comune di Angera 1798 - 1815

Con la legge 26 marzo 1798 di organizzazione del dipartimento del Verbano (legge 6 germinale anno VI b) il comune di Angera divenne capoluogo del distretto omonimo.
Soppresso il dipartimento del Verbano (legge 15 fruttidoro anno VI c), con la successiva legge 26 settembre 1798 di ripartizione territoriale dei dipartimenti d’Olona, Alto Po, Serio e Mincio (legge 5 vendemmiale anno VII), Angera rimase capoluogo di distretto nel dipartimento d’Olona.
Il comune, in forza della legge 13 maggio 1801 di ripartizione territoriale della repubblica Cisalpina (legge 23 fiorile anno IX), venne poi incluso nel distretto II di Varese del dipartimento del Lario.
Con l’attivazione del compartimento territoriale del regno d’Italia (decreto 8 giugno 1805 a) Angera divenne capoluogo del cantone III di Angera del distretto II di Varese, nell’ambito del dipartimento del Lario. Il comune, che era di III classe, contava 1265 abitanti.
Il 21 dicembre 1807 Angera e le terre circonvicine avanzarono una petizione per essere aggregate al dipartimento d’Olona (Petizione cantone di Angera, 1807).
A seguito dell’aggregazione dei comuni del dipartimento del Lario (decreto 4 novembre 1809 b), in accordo con il piano previsto giÓ nel 1807 e parzialmente rivisto nel biennio successivo (Progetto di concentrazione 1807, Lario), il comune denominativo di Angera, con i comuni aggregati di Angera, Barzola, Capronno, Ranco ed uniti, e con 1722 abitanti complessivi, figurava nel cantone II di Gavirate del distretto II di Varese, e come tale, comune di III classe, fu confermato con il successivo compartimento territoriale del dipartimento del Lario (decreto 30 luglio 1812).

ultima modifica: 07/06/2004

[ Claudia Morando, Archivio di Stato di Varese ]