comune di Brenna sec. XIV - 1757

Negli “Statuti delle acque e delle strade del contado di Milano fatti nel 1346” Brenna risulta incluso nella pieve di Mariano e viene elencato tra le localitÓ cui spetta la manutenzione della “strata da Niguarda” come “el locho da Brena con Pozolo” (Compartizione delle fagie 1346).
Insieme a tutti i comuni della pieve di Mariano, era sottoposto dal 1450 alla giurisdizione del Vicariato di Mariano, affidato alla famiglia Marliani. Sempre insieme a tutta la pieve il comune fu infeudato a partire dalla seconda metÓ del XV secolo alla contessa Lucia Visconti Marliani (Casanova 1904).
Nei registri dell’estimo del ducato di Milano del 1558 e dei successivi aggiornamenti al XVIII secolo, il comune risulta ancora compreso nella medesima pieve (Estimo di Carlo V, Ducato di Milano, cart. 28).
Dopo un breve periodo, in cui Brenna e tutta la pieve di Mariano rimase nelle mani della famiglia Giussani, il comune torn˛ dal 1590 ad essere infeudato ai Marliani che lo tennero sino al 1683 quando pass˛ al questore Flaminio Crivelli (Casanova 1904).
Nel “Compartimento territoriale specificante le cassine” del 1751, Brenna era sempre inserito nel ducato di Milano, nella pieve di Mariano, ed il suo territorio comprendeva anche i cassinaggi di “Borlasco superiore”, “Borlasco inferiore”, “della CÓ”, “della Canova”, “Pizzolo superiore” e “Pizzolo inferiore” (Compartimento Ducato di Milano, 1751).
Dalle risposte ai 45 quesiti della giunta del censimento del 1751 emerge che il comune, che era infeudato al marchese Enea Crivelli al quale la comunitÓ non versava alcun tipo di tributo, contava 407 abitanti. Disponeva di un console e di un cancelliere, il quale aveva il compito di conservare le poche scritture costituite essenzialmente dal “Libro dei riparti” e veniva retribuito con salario annuale. Ai “primi estimati” spettava l’amministrazione del patrimonio e la vigilanza sui pubblici riparti. Incaricato delle riscossioni dei carichi e del pagamento delle spese era un solo esattore. Il comune era sottoposto alla giurisdizione di un podestÓ feudale, che si avvaleva di un luogotenente con ufficio in Verano, al quale veniva pagato un salario annuo. Il console prestava annualmente l’ordinario giuramento alla “Banca criminale di Milano”, all’ufficio feudale in Verano, oltre che alla “Banca di Vimercate” (Risposte ai 45 quesiti, 1751; cart. 3042).
Sempre inserito nella pieve di Mariano, Brenna compare nell’“Indice delle pievi e comunitÓ dello Stato di Milano” del 1753 ampliato nei suoi confini con l’aggregazione del territorio delle comunitÓ di Incasate e di Cassina Guarda (Indice pievi Stato di Milano, 1753).

ultima modifica: 02/01/2004

[ Domenico Quartieri ]