Lombardia Beni Culturali
173

Cartula refutationis

1200 maggio 16, Sopranico.

Girardo e Lanfranchino, figli del fu Belleso de Suvernico, rinunziano in favore di Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, a ogni diritto da essi esercitato sulla ripa sita presso la Vendra, in luogo detto al Lavarono, per la quale pagavano il fitto ad Albagno e ai figli di Becco de Casscutino per ordine di un abate, secondo quanto attestato in un documento del monastero, ricevendo dall'abate Alberto gli anzidetti rinunzianti dieci soldi di mezzani.

Originale, ASVat, FV, I, 2770 (SPM, 169) [A]. Nel verso segnatura del sec. XVI: 15, 1200 16 maii.

La pergamena, in buono stato di conservazione, presenta la rigatura a secco nonché forellini di cucitura nel margine esterno. Il presente documento era preceduto sulla stessa pergamena da altro deperdito, del quale sopravvivono tracce di scrittura dell'ultima riga del dettato nel margine superiore. Tutto lascia credere che il taglio della pergamena per la separazione dei due negozi vada accreditato allo stesso rogatario.

(SN) In Cristi nomine. Die martis qui fuit sedecim dies intrante | madio, .M°C°C°., indicione tercia. In domo filiorum | condam Bellessi de Suvernico. Presentia horum testium, si|licet d(omi)ni Iohannis monaci de Sancto Petro in Monte et Maz|zola de Suvernicho, Girardus et Lafrancinus fratres, filii condam | Bellesi, refutaverunt in manus d(omi)ni Alberti abatis de Sancto Petro | in Monte, nomine et vice s(upra)s(crip)ti monassterii, totum ius et totam raci|onem et accionem et usanciam quod aut quam abebant et ad eos perti|nebat in tota una ripa ab uno capite usque ad reli|cum, quam dicebant esse iuris s(upra)s(crip)ti monassterii, et de ea da|bant fictum Albagno et filiis Becchi de Casscutino, per parabo|lam (a) cuiusdam d(omi)ni abatis de Sancto Petro, sicuti continetur in quadam | sua cartulla (1). Et ipse Albagnus et filii Becchi eam ripam tenebant | per s(upra)s(crip)tum monassterium, et iacet ipsa ripa prope Vendram, in loco | ubi dicitur al Lavarono, et dicunt eam tenere a via que vadit | ad pontem per quem illi de Suvernico vadunt Musuagham | usque ibi ubi vicini de Vaio fecerunt clusam, et est ipsa ripa | subter ca(m)pum qui est inter Vendram et viam que vadit Gavardum; et | eo modo et ordine fecerunt s(upra)s(crip)tam refutacionem prefato d(omi)no abati | ut ipse d(omi)nus, et qui pro t(em)pore fuerit, et cui dederit, abeat et | teneat s(upra)s(crip)tam ripam et usanciam ipsius ripe et fruges quas | abere poterit, nec s(upra)s(crip)tis fratribus sit licencia in alico t(em)pore de | ea prefatum monasterium, aut cui dederit, de ea inquietare | vel controversiam aliquam de ea movere, set sic sint taciti et con|tenti, et sub pena de centum sol(idis) i(m)perialium s(upra)s(crip)ta refuta|cione i(n) perpetuum firma manente, pro qua d(omi)nus abas s(upra)s(crip)tis fra|tribus dedit .X. sol(idos) mezanorum. Ego Albertus de | Vall(e) notarius rogatus hanc cartullam scripsi (SN).


(a) A parobo|lam.

(1) Non è stata reperita.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS