Lombardia Beni Culturali
165

Carta venditionis

1200 febbraio 1, Serle.

Giovanni detto Spinel, de superiori villa di Serle, e Nana sua moglie, ambedue di legge romana, dichiarano di aver ricevuto da Retaldo Casali cinquanta soldi di moneta bresciana meno due mezzani quale prezzo della vendita di due appezzamenti di prato, il primo sito in Volarme, il secondo sito in Cariadeghe.

Originale, ASVat, FV, I, 2796 (SPM, 195) [A]. Nel verso annotazioni di epoca moderna, tra cui segnatura del sec. XVI: 38, 1202 primo februarii.

La pergamena, comprendente il presente documento e quello successivo, risulta erroneamente collocata in Archivio fra quelle del secolo XIII, immediatamente seguita da altra (n. 2797) che ci tramanda un documento del 1207 maggio 31.
Le rosicature presenti lungo tutto il margine sinistro hanno coinvolto passaggi della scrittura cos limitati da non impedire il restauro integrale e sicuro del dettato. Non mancano modeste rosicature nel margine esterno nonch, qua e l, circoscritti sbiadimenti dell'inchiostro. presente la rigatura a secco.

(SN) In Cristi nomine. Die martis primo intrante februario, anno Domini mill(es)imo .CC., | inditione tercia. Constat nos Iohannem, qui d(ico)r Spinel, de superiori villa de Serlis, et Nanam, | que in hac vendicione omni iuri suo et omni auxilio legis renontiavit, et qui professi sumus lege |[vi]vere Romana, accepisse sic(ut) in presentia testium manifesti sumus quod accepimus a te Rehtaldo Casali | .L. sol(idos) Brixiensis monete, duos mezanos minus, finito precio, ut (a) inter nos convenimus, nominatim pro |[p]eciis duabus de terra prativva. Prima p(ecia) iacet in Volarme; coheret ei: a mane Pizolus, a meridie Mar|[ki]sius, a sera Boldus. II p(ecia) iacet in Cairiatice (b); coheret ei: a mane Pizolus, a meridie Acerbus, a sera Zerutus. |[Q]uam vero predictam terram iuris nostri superius dictam pro s(upra)s(crip)to precio nos predicti iugales, s(ilicet) Iohannes et Nana, per |[n]os et per nostros heredes, tibi Rehtaldo tuisque heredibus, cum omni usu sibi pertinenti, vendimus, tradimus, |[cedi]mus, conferrimus et per presentem cartam nostre vendicionis in te habendum confirmamus, nulli venditam, |[tradi]tam neque alico modo alienatam nisi tibi Rehtaldo tuisque heredibus, ut facias inde tu et heredes |[tui] aut cui vos dederitis una cum accessu et egressu seu cum superioribus et inferrioribus suis qua|[li]t[er] supra legitur, inintegrum (c), iure proprietario nomine quicquid volueritis sine omni nostra nostrorum | heredum contradictioneque. Equidem promittimus nos venditores, per nos et per nostros heredes, tibi Rehtaldo | tuisque heredibus vel cui dederitis predictam terram ab omni persona contradicente defendere et vuarentare | sub pena dupli tocius da(m)pni sic(ut) pro t(em)pore fuerit meliorata vel valuerit sub exstima|cione bonorum hominum in consimili loco vel locis, stipulacione a predictis venditoribus promissa. | Actum est hoc in domo venditorum. Signa ++ (d) manuum venditorum qui hanc cartam fieri rogaverunt. | Signa + manuum testium rogatorum, silicet Gerardi Avezute et Boldelli atque Marti|ni Toculli. Ego Pizolus de Vall(is) notarius rogatus interfui, hanc cartam scripsi.


(a) ut nell'interlineo, con segno di richiamo.
(b) La prima i nell'interlineo, con segno di richiamo.
(c) inintegrum risolto con una stilizzazione costituita dal grafismo .. ripetuto tre volte.
(d) Le croci, qui e nel caso seguente, sono rese con un grafismo costituito da due linee parallele e dentellate.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS