall(acii) ego interfui et rogatus scripsi.


(a) i- su rasura.
(b) et (nota tironiana) aggiunta successivamente tra le due parole contigue.
(c) -o- nel sopralineo.
(d) -r- corr. da altra lettera.
(e) -u- corr. da a.
(f) La prima n corr. da altra lettera principiata.
(g) feodo corr. da feodu(m) mediante correzione di -o da u e depennamento del segno abbr. (tratto orizzontale).
(h) q(u)os da q(uod) mediante espunzione del segno abbr. (tratto obliquo intersecante il gambo di q) e aggiunta nel sopralineo di os con funzione anche di segno abbr.
(i) -o- corr. da u.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS