Lombardia Beni Culturali
167

Cartula confessionis

1200 febbraio 17, in loco Sirane.

Galeta de Sirana, Guido e Borato de Sogina, dopo aver giurato di rimettersi al giudizio di Droghetto de Provignana, console di Paitone, confessano nei confronti di Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, che tutta la terra allodiale di Querco appartiene al districtus del monastero, al quale dovrà essere pagata la decima, individuando in particolare, del predetto allodio, tre appezzamenti, siti in villa Sirane: il primo con casa posseduto dai figli del fu Boniprando; il secondo abitato da Belenzano; il terzo sito dietro la casa dello stesso Belenzano.

Originale, ASVat, FV, I, 2765 (SPM, 164) [A]. Regesto, ASVat, FV, II, Registro 95, c. 7v, alla data 1200 febbraio 13 [R]. Nel verso di A, di mano coeva: Designatio (desigatio) [[.............]] de [[.........]]| in Sirana; di mano di poco più tarda: § Carta de Surana de sorte Quercus; segnatura del sec. XVI: 30, 1200 13 februarii. In R, al termine del dettato, segnatura: N° 30.

Cf. MENANT, Gli scudieri, p. 286 (nota 25, sotto la segnatura errata "FV, 2065"); MENANT, Campagnes, p. 135 (nota 371).

Circa il contenuto cf. docc. 171, 172.
Il 1200 febbraio 17 cade di giovedì.

(SN) In Cristi nomine. Die mercurii tercio decimo die exeunte mense februarii. | In loco Sirane. Presentibus Bellotto et Morunto de Carpegno et Vitale | Gazoli et Zafredo et Grimaldino et Lafrancino filio condam Ferarii de Sirana et Adami|no cui dicitur Casso et Teutaldo Petri Robertorum et Capello de Marguzio et Gicgone Pay|toni et Obizone filio Berte de Sera atque Boniprandino nepote ipsius Obizonis testibus. | Galetha de Sirana et Vuydo atque Boratus de Sogina ibi in presenti per sacramentum | quo ipsi confessi fuerunt ad invicem fecisse stare precepto Droghetti de Provignana, | tunc consulis de Paytono, et verbo ipsius Drochetti, predicto sacramento interposito, dixe|runt atque confessi fuerunt d(omi)no Alberto, Dei gr(ati)a abati monasterii Sancti Petri in Monte, | quod tota illa terra universaliter alodii Quercus fore et est de districto et de|cima predicti monasterii, ubicu(m)que inveniri potest, et specialiter dessignaverunt | sub predicto sacramento tres pecias terre fore predicti alodii ia(m)dicto d(omi)no aba|ti, que iacent in villa Sirane. Prima quarum est casata et quam possident filii | condam Boniprandi; coheret ei: a mane ecclesia Sancte Iulie, a m(er)y(di)e filii Vere, a sera | via, a monte Belenzanus. Qui autem Belenzanus osspitatur secundam peciam, | cui coheret (a) ipse Belenzanus undique, preter a sera via publica est. Tercia | que iacet retro domus ipsius Belenzani: ab omni parte ipse Belenzanus, preter | a sera ubi est via publica.
Actum est hoc anni Domini mill(ess)imo ducentessimo, indictione tercia. Ego Ioh(anne)s | domini Henrici inperatoris (1) notarius de Serlis interfui, rogatus hanc cartulam scripsi.


(a) A coheet (-et nota tironiana) senza segno abbr. per r.

(1) Enrico VI.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS